venerdì 17 settembre 2010

In media(2000) stat rimozione ?




Caro Dr. Paciello, oggi quasi basiti assistevamo a ben due delle famose 1000 rimozioni ampiamente preannunciate alla stampa, addirittura alle 10 del mattino già due cartelloni 4x3 avevano lasciato per sempre (?) il sacro suolo capitolino, come ben documentato dalle nostre, sempre pronte alla bisogna, fotocamere.
Siamo in Via Portuense incrocio Via L. Maroi; come si vede nella foto siamo alla seconda rimozione, in quanto sul camion sono già presenti tre pali, due dell’impianto appena rimosso e uno di quelli in via di rimozione:
Si notino gli operai alacremente al lavoro, nel vedere tanto fervore ci verrebbe da porgerle i nostri più sinceri complimenti.
Ma, Caro Paciello, noi di Cartellopoli siamo sospettosi per natura, i motivi di questa scarsa fiducia sono numerosi, inutile ricordarli.
E allora ci chiediamo, perché vengono rimossi due impianti della ditta Media2000, installati nella prima parte del 2010, mentre gli altri tre impianti, installati ormai da anni (MG e Affitalia), non vengono toccati?
Come street view e la nostra foto debitamente documentano, se il cartellone rimosso impallava il segnale stradale sulla sinistra che indica il semaforo a 50 metri, oltre a impallare la visuale per chi impegna l’incrocio stesso, che dire del doppio 4x3 accanto, targato MG?
O dell’impianto Affitalia, che notiamo sulla destra?

E cambiando la prospettiva visuale dello stesso incrocio, che dire dell’impianto appena rimosso, che era nella posizione dell’impianto 2x2 all’epoca ripreso da SW, mentre l’ennesimo doppio impianto 4x3 della MG rimane immutato (intoccabile?) al suo posto?

Insomma, con quali criteri sono stati decisi gli impianti da rimuovere?
Il Codice della Strada vale solo per la ditta Media2000 e non per MG e Affitalia?
Noi, francamente, in queste foto non rinveniamo criteri univoci e oggettivi, e questo, ci permetterà caro Paciello, ci autorizza a pensar male, sui criteri di scelta degli impianti destinati alla rimozione.
Ma siamo fiduciosi di capire presto quali siano questi criteri, e di venire prontamente smentiti.
Ma soprattutto, un altro particolare ci fa molto pensare: come mai per tre operai al lavoro c’erano ben quattro persone che assistevano, chiacchierando amabilmente tra loro?
Ah, saperlo…
Marco1963

18 commenti:

  1. ma affitalia non fa parte della stessa azienda che gestisce appalto a Napoli ( tanto decantato ) ?


    ahhahahahahahahaahhahahahhaha

    tutto il mondo è paese............


    ahahhahhahaahhhahahahaha

    RispondiElimina
  2. Tutto il mondo è paese per dire che sicuramente a Napoli c'è qualcuno che magna, che ti credi che a i napoletani sono fessi? Solo che è meglio che magna uno solo e sistema la città che magnate tutti e distruggete Roma.

    RispondiElimina
  3. A Via Agnelli (Monteverde) dopo esposto per il mostro di cartellone in aiuola tra due pini HANNO PITTURATO DI VERDE IL CARTELLONE hahhahaha che ridere la SIC si preoccupa del decoro!!!

    RispondiElimina
  4. Più chiaro di così, lampante, alla luce del sole...

    CHI SGANCIA LI SORDI RIMANE CHI FA ER FURBO PIAZZA ER CARTELLONE E NUN SGANCIA JE LO LEVAMO (telefonata tra Bordoni e Paciello)

    RispondiElimina
  5. In effetti per trasparenza dovrebbero dire con quale criterio vengono rimossi i cartelloni: estrazione ? Tombola ? Chi paga meno tangenti ? Non quelli della soc. dove lavora il padre/zio/cognato/suocera/cugina/sorella/amante/pronipote/...
    Tanto per far pensare sempre male

    RispondiElimina
  6. E' fuori argomento ma invito tutti i resistenti a staccare i volantini/cartellini, che praticamente hanno invaso tutta Roma, di una cazzo di "discoteca romanesca" di merda.
    Sono odiosi perchè non sono stati attaccati con l'adesivo ma bensì con la colla, questo rende lo stacchinaggio difficoltoso ma vi prego cerchiamo almeno di renderli illeggibili.
    Sto avvelenato.
    Che Dio li strafulmini.
    Grazie.

    RispondiElimina
  7. Resistenza Attiva17 settembre 2010 12:50

    per Ale 77
    contatta quelli di Riprendiamoci Roma e organizziamoci con guanti da giardiniere e un taglierino per cartoni. MA VIENI PURE TU !!
    Domenica prossima si ripulisce il Pineto e in settimana si potrebbe fare una "passeggiata antidegrado"

    RispondiElimina
  8. stamane stessa troupe era all'opera sulla Colombo davanti Habitat... che goduria vedere tutti quei cartelloni nel cassone di un camion...

