venerdì 3 settembre 2010

Ancora rassegna stampa dopo le idiozie di Ale-danno

Ampia rassegna stampa nel giorno successivo alle imperdonabili dichiarazioni del sindaco Gianni Ale-danno (irreparabile) riguardo alle fantomatiche rimozioni di mille-cartelloni-in-settembre (su un totale di oltre 100mila, ovvero "vi toglieremo meno dell'1% dello schifo che vi abbiamo somministrato). Facciamo un po' la disamina di agenzie, siti, articoli di giornale.
Il contributo più bello, lo dà ancora una volta Catarci con una agenzia ADNKronos, il presidente dell'XI Municipio dimostra ormai la sua acquisita competenza in materia e la sua autentica voglia di risolvere il problema. E' l'unico a citare la Delibera di Iniziativa Popolare: perché Alemanno parla di 1000 rimozioni e non parla delle 10mila firme che i cittadini hanno raccolto per cambiare le regole del gioco (al massacro)? Molto bene anche Il Post, che contestualizza il problema con la consueta perizia e cita Cartellopoli. Affari Italiani fa un articolo scritto in ginocchio, un pro-Alemanno che finisce per danneggiare il protagonista del pezzo, dipinto come un principe rinascimentale intento a rendere perfetta la città. Certo, mai ridicolo come l'agenzia (sarà la trentesima o la trentunesima da inizio giornata?) di Giordano Tredicine, il rampollo della famiglia zingara (e sedicente mafiosa) che controlla l'indecoroso mercato dei camion-bar (sovente parcheggiati sulle strisce) che impedisce la vista a qualsiasi monumento della città, parla di legalità, di rispetto della legge e di decoro. Non sa che se i cartelloni sono la prima casa di iquinamento visivo della città, i camio-bar sono la seconda quasi a perimerito. Tredicine, poi, cita anche il "nostro" cartellone a Viale di Tor di Quinto.
La foto di Tor di Quinto, una denunzia partita da Cartellopoli qualche giorno fa e arrivata all'on Guidi, la pubblica anche Il Messaggero in un articolo che però purtroppo risulta assai confuso, peccato per il bravo Marincola che ad un certo punto afferma che Bordoni, dopo le proteste, avrebbe rimosso i cartelloni abusivi (ah si?). Le interviste sono per Athos De Luca e per l'amico Roberto Crea di CittadinanzaAttiva secondo il quale occorre "apprezzare lo sforzo" del Comune per rimuovere mille impianti mentre il sindaco "fa bene" ad incaricare la Guardia di Finanza. No comment davvero!
Il Corriere della Sera fa un pezzo contro il Comune online, e un pezzo a favore di Bordoni su carta. Beato chi ci capisce qualcosa, sicuramente non i lettori che ne escono sconfitti. Cari amici del Corriere, non bisogna essere equilibrati per forza. Se si racconta uno tsunami che uccide 100mila persone, si può anche scrivere che è brutta cosa eh, non bisogna necessriamente andare alla ricerca della dichiarazione che riequilibri, di qualcuno convinto che gli tsunami siano cosa buona e soprattutto giusta.
Libero, infine, racconta -ancora seguendo le gesta del consigliere del II Municipio Massimo Inches- di un buffo cartellone ai Parioli che addirittura ruba la luce elettrica ad una centralina Atac.
Voi vi sorprendete che i cartellonari si comportino come rom? Noi proprio no...

18 commenti:

  1. Resistenza Attiva4 settembre 2010 08:57

    A regà.. sò sconfortato! A leggere la stampa Alemanno, Tredicine e Bordoni ne escono come il 7° Cavalleggeri.. Arrivano i nostri e salvano la città. Solo Catarci, De Luca e Tonelli gliene hanno cantate quattro! Urge un comunicato ufficiale del Comitato che sbugiardi questi "angioletti". Comunicato veloce, puntuale, attinente e soprattutto divulgato rapidamente. Non facciamo la fine del reclamo/replica al TG5, che è stato insabbiato dalla stampa.

    RispondiElimina
  2. "Abbiamo introdotto regole più rigide: in caso di impianti illegali, multiamo anche gli inserzionisti e facciamo togliere il cartellone entro 48 ore, altrimenti decade il titolo." (Assessore Bordoni)

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. "Ha fatto caso che i cartelloni sono concentrati nel primo e secondo Municipio e comunque nelle principali arterie di scorrimento? C'E' SPAZIO PER TUTTI, coinvolgendo di più le periferie e le strade laterali. La parola d'ordine è: delocalizzazione".
    (Assessore Bordoni)

    RispondiElimina
  5. A tutti i lettori di Cartellopoli:
    continuate a fare foto, inviatele ai giornali, iniviatele alle edizioni on -line (a proposito guardate repubblica.it pagina roma "la città che non va" e commentate numerosi!),scrivete lettere di protesta, scrivete a Report,alle Iene, continuate indefessi a mandare mail a davidebordoni@comune.roma.it e segnalazioniaffissioni@comune.roma.it
    Non molliamo! Ogni nostro gesto è fondamentale!
    Devono sentire ogni momento la nostra indignazione!!!!

