giovedì 2 settembre 2010

Bosi-segnala: Nuovi Spazi sempre più nuovi, purtroppo



E' giunta a questa associazione una segnalazione secondo cui di fronte al civico n. 15 di Viale delle Milizie (vedi foto allegata P1060183) é stato installato un impianto bifacciale di mt. 2 x 3 da parte della ditta "Nuovi Spazi" che ha assegnato il n. 492 ad una delle due facciate (vedi foto allegata P1060182).

L'impianto non risulta avere alcun numero di codice identificativo rilasciato dal Servizio Affissioni: se ne presume pertanto la sua natura totalmente abusiva, a maggior ragione perché installato a ridosso della pista ciclabile e forse in difformità delle stesse disposizioni stabilite dal vigente Regolamento delle Affissioni in deroga alle misure minime stabilite dalla lettera a) del 3° comma dell'art. 51 del Regolamento di Attuazione del Codice della Strada.

Ai sensi infatti del 4° comma dell'art. 4 del vigente Regolamento delle Affissioni "si dispone ... di avvalersi ... della facoltà di autorizzare gli impianti pubblicitari sulle pertinenze di esercizio con larghezza superiore a metri 4 comprese fra carreggiate contigue. In tali situazioni, gli impianti andranno collocati in posizione parallela all'asse stradale con distanza dal limite della carreggiata non inferiore a mt. 1,80. Nel caso in cui le condizioni dello spartitraffico lo consentano, l'impianto potrà essere collocato anche perpendicolarmente all'asse stradale, nel rispetto comunque della distanza sopra indicata dal limite della carreggiata.

Si chiede pertanto di verificare la legittimità del suddetto impianto, accertando in particolare:
- se la larghezza dello spartitraffico superi oggettivamente i 4 metri ;
- se l'impianto risulti oggettivamente collocato ad una distanza dal limite della carreggiata uguale o superiore a metri 1,80;
- se la sua collocazione perpendicolarmente non solo all'asse stradale, ma anche e soprattautto alla pista ciclabile sia consentita dalle condizioni dello spartitraffico e soprattutto non metta in pericolo l'incolumità dei cittadini che si trovino a passare in bicicletta sotto l'impianto e comunque a fianco ad esso (a tal ultimo riguardo si ricorda che é stato già rimosso un cartellone pubblicitario di mt. 4 x 3 installato proprio al centro della stessa pista ciclabile di Viale delle Milizie, benché collocato parallelamente ad essa, segnalato da questa associazione con messaggio di posta elettronica delle ore 10,32 dello scorso 12 giugno).

Si chiede pertanto la più sollecita rimozione del suddetto impianto qualora ne venga accertata la sua totale natura abusiva: in tal caso si chiede la rimozione
espressamente ai sensi dei commi 13-bis e 13-ter dell'art. 23 del Codice della Strada (D.Lgs. n. 285/1992), così come prescrive anche il 5° comma dell'art. 31 del nuovo Regolamento approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 37/2009.

Nelle more della materiale rimozione dei suddetti impianti, l'amministrazione comunale può e deve provvedere anche e soprattutto "alla copertura immediata
della pubblicità irregolare" ed al "sequestro cautelare" di tutti gli impianti abusivamente utilizzati, così come prescrive il 6° comma dell'art. 31 del nuovo Regolamento approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 37/2009.

Si resta in attesa di un cortese riscontro scritto, che anche se per via telematica si richiede ai sensi degli articoli 2, 3 e 9 della legge n. 241/1990.

Distinti saluti.

Rodolfo Bosi - VAS Verdi Ambiente e Società

2 commenti:

  1. Bravo continua così, sommergiamoli di esposti denunce.

    SONO SOLO DEI CAMORRISTI !!

    RispondiElimina
  2. Gli esposti li potete fare tutti !!!
    Se li fa solo il povero Bosi prima o poi lo perdiamo.
    Ci vogliono 10 minuti.
    1) Carta semplice
    2) Fotografia dell'abuso(non obbligatoria ma meglio se c'e')
    3) Estremi del documento di identità
    4) Esposizione dettagliata del fatto.
    5) Portare tutto al comando vv.uu. del municipio dove si è verificato l'abuso.
    6) Farsi dare il numero di protocollo.

    Attenzione : Le segnalazioni possono essere fatte via mail o via fax (richiedendo che vi venga comunicato il numero di protocollo). I vigili hanno un protocollo tutto per loro.
    Una volta che vi siete preparati un formato elettronico lo usata 10.000 volte.
    Forza!!!!! ;-)

    RispondiElimina