domenica 5 settembre 2010

E se si organizzasse una mega manifestazione a Corso Trieste?


















Un vero tsunami di cartelloni. E tutti in una strada sola, a impallare la vista, a modificare il profilo di una delle vie più (potenzialmente) eleganti della città. Queste foto ci provengono da una residente, esasperata. La quantità di inquinamento visivo cui vengono sottoposti gli abitanti di Corso Trieste sta iniziando a mietere vittime. Alcune persone, per fortuna, iniziano a non farcela più. Ad andare fuori di testa. E questa è l'unica nostra salvezza. Perché, cari residenti, lo sapete voi meglio di noi cosa dovete fare se volete davvero migliorare la vostra strada. Dovete scendere in piazza, organizzare una bella manifestazione, bloccare il traffico ed esporre dei bei lenzuoloni bianchi con su le scritte TOGLIETE I CARTELLONI DA CORSO TRIESTE, e ancora BASTA CON LA CARTELLOPOLI ROMANA, e anche RESTITUITECI LA NOSTRA STRADA. ABBASSO LA MAFIA DEI CARTELLONI.
Se volete, potete risolvere. Bloccate il traffico. Oggi, domani, rifatelo ancora dopodomani. Scommettiamo che funzionerà? Oppure volete continuare a vivere in una strada (dopo aver pagato la vostra casa una fortuna) che è stata regalata dal Comune al crimine organizzato?

5 commenti:

  1. cari concittadini di Roma, dovete capire una cosa molto semplice, mentre voi non fate caso al degrado questo giorno dopo giorno aumenta e le vostre belle case si deprezzano, perche' un conto è vivere in una bella strada alberata e un conto vivere in una strada oscurata da una accozzaglia di cartelli uno peggio dell'altro che trasformano la strada in una sorta di autogrill di periferia. All'estero in una strada come corso trieste ci piantano alberi, fiorni, prato all'inglese innaffiato tutti i giorni. Guardate che cosa è Roma...Avevano promesso una fantastica riqualificazione dell'intera via, hanno asfaltato qualche pezzo di strada ed il resto è in abbandono, spazio regalato alla mafia dei cartelloni. Svegliatevi, idem via salaria, viale parioli, via cassia e cosi per centinaia di situazioni analoghe.
    carlo

    RispondiElimina
  2. Giusto indire un comitato dei residenti e poi tutti d'accordo bloccare il traffico.

    RispondiElimina
  3. questo genere di sit-in dovrebbero essere ripetuti in tutte le zone degradate dai cartelli facendo capire alla gente mediante volantini che dietro questo affare c'e' del losco che specula sulla città. per rendere piu sensibili le persone andrebbe anche collegato il degrado dei cartelli col degrado della via ad es a corso trieste le aiole ormai ridotte a deserto, i pini tagliati e sostitituiti dai cartelli...La pericolosita degli incroci dove gli automobilisti sono distratti dalla pubblicita e cosi via...La gente è disattenta e potrebbe reagire pensando che in fondo ci sono problemi maggiori, invece se capisce che il problema è collegato ad altri ha una diversa percezione.
    carlo

    RispondiElimina
  4. povero giulio cesare come ti hanno ridotto...

    RispondiElimina
  5. Mi sembra una buona idea quella di una manifestazione e del blocco del traffio. Nel quartiere ne hanno fatta una per la costruzione di un parcheggioe mi sembra abbia avuto effetto. Ma come ci si coordina?

    RispondiElimina