giovedì 5 agosto 2010

Forse la più grande trovata della mafia dei cartelloni: gli impianti serviranno per la sicurezza


A volte guardandoli in faccia, i nostri governanti, guardandoli in quegli occhi vuoti da pesce, ascoltando il loro frasario ciancicato privo di cura e congiuntivi, analizzando i loro provvedimento goffamente criminogeni, si può pensare di avere a che fare con dei sempliciotti, con degli incapaci presi in mezzo da pressioni più grandi di loro.
Poi ecco degli episodi che invece ti fanno pensare che no, che questi sono tutt'altro che degli sprovveduti, che l'astuzia non gli manca, che la malavita è qualcosa che gli scorre nelle vene, che tra mafiosi e criminali sono assai a loro agio e che pur di agevolare le loro lobby di riferimento ucciderebbero la propria madre con le proprie madri.

Non si spiega diversamente il provvedimento che, se passerà, segnerà una enorme sconfinata vittoria della mafia romana dei cartelloni. Che se passerà renderà di fatto inamovibili gli impianti per sempre, facendoli addirittura vedere con simpatia da tutta quella fascia di cittadinanza semplice e disinformata che costituisce ahinoi l'ottanta per cento del populus romanus.

Vogliono approvare un dispositivo per cui i cartelloni saranno dotati di telecamere di sorveglianza per la sicurezza della città. Un progetto naturalmente a carico dei privati che punta non certo ad aumentare la sicurezza di Roma (la città è attualmente di gran lunga la più sicura d'Europa sotto ogni punto di vista, tutto le occorre in questo momento fuorché una politica sulla sicurezza), bensì a rendere più digeribili ai romani i 150mila cartelloni che l'attuale sciagura amministrativa ha autorizzato. Avete capito il progetto? Io per far contenti i miei amici mafiosi ho autorizzato centinaia di migliaia di cartelloni, ho reso la città irriconoscibile e non paragonabile a nessuna altra città europea, mi sono accorto -anche se non me l'aspettavo- che la gente si sta incazzando di brutto, non ho alcuna intenzione di danneggiare la mafia che mi porta quei voti che mi sono necessari per essere rieletto e allora cosa faccio? Lego a doppia mandata i cartelloni con il concetto che sta maggiormente a cuore al cittadino bue, la sicurezza. E poi vado sui giornali a dire che i cartelloni sono tanti, si, ma su ciascuno c'è una telecamera che controlla la sicurezza dei cittadini e dunque averne uno davanti alla finestra sarà un piccolo sacrificio estetico, ma è un grande elemento di qualità della vita e tranquillità. Anzi, tutti dovrebbero richiederne uno nella propria strada. "Un progetto sperimentale che" scrive Il Tempo di oggi "dopo un passaggio in conferenza dei servizi, dovrà essere approvato dalla giunta comunale. Per installare il numero di telecamere necessarie su duemila metri quadri di cartelloni, almeno inizialmente, serviranno circa 800 mila euro. Anche se l'obiettivo è molto più ambizioso: arrivare a 12 mila metri quadri di impianti pubblicitari e a 4 milioni di euro per l'acquisto delle telecamere".

Una cosa davvero geniale che i comitati, le associazioni e possibilmente gli organismi europei dovranno trovare il modo di smontare prima ancora che venga approvato. Agli amministratori che si sono inventati di caricare "contenuti" su delle strutture che, lo sa pure un bambino, vanno rimosse quanto prima per consegnare la città ad una decenza europea, diciamo che la pagheranno. Cara la pagheranno. Ovvio che poi c'è la speranza che l'opposizione smascheri l'operazione, ad oggi la peggiore operazione puramente mafiosa che questa giunta ha proposto. Il prossimo passo sarà utilizzare i supporti dei cartelloni per la segnaletica verticale...

21 commenti:

  1. mi sembra che tutto alla fine torna: ieri stavo facendo un bel puttan tour sulla colombo e andando in direzione centro mi sono accorto di non so quanti megacartelloni della SCI nuovi di zecca piazzati sui marciapiedi, di finaco le ciclabili, dentro i girdini limitrofi alla colombo, ma ora capisco, servono per le telecamere.... BORDONI, una ne pensi 100 ne fai.

    RispondiElimina
  2. Questa gente laida e affarista che sta amministrando la nostra Roma è bene che al più presto torni a casa. Ogni giorno continuano a installare cartelloni e ora scopriamo pure questa sorta di "utilità"... Roba che all'estero ci ridono appresso a vedere il modo in cui "valorizziamo" il nostro patrimonio. Qui si valorizza solo quello di sporchi affaristi.

    RispondiElimina
  3. Legione Monteverde5 agosto 2010 09:55

    Dove è la magistratura? E' chiaro come l'acqua che questa giunta è permeata da infiltrazioni mafiose e camorristiche.

    ALEMANNO,BORDONI,TRDICINE DELINQUENTI!!

    RispondiElimina
  4. hai proprio ragione 8O% della popolazione di roma e' disinformata o peggio nn gli frega un cazzo ..non dobbiamo mollare ...le telecamere ...che figli di puttana.!! ma perche' la gente se fa' prende per il culo in questo modo ..la sicurezza de sta minchia !!!!!

    RispondiElimina
  5. Bisogna creare un fac simile di denuncia alla procura della repubblica da stampare, firmare ed inviare.

    RispondiElimina
  6. Borbardiamoli di denunce.

