martedì 21 settembre 2010

E se il Comune con queste ridicole rimozioni stesse ancora peggiorando la sua già indifendibile posizione?






Ieri ore 13.30 continuano le rimozioni sullo spartitraffico in Viale Marconi zona Università, Via Calzecchi Onesti è stata in parte bonificata ma rimangono 3 cartelloni, uno Sibilia, uno PubbliRoma e un PES, perché? Le regole sancite dal Codice della Strada valgono per alcuni e per altri no? Come diavolo è possibile?

Un altro PES è sopravvissuto sullo spartitraffico di Viale Marconi e Via Baldelli - continuazione di Via Onesti che porta a Via Ostiense - non è stata toccata dalle rimozioni. Nota assurda? Durante le rimozioni è comparso sul marciapiede incrocio Marconi-Onesti un nuovo bizzarro 2x2 targato ItalMedia. Insomma, si pianta un cartellone nuovo, senz'altro abusivo, mentre ne tolgono sullo spartitraffico di fronte!

Lo scandalo, dello scandalo, dello scandalo. Cartellopoli ha il fondamentale (e scomodo) ruolo, in questi giorni, di documentare passo per passo un fallimento, una presa per i fondelli inaudita, uno spreco colpevole di denaro pubblico. Se qualche persona vicina a questo blog subirà strani incidenti, nei prossimi giorni, si sappia che di incidente non si è trattato. E' seccante utilizzare questi temi e questi contenuti, ma la visione limpida dell'abisso di malaffare che opera con il placet del Comune (placet pagato quanto? Placet pagato a chi?) non si può esimere dal parlare in questi termini... I nostri lettori e tutti i cittadini, semplicemente aprendo la finestra, sanno bene che non esageriamo!

24 commenti:

  1. Sono loro che dovrebbero aver paura, tocca iniziare a prendersi nomi e cognomi di sta gentaglia

    RispondiElimina
  2. Bisognerebbe entrare nel merito di chi ha dato le autorizzazioni per realizzare questo massacro e denunciarlo.

    Le rimozioni dei cartelloni sono una farsa fintanto che continuano ad installarli da altre parti, e stanno continuando.

    Mafie e corruzioni dietro i cartelloni !!

    RispondiElimina
  3. LE RIMOZIONI DI QUESTI GIORNI SONO UNA BUFFONATA, PRIMA HANNO LASCIATO FARE SAPENDO CHE COSA STESSE ACCADENDO E ORA RIMUOVONO ALCUNI IMPIANTI A SPESE DEI CITTADINI TANTO PER FARE DEGLI SPOT PUBBLICITARI. TUTTO QUESTO MENTRE CONTINUANO A METTERNE MIGLIAIA OGNI MESE. E IL COMUNE LO SA, BORDONI LO SA, PACIELLO LO SA E LO SA ANCHE IL SINDACO. LO SANNO I CITTADINI, LE ASSOCIAZIONI E LA PROCURA DELLA REPUBBLICA.
    CARLO

    RispondiElimina
  4. La mafia e la camorra dei cartelloni non può e non deve continuare i responsabili saranno sputtanati e chiunque subisca intimidazioni deve immediatamente denunciare alle forze dell'ordine e alla procura della Repubblica.

    RispondiElimina
  5. La Magistratura è colpevolmente assente!!!

    RispondiElimina
  6. VI RIGIRO UNA RISPOSTA AD UNA EMAIL DA ME INVIATA, QUALCUNO SA QUALCHE COSA?

    Provvederemo a far presente il problema agli Uffici competenti, come stiamo facendo per altre zone sensibili della città.
    Le assicuro che non è intenzione del Comune far posizionare cartelloni che siano di intralcio alla sicurezza dei cittadini. Ecco perché presto verrà discusso il Piano Regolatore degli Impianti Pubblicitari che risolverà molti problemi.
    Cordiali saluti

    RispondiElimina
  7. Probabilmente non è noto ai più ma nelle statistiche fornite giornalmente dall’assessorato sul numero degli impianti pubblicitari rimossi in questo periodo non si fa alcuna distinzione fra le varie tipologie di impianti.
    Ad esempio un impianto 4 x 3, o un 3x 2 o una semplice freccia delle dimensioni 0,8 x 0,3 fissata su di un segnale stradale sono computati allo stesso modo!

