venerdì 27 agosto 2010

Togliete sta merda dai nostri marciapiedi




L'ennesimo botto. Questa volta a Via del Corso. E naturalmente pali scheggiati, spunzoni metallici e pezzi di orologio sono stati lasciati li sul posto, assicurati al muro con uno spago. In un campo rom le cose sarebbero state fatte con più perizia.

11 commenti:

  1. Certo al campo Rom c'è Gianni Alemanno che ci pensa. A Roma ci pensano Er mutanda Tredicine e Bordoni er magna magna.
    Ora è diventato pure il massimo esperto di Tor Bella Monaca.

    Alemanno principe dei Rom.

    RispondiElimina
  2. Si può fare un esposto alla procura per danno erariale da parte della giunta comunale, i costi delle rimozioni chi li paga?, i danni ai marciapiedi chi li paga?

    procura.regionale.lazio@corteconti.it

    RispondiElimina
  3. Immaginate le Ramblas con un cartellone rotto e legato col nastro ai muri e palo spaccato in mezzo al marciapiede..

    RispondiElimina
  4. SIAMO GOVERNATI DA ANIMALI SELVATICI

    RispondiElimina
  5. Il paragone con Barcellona lo proposi anche io tempo addietro nel mio blog: e parliamo di una città che non è la capitale di uno degli Stati fondatori della Comunità Europea, ma una bella città mediterranea, latina, con un'Amministrazione (presente e passate) che funziona, che tutelano il decoro: lì NON trovi alcun cartellone, sia in centro, sia in periferia (e non siamo nel nord-europa...).

    A Roma? A Roma regna lo SCHIFO e il DEGRADO assoluto. VERGOGNA.

    RispondiElimina
  6. MIGLIAIA DI BUCHI SU MARCIAPIEDI APPENA RIPAVIMENTATI, STRADE, AREE VERDI. CHI PAGA IL RIPRISTINO DEI LUOGHI?

    BORDONI DIMETTITI.
    MAGISTRATURA INTERVIENI
    FORZE DELL'ORDINE ACCHIAPPATELI TUTTI

    RispondiElimina
  7. ALEMANNO PEGGIO DI UN ROM

    RispondiElimina
  8. Alemanno ? Rimpatriatelo !!
    Bordoni bancarellaro di ciavatte false

    RispondiElimina
  9. I cartelloni davanti al Colosseo e alla Colonna Traiana,ulteriore SFREGIO criminale alla storia e all'identita dell'Urbe sono la cartolina che dobbiamo spedire a tutti i quotidiani europei ed americani.
    Propongo a tutti i lettori di Cartellopoli e al Comitato promotore dell raccolta di firme di organizzare una manifestazione entro i primi di settembre coinvolgendo la stampa internazionale,in uno di questi luoghi simbolo della nostra amata città.
    Mi impegno sin da oggi a organizzare l'iniziativa e chiedo a tutti di fornire contatti, se ne hanno, con giornalisti stranieri.
    Dobbiamo coinvolgere quante più persone possibile e manifestare il nostro sdegno ALLA LUCE DEL SOLE in mezzo a migliaia di turisti.
    Mi sembra ovvio, infine, che dopo l'ulteriore selvaggia proliferazione di impianti (soprattutto della SCI) di questo ultimo mese l'assessore Bordoni, Paciello e i GSSU hanno una credibilità pari a zero e che hanno perso l'ultima occasione di un vero dialogo col movimento anti-degrado.

    RispondiElimina
  10. bisogna portarli in centro si ma anche in altre strade di quartieri meno centrali che stanno anche peggio, vedi l'appia, la salaria, il foro italico, piazza mazzini e cosi via...facciamogli vedere e spiegamo loro come la mafia dei cartelli imperversa con l'appoggio dell'amministrazione. Basta mostrare loro le denunce e verificare che dopo mesi il cartellone denunciato sta ancora li, invece di essere rimosso dopo 48 ore come dice quel pallonaro di bordone e il suo scudiero paciello (ma sarà parente di don raffaele cutolo???).

    RispondiElimina
  11. organizzare anche una mostra fotografica, ci sono migliaia di situazioni da mostrare!!!! sia in un locale dove chiamare la stampa che sul web !!!!!!!!

    RispondiElimina