    RispondiElimina
  6. mi correggo ed aggiungo:
    davide.bordoni@comune.roma.it
    francesco.paciello@comune.roma.it

    RispondiElimina
  7. in riferimento al messaggio di Les delle 11.04 con la citazione di Bordoni:
    ma veramente Bordoni ha avuto il coraggio di dire cose del genere?
    Come può dire che i cartelloni sono concentrati nel municipio I e II o comunque nelle principali arteire di scorrimento?????
    Intanto stanno su tutto il territorio comunale senza distinzioni di zone. E poi grazie alla minchia che stanno sulle principali arterie... ce li mettono apposta perchè lì ci passano più personeeeeee!!!!!!! E' l'abc del cartellonaro.
    ha fatto un'osservazione da bambino dell'asilo, pensando di essere arguto.
    parla di delocalizzazione... boh allora forse è veramente la persona più ingenua del mondo, oppure pensa di rivolgersi a degli idioti.
    se vuole gliele mostro io queste famose strade secondarie e di periferia e gli sbatto in faccia le migliaia e migliaia di cartelloni (schifosamente deturpanti e abusivi) che già ci sonooooo!!!!!!!
    sono ovunque la vuoi capire o no???????
    sono ovunque e disturbano, inquinano e degradanoooooo!!!!!!

    RispondiElimina
  8. BORDONI SPARA SOLO BORDONATE!!! E ALEMANNO SE NE FREGA DEL DECORO DI ROMA A LUI INTERESSA FARE IL VICE BERLUSCONI. STA MANDANDO IN ROVINA PARCHI STORICI E GIARDINI PUBBLICI, TAGLIA ALBERI E NON LI RIPIANTA, SPORCIZIA PEGGIO DI PRIMA, LUCI SPENTE, UN DISASTRO.

    RispondiElimina
  9. BORDONI VA DELOCALIZZATO: A REBIBBIA.
    INSIEME ALLO SCUDIERO PACIELLO, DEL CLAN DEI PACIELLO.

    RispondiElimina
  10. "Libero, infine, racconta -ancora seguendo le gesta del consigliere del II Municipio Massimo Inches- di un buffo cartellone ai Parioli che addirittura ruba la luce elettrica ad una centralina Atac.
    Voi vi sorprendete che i cartellonari si comportino come rom? Noi proprio no..."

    BISOGNA INIZIARE A MENARE LE MANI

    RispondiElimina
  11. A Piazza Zama hanno messo altri cartelloni sulla fettuccia di asfalto larga 20cm che divide il parcheggio dalla strada. Vergogna brutti zozzoni

    RispondiElimina
  12. Roma invasa dai vermi.

    RispondiElimina
  13. E' veramente vergognoso osservare come la stampa si rigiri le dichiarazioni a seconda del colore politico quando è OGGETTIVAMENTE CONSTATATO lo stato di ASSOLUTO DEGRADO in cui versa Roma, capitale d'ITALIA, a causa di questo indiscriminato SCEMPIO causato dall'enorme, unico al mondo, deturpante fenomeno dei cartelloni pubblicitari.

    M'auguro che la Magistratura faccia chiarezza.

    RispondiElimina
  14. I RODITORI CHE HANNO INVASO ROMA OGGI MAGNANO MA DOMANI IL SINDACO CHE HA PERMESSO TUTTO QUESTO VERRA' SONORAMENTE TROMBATO. STIAMO PREPARANDO QUALCOSA DI ENORME.

    RispondiElimina
  15. ALEMANNO CAPOBRANCO DEL GRUPPO DI RODITORI DI FOGNA CHE EMERSI ALLA SUPERFICIE SI STANNO MANGIANDO ROMA DANDO SOLDI DEI CITTADINI A DELINQUENTI E CAMORRISTI.STANNO SVENDENDO LA CITTA' PER AVERE SOLDI E APPOGGI NELLA CORSA AL POTERE. I CITTADINI DI ROMA RICORDANO LO SLOGAN DI ALEMANNO "ROMA CAMBIA" E I SUOI CARTELLONI CON IMMAGINI DEL PRESUNTO DEGRADO AI TEMPI DI VELTRONI, ORA E' CENTO VOLTE PEGGIO E LUI CHE DICE DI VOLERLO COMBATTERE STA IN SOCIETA' CON CHI PROVOCA DANNI ALLA CITTA' E ALLA GENTE CHE CI VIVE. CI SARA' UNA REAZIONE CLAMOROSA DA PARTE DELLA GENTE. QUI NON SIAMO A NAPOLI.

    RispondiElimina
  16. Alemanno Bordoni Tredicine sono dei camorristi,
    nemici di Roma e del popolo romano.

    Per il giornalista disattento:
    I CARTELLONI ABUSIVI HANNO ROTTO IL CAZZO DI BRUTTO!!

    RispondiElimina
  17. Alemanno vuole prendere il posto di Berlusconi anche per questo se ne strafrega di Roma e dei suoi problemi...Fa solo convegni e grandi annunci per il futuro che mai si realizzeranno per nascondere la totale incompetenza di questa Giunta di scalzacani e furbetti del quartierino (ostia nel caso di bordoni..). Facciamo sapere agli italiani quanto è incapace ad amministrare e quanto lascia spazio al malaffare. Ha distrutto i valori della destra sociale se la fa solo con cardinali e nobili con la scorta di palazzinari e cartellonari. Vergogna. Peggio della peggiore democrazia cristiana.

    RispondiElimina
  18. STASERA ORE 23.00 VIA SALARIA TRA CARTELLONI E LUCI SPENTE BEN 6 PROSTITUTE IN 300 METRI DI STRADA. ECCO I RISULTATI DELLA GIUNTA DEL DEMOCRISTIANO ALEMANNO.

    RispondiElimina