    RispondiElimina
  8. qunidi, se tolgono mille piccoli cartelli attaccati sotto i diveti di sosta hanno centrato l'obiettivo mediatico, o sbaglio?

    RispondiElimina
  9. Per esempio in una foto si vede un cartello di venturini ceramiche in fase di rimozione.
    Come mai non hanno rimosso lo stesso cartello messo accanto ai cartelloni media2000 la cui rimozione ho documentato solo pochi giorni fa ??!!

    RispondiElimina
  10. "qunidi, se tolgono mille piccoli cartelli attaccati sotto i diveti di sosta hanno centrato l'obiettivo mediatico, o sbaglio?"

    E' esattamente così. Nelle statistiche ufficiali dell'assessorato non sono riportate in alcun modo tipologie misure e quantità.

    RispondiElimina
  11. La mia teoria è semplice: CHI SGANCIA LA MAZZETTA PER IL CARTELLONE ABUSIVO RIMANE, CHI NON SGANCIA LA MAZZETTA PER IL CARTELLONE ABUSIVO GLI VIENE TOLTO.

    GIUSTO PACIELLO?

    RispondiElimina
  12. Amministrazione: COMUNE DI ROMA
    dirigente: PACIELLO FRANCESCO
    incarico ricoperto: Responsabile - Dipartimento VIII - V^ U.O. Affissioni e Pubblicità
    stipendio tabellare posizione parte
    fissa
    posizione parte
    variabile
    retribuzione di
    risultato altro* TOTALE ANNUO
    LORDO
    € 40.129,98 € 46.745,92 € 0,00 € 0,00 € 0,00 € 86.875,90

    7 EURO AL MESE + SPICCI PER LO SCHIFO QUOTIDIANO
    PENSO AI PRECARI DELLA SCUOLA O A I LAVORATORI DI TERMINI IMERESE VERGOGNA !!!

    RispondiElimina
  13. Ecco a chi stiamo in mano... c'ha pure il coraggio di metterlo nel curriculum vitae.

    Il Dott. Paciello
    DOCENTE DIRITTO COSTITUZIONALE ED
    AMMINISTRATIVO PRESSO IL CEPU DI NAPOLI -

    per carità...

    RispondiElimina
  14. Benissimo!
    Visto che l'esimio dott. Paciello è docente di diritto amministrativo avrà tutta l'intenzione di far rispettare rigorosamente il comma 14 dell'art.31 del Regolamento Comunale sulle affissioni e pubblicità (Delibera 37/2009...la mitica!!) la quale, come ricordato dall'infaticabile Arch. Bosi, prevede che "nel caso di impianti abusivi alla prima violazione scatta una decadenza del 5% delle autorizzazioni della stessa società, alla 2^ violazione decadenza del 20%, alla 3^ violazione decadenza del 50%, ulteriori violazioni comportano la DECADENZA DELLE RESTANTI AUTORIZZAZIONI.
    Esimio Paciello, preclaro amministrativista, che dice?
    La applichiamo la legge e quindi, per esempio fate decadere TUTTE le autorizzazioni per la "Nuovi Spazi" resasi colpevole di un enorme numero di violazioni? E fate decadere, a seconda dei casi, il 5%, il 20% o il 50% delle autorizzazioni delle ditte i cui cartelloni avete rimosso in questi ultimi giorni?
    O farete finta che la legge vigente non esiste più? (come, ahimè, sono convinto..)

    RispondiElimina
  15. Signori miei questo col CEPU di Napoli ha vinto proprio...

    RispondiElimina
  16. LADRI E PURE BUFFONI. PER PACIELLO PROCEDIMENTO DISCIPLINARE E LICENZIAMENTO PER GIUSTA CAUSA, DANNO ALL'ERARIO DA RISARCIRE STABILITO DALLA CORTE DEI CONTI E INDAGINE PENALE DELLA MAGISTRATURA.

