mercoledì 15 settembre 2010

Bosi super star. E si muove anche il Ministero dei Beni Culturali


Con nota VAS prot. n. 21 del 25 maggio 2010 ho scritto ai diversi responsabili del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, chiedendo testualmente: "Dal momento che il Ministero per i Beni e le Attività Culturali è in primis l’Ente tutore di tutti i vincoli imposti nel territorio del Comune di Roma, si chiede alle SS. LL., ciascuna nell’ambito delle rispettive competenze, di far predisporre il più sollecitamente possibile la richiesta al Comune di Roma di rimuovere immediatamente tutti i cartelloni ricadenti nelle aree tutelate sia come beni culturali che come beni paesaggistici, in forza anche della delibera del Commissario Straordinario n. 45/2008".

A distanza di quasi 4 mesi ha ritenuto di dare un seguito, per ora interlocutorio, soltanto la Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Lazio con una nota che trovate nell'immagine e che potete leggere cliccando per ingrandire.
Meglio tardi che mai: di certo c'è che, dopo il coinvolgimento del Ministero dei Trasporti e degli Enti di gestione della aree naturali protette, le acque sono state comunque smosse anche su questo non secondario versante delle vaste zone sottoposte a vincolo paesaggistico.
Rodolfo Bosi

13 commenti:

  1. Ho raccolto l'invito fatto da Roberto Venturini sul post dello scorso 4 agosto a stilare un decalogo su COME, A CHI ed IN CHE MODO segnalare/denunciare i cartelloni abusivi ed ho redatto e trasmesso un Vademecum che "sessorium" aveva assunto l'impegno di pubblicare.
    Per chi non se ne fosse ancora accorto, é stato pubblicato da ieri qui a fianco nella home, sotto "un bando che metta a gara il Servizio Affissioni" e porta il seguente titolo: "come denunciare ? Ecco le istruzioni".

    RispondiElimina
  2. Legione Monteverde15 settembre 2010 09:42

    ottimo lavoro ragazzi suggerisco, se non l'avete già fatto, di inoltrare le denunce anche alle redazioni della stampa romana.

    larepubblica@repubblica.it, ladenuncia@ilmessaggero.it, info@abitarearoma.net,denuncia@repubblica.it

    RispondiElimina
  3. DOBBIAMO SPUTTANARE QUESTI MAIALONI.

    RispondiElimina
  4. Vadecum a dir poco perfetto.
    Grazie Dott. Bosi.

    RispondiElimina
  5. Si muovono, se ne parla, ma 'sti cazzo di cartelloni stanno sempre lì. Ma che ci vuole in Italia per far capire che la gente s'è rotta i coglioni di questo modo di gestire il pubblico: profitti privati e illeciti e debito pubblico. Basta !!

    RispondiElimina
  6. Politico Italiano sei la vergogna dell'Europa unita.

    RispondiElimina
  7. Un plauso all'arch. Bosi per il completo ed esaustivo promemoria e vademecum, necessario per tutte le segnalazioni che i lettori di questo utile, encomiabile sito vogliano porre all'attenzione delle Autorità.

    Ancora i miei complimenti. E' una, LA battaglia di civiltà, contro chi vuole inquinare, deturpare, depauperare il benessere di chi vive a Roma, unica capitale europea ad avere tali nefandezze sul proprio suolo.

    RispondiElimina
  8. Faccio presente che in data odierna, con una nota trasmessa via fax anche al sottoscritto, il Direttore dell'Ente Parco di Veio ha inviato al Direttore del Servizio Affissioni Dott. Francesco Paciello il censimento effettuato lo scorso mese di giugno di ben 33 impianti pubblicitari installati sulla via Cassia nel tratto La Giustiniana-La Storta tra il Km. 14,400 ed il Km. 16,300 sul lato opposto a quello che fa da confine al Parco di Veio, che perché "in prossimità" é ugualmente soggetto a vincolo paesaggistico ai sensi dell'art. 153 del D.Lgs. n. 42/2004.
    Buona parte dei suddetti 33 impianti erano presenti e stati conseguentemente rimossi sul lato del Parco, ma ricollati sul lato opposto senza ottenere il nulla osta dell'Ente Parco (per via della "prossimità") né, pare, della Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio per il Comune di Roma.
    Per tali ragioni la nota é stata indirizzata anche alla suddetta Soprintendenza (Arch. L. Cherubini) che sulla base della lettera trasmessa anche ad essa dall'Arch. Federica Galloni della Direzione Regionale dovrà ora far sapere quali azioni intende intraprendere.

    RispondiElimina
  9. - Violazione dei vincoli paesagistici
    - Violazione dei vincoli architettonici
    - Violazione dei regolamenti comunali
    - Violazione del codice della strada
    - Danneggiamento di beni pubblici
    - Evasione Fiscale

    Il tutto reiterato... Ma la magistratura?

    RispondiElimina
  10. Qui si comincia a sospettare che anche la magistratura abbia interessi a coprire...? Nulla si muove, come mai?

    RispondiElimina
  11. GRANDE COME SEMPRE BOSI!

    A questo punto abbiamo in pista:
    MAGISTRATURE
    MINISTERO INFRASTRUTTURE
    MINISTERO BENI CULTURALI
    TRE (3!) SOPRINTENDENZE
    STAMPA NAZIONALE (Cartaceo e Web)
    REPORT Rai 3
    ASSOCIAZIONI
    10.000 CITTADININ INCAZZATI NERI (e crescono ogni giorno)
    E LA LISTA POTREBBE CONTINUARE ANCORA

    Se qualcosa non si muove adesso , c'è qualcosa di veramente incredibile!!

    RispondiElimina
  12. scriviamo al Presidente della Repubblica!!
    inoltre propongo di intitolare il lungomare di ostia al suo figlio Bordoni che da lì partì per insozzare roma di affissioni e cartelloni schifosi e maleodoranti di camorra.
    LUNGOMARE CARTELBORDONI

    RispondiElimina
  13. LADRO, MANCO I MANDARINI GLI PORTIAMO A REBIBBIA.

    RispondiElimina