venerdì 6 agosto 2010

Il nuovo gioco dell'estate? Indovina il cartellonaro criminale

Caro Cartellopoli,

dato che la città è stata evidentemente "preparata" con centinaia di buchi a predisporre una nuova invasione agostana di cartelloni, potremmo istituire un nuovo gioco estivo: si fotografano i buchi, poi si prova a indovinare la concessonaria che si ruberà ancora un altro poco del nostro suolo, del nostro cielo, del nostro panorama. Fra qualche settimana, ma anche meno, avremo la risposta al concorso.
Ad esempio i buchi della foto sono locati in Via Antonelli altezza civico 18. Notare la completa assenza di ogni forma di recinzione, anche la più blanda (notare anche, ingrandendo la foto, lo stato incredibile del marciapiede: erbacce alte un metro, rattoppi, asfalto a pezzi, cigli inesistenti. E siamo nel cuore dei Parioli. Dove le case costano uno o due milioni di euro, come un palazzo intero nella zona più chic di Berlino NdCartellopoli). Se ci passasse un pedone distratto (quale io sono), un bambino, un anziano, un non-vedente?
Possibile che la sicurezza del cittadino non abbia nessun rilievo rispetto agli interessi di pochi?
Malaroma

***
Caro Malaroma,
la problematica che poni è strategica: i minicantieri sono illegali, fuori norma, criminali. Cosa fare? Se noi fossimo un movimento ben strutturato per danneggiare questi assassini fingeremo degli incidenti con nostri appositi attivisti e militanti ricoverati per contusioni previo rilievi da parte delle forze dell'ordine. Con massiccia richiesta di danni, considerevoli, ai responsabili. Intanto diamo il via al gioco "indovina il cartellonaro criminale", ma poi -quando il cartellone sarà installato- devi dirci chi era eh!
-Cartellopoli

16 commenti:

  1. Caro Malaroma
    Ti fornisco una ricetta facile facile:

    1 sacchetto di sabbia da 5 kg
    4 kg di cemento
    2 o 3 kg di brecciolino
    acqua q.b.
    impastare il tutto in una cofana (va benissimo anche un vecchio secchio),lasciando l'impasto morbido così che scenda meglio nei buchi e si faccia meno fatica ad impastare. Il volume di materiale da impastare sarà di circa 30 litri (diametro foro 20 cm altezza 50 cm). In alternativa con una bomboletta grande di poliuretano espanso puoi ottenere circa lo stesso risultato faticando meno, ma faticheranno meno anche i cartellonari a rimuoverlo (costo sui 10 euro). Ti consiglio di fare l'operazione in pieno giorno, in modo di poter godere anche della riconoscenza che ti mostreranno i cittadini (in fondo stai facendo una cosa di pubblica utilità).

    RispondiElimina
  2. Alemanno sta svendendo Roma al miglior offerente. Che tristezza!!!

    RispondiElimina
  3. BOMBARDIAMOLO DI PROTESTE:

    http://www.davidebordoni.net/
    (oppure http://www.davidebordoni.it/)

    ufficiostampa@davidebordoni.it
    davide.bordoni@comune.roma.it

    RispondiElimina
  4. Form di richiesta informazioni
    compila il seguente modulo per inviare un'email a Davide Bordoni. www.davidebordoni.net

    Salve,
    volevo fare due domande all'assessore Bordoni, ho qualche dubbio in merito:
    1) Con quale gara d'appalto sono stati assegnati i lavori per la rimozione dei cartelloni abusivi?
    2) Come giustificano alla Corte dei Conti il costo delle rimozioni? Perchè non hanno controllato prima visto che avevano la banca dati.Si chiama DANNO ERARIALE, o sbaglio?

    RispondiElimina
  5. Ecc.ma Corte dei conti,
    scrivo la presente da cittadino che paga le tasse, in verità non so se sto commenttendo uno sbaglio e se questo è l'ufficio deputato per questa segnalazione e/o richiesta di
    informazioni, o se questa mia e-mail possa essere ammessa a risposta.
    Premesso che il Comune di Roma in questo periodo sta effettuando una bonifica relativamente all'installazione sul suolo comunale di cartelloni pubblicitari abusivi.
    Volevo chiedere, avendo lo stesso Comune istituito una banca dati relativa alle ditte autorizzate all'installazione, quindi sotto controllo, come vengono giustificati i costi relativi alla rimozione dei suddetti impianti pubblicitari abusivi, se controllo non c'è stato, non si potrebbe trattare di danno erariale?
    Grazie per l'attenzione concessa, porgo distinti saluti.

