giovedì 2 settembre 2010

Facciamo il punto su cosa succede a Caracalla





Ho fotografato i nuovi impianti comunali a Viale delle terme di Caracalla. Dopo due giorni sono già pieni di manifesti.Da notare sullo sfondo mura Aureliane, Terme di Caracalla e Parco degli Scipioni e, come se non bastasse, la pista ciclabile. Rabbrividisco pensando ai pieni poteri in campo urbanistico che Alemanno vorrebbe ottenere da Governo e Regione per Roma Capitale. Mentre si parla di demolire Tor Bella Monaca, il degrado viene distribuito equanimamente in tutta la città su scala industriale, senza fermarsi di fronte a niente. Mai nessuno era arrivato a tanto.
Andrea

***
Questa volta ci tocca essere in disaccordo con i nostri lettori che, anche nei giorni passati, si sono accaniti contro questi nuovi cartelloni sul Viale delle Terme di Caracalla. Siamo d'accordo che è assurdo che ci siano, siamo d'accordo che è assurdo che il Comune stia sostituendo i suoi impianti per le pubbliche affissini come se fossimo negli anni Cinquanta, come se le comunicazioni pubbliche debbano passare per le affissioni e non per e-mail o per il sito del Comune. Siamo anche d'accordo sul fatto che tutte queste plance saranno esclusivo appannaggio del terrificante racket degli attacchini. Ma sta di fatto che tutti gli impianti alle Terme di Caracalla, che vi hanno così scandalizzato, erano lì anche prima: arruzzoniti, aggrediti dal crimine attacchino.
I problemi, come dire, sono altrove.

-Cartellopoli

8 commenti:

  1. Ma i cartelloni possono stare su una ciclabile ?

    RispondiElimina
  2. Resistenza Attiva2 settembre 2010 18:58

    Io mi scandalizzo del fatto che, in barba a tutti i regolamenti, e tanati da Bosi, il comune anzichè togliere i vecchi cartelloni arrugginiti perchè messi nel I Municipio e in zona archeologica, li ha rimessi nuovi come per fregarsene di noi e del mondo intero. La radice del problema è altrove, chiaro, ma martellarli come una goccia cinese e contargli i peli del culo fa sempre bene. Ovunque, Sempre!

    RispondiElimina
  3. Io sogno una città con ZERO cartelloni, tipo Barcellona. Sogno. Appunto.

    RispondiElimina
  4. Articolo in prima pagina del Corriere della Sera in cronaca di Roma:

    http://roma.corriere.it/roma/notizie/cronaca/10_settembre_2/cartelloni-abusivi-polemica-1703687382060.shtml

    RispondiElimina
  5. Nel Primo Municipio non ci può stare alcun cartellone stop. Ci sono diverse normative e il Codice dei Beni Culturali che lo impongono.
    Che poi non siano mai state rispettate è vero ma il nostro movimento ha proprio questo obiettivo, tra gli altri.
    Se c'è una legge va fatta rispettare oppure la si cambia e si fa rispettare la nuova legge.

    RispondiElimina
  6. Io sapevo che non potevano starci cartelloni eccetto quelli del comune. Comune i nuovi sono più alti di quelli vecchi. Io avrei tolto quelli vecchi e basta senza rimpiazzarli

    RispondiElimina
  7. Alemanno ha arrecato un gravissimo danno alla città di Roma, L'Assessore Bordoni e il degno compare Tredicine devo essere indagati immediatamente per associazione di stampo camorristico.

    INTERVENGA LA GUARDIA DI FINANZA SULLE FAMIGLIE TREDICINE E BORDONI (rampolli della camorra)

    RispondiElimina
  8. Non è una ciclabile. E' un percorso ciclo-pedonale. E' giuridicamente diverso. Su di esso possono essere posizionati diversi elementi che su una pista ciclabile (come sulle carreggiate) non possono...

    RispondiElimina