    RispondiElimina
  7. ALEMANNO AFRICANO !!!

    RispondiElimina
  8. E il garante della privacy che dice di questa trovata per giustificare i cartelli??? le telecamere se servono possono essere installate sui pali dell'illuminazione...a Roma ci sono già migliaia di telecamere accese...A che servono altre? Per spiare i cittadini??? e per giustificare un comparto affissioni in mano alla camorra e alla mafia.
    ALEMANNO, BORDONI, TREDICINE ladri.

    RispondiElimina
  9. SCRIVERE SUBITO UNA EMAIL AL GARANTE DELLA PRIVACY CHE VIGILA SUGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA PER IL RISPETTO DELLA PRIVACY. C'E' UN APPOSITO SITO WEB, SPIEGARE CHE QUESTA TROVATA SERVE A GIUSTIFICARE L'INVASIONE DI CARTELLI E CARTELLONI FUORI DA OGNI REGOLA E A TAMPONARE LA PROTESTA DI MIGLIAIA DI CITTADINI. FACCIAMO SUBITO!!!!
    CARLO

    RispondiElimina
  10. ECCO IL RIFERIMENTO:

    Il Garante per la protezione dei dati personali ha un’unica sede in Roma

    Indirizzo

    Piazza di Monte Citorio n. 121 00186 ROMA

    E-mail: garante@garanteprivacy.it

    Fax: (+39) 06.69677.785
    Centralino telefonico: (+39) 06.69677.1

    Reclami, segnalazioni e richieste di documentazione
    possono essere inviate al predetto indirizzo o via e-mail

    SEGNIALIAMO SUBITO IL PROGETTO DEL COMUNE DI ROMA TESO A GIUSTIFICARE L'ABUSIVISMO DELLE AFFISSIONI COSI SONO PREPARATI...ANZI SI SMUOVONO ALTRE ACQUE...
    carlo

    RispondiElimina
  11. Legione Monteverde5 agosto 2010 12:24

    Come prima mossa va benissimo, infatti le telecamere posso anche essere posizionate sui semafori o sui pali della luce.

    CI PENSATE VOI A SCRIVERE AL GARANTE O SCRIVIAMO TUTTI?

    ALEMANNO SEI UN CAMORRISTA... per il TG5!!!

    RispondiElimina
  12. scriviamo in tanti penso dia piu peso specifico alla segnalazione...
    Carlo

    RispondiElimina
  13. che idea bordoni....mettiamo le telecamere sui cartelloni, perfetto. Pero' tutti gli altri senza telecamera gli dai fuoco vero? per inutilità e danno. Oppure pensi di metterci che so...ventilatori per il caldo, stufe per il freddo, vibratori per donne sole... carta igienica per bisogni improvvisi...Su pensa Bordoni che dal salume qualche idea verrà pur fuori per cercare di rendere simpatici quei 150.000 catafalchi che hai fatto installare e per i quali dovrai pagari i danni.

    RispondiElimina
  14. hanno appena restaurato la facciata razionalista dell'Ufficio postale di piazza bologna. Hanno pure speso soldi per farci l'illuminazione artistica serale della facciata...e ora cominciano ad apparire nuovi cartelli che coprono la facciata !!!!!!!!!!!!!!
    Vanno ri-segati.
    Carlo

    RispondiElimina
  15. Legione Monteverde5 agosto 2010 15:11

    Fatto, scritto al garante.

    ALEMANNO SINDACO DEL DEGRADO...per il TG5

    RispondiElimina
  16. Resistenza Attiva5 agosto 2010 15:20

    Siccome prevenire è meglio che curare vorrei suggerire un sito ai lettori del blog:

    http://www.filiarmonici.org/tvcc.html#1

    "come distruggere telecamere di sorveglianza"

    Comunque non sono contro le telecamere ma contro i cartelloni che dovrebbero sostenerle.
    Ma se per abbattere un cartellone devo stare attento anche alle telecamere, tanto vale premunirsi.
    CHI me l'avrebbe detto che sarei arrivato a questo...
    ma ci costringono.

    Comunque... BORDONI... ti controlliamo!!! NON CI FACCIAMO PRENDERE PER IL CULO.

    RispondiElimina
  17. Ragazzi lasciate il commento all'articolo io l'Ho fatto è il primo.

    http://www.iltempo.it/roma/2010/08/05/1187317-telecamere_cartelloni_sponsorizzate_privati.shtml

    RispondiElimina
  18. Resistenza Attiva5 agosto 2010 15:59

    E io per secondo...
    FORZA!!!
    Scrivete tutti!
    Vomitiamo la nostra rabbia sul sito de
    Il Tempo, amico di Bordoni e Alemanno.

    RispondiElimina
  19. Resistenza Attiva5 agosto 2010 16:27

    Dopo mezz'ora ancora non l'hanno pubblicato... forse sono stato troppo duro... eppure non ho detto parolacce...

    RispondiElimina
  20. Resistenza Attiva5 agosto 2010 17:08

    Insomma!!! quanti leggono 'sto blog?? finora solo 4 persone hanno scritto sul sito de Il Tampo in merito all'ultima vergognosa idea di Bordoni.
    SCRIVETE E DIMOSTRATE IL VOSTRO DISPREZZO PER L'IDEA CHE HANNO AVUTO BORDONI E COMPANY.
    Il vostro commento finirà su un giornale nazionale e soprattutto su un giornale degli amici di Bordoni.

    RispondiElimina