    RispondiElimina
  17. Tanto a difendere sta gente ci pensano gli avvocati dell'APA...
    Ricordate? Che bei tempi.

    RispondiElimina
  18. Sotto probabilmente c'è un giro di interessi indecenti, cricche del malaffare nostrane (come documentato anche anni or sono con minacce di morte), sospetti di inquinamenti e lucri da mafie russe (visti i probabili alti agganci politici attuali...), promesse di finanziamento... La magistratura deve darsi da fare, i cittadini sono stanchi di subire questo degrado inverosimile.

    RispondiElimina
  19. Chiedete ai vigili urbani del servizio affissioni qual'è la quota per far rimanere un impianto pubblicitario al proprio posto!!!! Loro vi sapranno rispondere!!!!!

    RispondiElimina
  20. Se paghi rimani!!! Altrimenti via!!!!

    RispondiElimina
  21. Ditte come Nuovi Spazi o come la SAPI, che hanno infestato Roma di cartelloni abusivi!!! Perchè esistono??? Beh la rispota è semplice: perchè pagano le mazzette a chi invece dovrebbe far rispettare la legge miei cari colleghi!!! Questa purtroppo è l'amara realtà!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  22. IO PER UN PERIODO HO LAVORATO NEL SETTORE E NON CONOSCO LA NUOVI SPAZI MA LA SAPI HA LE DOMANDE DAL 90 E HA UN RIORDINO NON SONO ABUSIVI , LA NUOVA SPAZI NON LO MAI SENTITA SICURAMENTE SE' CONTROLLI SARA' NATA NON DA MOLTO, LA SOCIETA' DDN E ODP SONO SOCIETA' TOTALMENTE ABUSIVE IN QUANTO NON HANNO UNA BASE DI DOMANDA E RIORDINO FORSE LE DELIBERE EMESSE NON SONO STATE CHIARE PER QUEI MACELLAI CHE SONO ENTRATI SUL MERCATO DAL 2007 AD OGGI ...

    RispondiElimina
  23. Anonimo delle 20.09 sii più chiaro..non si capisce bene cosa vuoi dire..ma potrebbe essere molto interessante. Fai uno sforzo e spiegaci meglio..

    RispondiElimina
  24. spiego il mio commendot delle ore 20.09 di ieri.

    Avendo lavorato nel settore per un periodo , ho imparato molte cose del tipo che sè nell'amministrazione precedente non avevi domande presentate e non avevi un riordino non potevi montare nessun cartello e non potevi scindere accordi di rintegro delle imposte e continuare ad esistere , nel commento del 07 ottobre si nominava 1 società che fino a poco tempo fà non si è mai vista e 1 che esiste da anni, non penso che si dovrebbero fare paragoni ma si dovrebbe verificare sè possiedono dei diritti a essere sul territorio. Secondo me dà meno fastidio un impianto pubblicitario di piccole dimensioni che un 2x2 o 4x3 sè poi ci mettiamo dentro che il 2x2 secondo il nuovo regolamento non è conforme e non dovrebbe essere autorizzato x nessuno invece ... perchè è stato autorizzato il montaggio per l'odp di più di 1000 impianti 2x2 mentre che prima la stessa si rivolgeva a svariate società in quanto era un'agenzia non una società pubblicitaria. Dovremmo partire da una base che sè non hai riordino sottoscritto nel 96/97 non puoi istallare impianti, farsi pagare da chi li monta e li utilizza con regolare concessione senza avere 80 cartelli su un tratto di 1 chilometro che poi 1 rovinano l'estetica della città 2 rovinano il mercato (almeno penso ) delle società stesse, questo è quello che nel mio piccolo penso anche perchè togliere una risorsa tipo il settore pubblicitario non aiuterebbe il comune ma ci sarebbero tante cause x danni che il comune poi ci rimetterebbe di brutto. Secondo me dovrebbe revocare le concessioni a chi non ha fatto tutta la prassi che tutti seguono da anni dare delle regole precise le cose tornerebbero alla normalità.

    RispondiElimina