    RispondiElimina
  6. Intanto in città è arrivata la Madre di Tutti i Cartelloni ... Il ponte della Ferrovia fra Piazzale della Radio e via Ettore Rolli sotto la Stazione Trastevere è diventato un immenso mostro giallo ...

    RispondiElimina
  7. Invito tutti gli anonimi che segnalano nuovi mostri a fotografarli ed inviare gli scatti alla mail: cartellopoli@gmail.com.
    Su che ormai la fotocamera nel cellulare l'abbiamo tutti.
    Grazie.

    RispondiElimina
  8. Questi laidi sordidi deturpatori del suolo di Roma, appoggiati da un'amministrazione comunale senza scrupoli, CONTINUANO IMPERTERRITI a installare catafalchi ogni notte, SENZA SOSTA, nel pieno menefreghismo di chi deve tutelare il bene pubblico. VERGOGNA!!

    RispondiElimina
  9. Una città governata da barbari incivili.

    RispondiElimina
  10. NUOVO ARTICOLO SUL TEMPO LASCIATE COMMENTI.

    http://www.iltempo.it/cronaca_locale/roma/2010/08/06/1187649-guerra_cartelloni_abusivi.shtml

    RispondiElimina
  11. sui giornali non parlano delle 310 ditte che si spartiscono il bottino dei cartelloni, una cosa indecente!

    RispondiElimina
  12. Ho contato tutti i cartelloni comunali da Ponte Garibaldi fino a Ponte Cavour, dal lato Via Giulia, sono ben 40! Nell'ultimo anno sono stati sostituiti con cartelloni nuovi di zecca, al posto dei vecchi scassati e arrugginiti anche ad altezza bambino (pericolosissimi!) e fortunatamente non sembra siano aumentati di numero. Ma prima di questo blog non avevo mai fatto caso a quanti ce ne fossero. Quaranta, una cifra incredibile, considerando che siamo in pieno centro storico. Quaranta in appena 2,5km, alla media cioè di 1 cartellone ogni 60 metri. Ce n'è pure uno all'inizio di Via Giulia.

    RispondiElimina
  13. Se lo spartisce la mafia cartellonara il bottino.

    RispondiElimina
  14. A mio avviso la partita si dovrebbe giocare anche su un altro piano, e cioè quello di andare a sensibilizzare chi gli annunci o i cartelloni li mette senza nemmeno preoccuparsi se siano legali o meno.

    Per esempio dalle mie parti c’è un supermercato coop i cui cartelloni pubblicitari sono stati messi in prossimità di rotonde o in spartitraffico piccolissimi, e dunque mi proponevo di documentare la cosa e chiedere alla direzione come mai, loro che si proclamano così attenti all’ambiente, invece istallano cartelloni in violazione delle regole del codice della strada.

    Oppure si potrebbe chiedere direttamente a chi fa pubblicità, per esempio per i propri concerti o eventi, se per caso è a conoscenza che le agenzie pubblicitarie che probabilmente paga profumatamente deturpano la città facendogli fare una pessima figura.

    In questo modo, sempre che il committente sia onesto, forse si deciderà a cambiare agenzia pubblicitaria, e forse ci sarà qualche cartellone illegale in meno.

    dar

    RispondiElimina
  15. QUALCUNO SA OGGI BORDONI DOVE HA FATTO FINTA DI RIMUOVERE CARTELLONI =?

    Oppure dopo la propaganda di ieri già è tutto fermo ?

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  16. ATTENZIONE: LE DITTE ABUSIVE SONO RICCHE E DUNQUE SI POSSONO PERMETTERE AVVOCATI E SPESE.

    SE CONTATTATE GLI INSERZIONISTI PER SENSIBILIZZARLI AL PROBLEMA DELL'ABUSIVISMO, NON ESPRIMETE MAI CERTEZZE O GIUDIZI DI MERITO CIRCA LE AGENZIE DI PUBBLICITA', RISCHIATE DENUNCE PER DIFFAMAZIONE....

    RispondiElimina