    RispondiElimina
  9. Alemanno festeggia Roma capitale del degrado per 3 giorni...con il nuovo logo che ha l'errore di ortografia... roma scritto con la lettera minuscola.

    RispondiElimina
  10. Stadio Olimpico ore 11.00 ho stavano togliendo un cartellone o lo mettevano bo...Paciello che hanno fatto quelli all'Olimpico hanno sganciato la mazzetta?

    RispondiElimina
  11. Delle 4 persone, due sono vigili urbani. Si vede anche l'auto di servizio parcheggiata davanti il camion. Chissa' forse loro sanno perché non sono stati rimossi tutti.

    Giancarlo

    RispondiElimina
  12. una risposta indiretta a nokia1 delle ore 10,34, che chiede di sapere con quale criterio vengano rimossi i cartelloni, viene dal comma 14 dell'art. 31 de vigente Regolamento che ai fini della repressione degli impianti abusivi testualmente dispone: "la prima violazione darà luogo alla pronuncia di decadenza per il 5 per cento delle autorizzazioni, con priorità per quelle rilasciate nell'ambito del medesimo Muncipio; la seconda violazione darà luogo alla pronuncia di decadenza per il 20 per cento delle autorizzazioni, con priorità per quelle rilasciate nell'ambito del medesimo Muncipio; la terza violazione darà luogo alla pronuncia di decadenza per il 50 per cento delle autorizzazioni, con priorità per quelle rilasciate nell'ambito del medesimo Muncipio; l'ulteriore violazione darà luogo alla pronuncia di decadenza delle restanti autorizzazioni".
    Il Comune, oltre a non applicare mai questa disposizione, consente alle ditte titolari degli impianti abusivi che rimuovono a proprie cure e spese entro 48 ore di ricollocarli dove meglio conviene a loro.
    Per il caso in questione, se alla ditta Media 2000 solo in via Portuense sono stati rimosssi 2 impianti abusivi, trattandosi di una doppia violazione, il Dott. Francesco Paciello dovrebbe pronuniciare la decadenza del 20% di tutte le "autorizzazioni" rilasciate a questa ditta, a cui dovrebbeo quindi essere rimossi subito dopo i rispettivi impianti in quanto ormai abusivi anch'essi a tutti gli effetti, ai sensi del 2° comma dell'art. 1 del Regolamento

    RispondiElimina
  13. Egregio R.Bosi

    il Paciello non togliendo il 20% commette un abuso ?

    quindi non si può denunciare il dottore in questione o sbaglio?

    RispondiElimina
  14. Caro Bosi, ne è scomparso anche un altro della Media2000, alla fine di via casetta mattei inizio via bravetta, sempre nel mun. XV
    A questo punto mi sovviene il dubbio che siano autorimozioni.
    Ma se cosi fosse, come si giustifica la presenza dei vigili ??

    RispondiElimina
  15. i 4 tipi che parlottavano amabilmente probabilmente erano della ditta dei cartelli che stavano rimuovendo. Se la ridevano amabilmente perche' sapevano che era solo uno show, uno spot televisivo con la regia del duo tragicomico bordoni&paciello. Tanto due ne tolgono e 4 ne lasciano mettere.
    VERGOGNA PER I 140 ANNI DI ROMACAPITALE HANNO PIANTATO 140.000 CATAFALCHI ABUSIVI E PERICOLOSI. GRAZIE ALEMANNO, ORA MANDA LA FANFARA DEI BERSAGLIERI A FARE IL GIRO DI CORSA INTORNO AI CARTELLONI CON LE TROMBE AL VENTO. CHE A TROMBARE TE CI PENSERANNO I ROMANI E SPERIAMO IN FUTURO ANCHE GLI ITALIANI.

    RispondiElimina
  16. Quando viene accertata l'installazione di un impianto abusivo, alla Ditta che se ne é resa responsabile viene mandata una diffida: il 5° comma dell'art. 31 del Regolamento delle Affissioni stabilisce che "con la diffida ...., a valere anche come comunicazione di avvio del procedimento, il trasgressore é invitato a rimuovere l'impianto abusivo o difforme entro 10 giorni dalla notificazione, nonché a far pervenire ai suddetti uffici, entro il medesimo termine,le proprie osservazioni. Decorso inutilmente tale termine e valutate, se pervenute, tali ossrevazioni, con determinazione dirigenziale viene disposta la eventuale rimozione forzata d'ufficio, a spese del trasgressore".
    Come di può ben vedere, il regolamento comunale non prevede la procedura che viene messa in atto per tali casi, che é quella di una diffida a rimuovere entro 48 ore (2 giorni anziché 10) con premio di "ricollocazione" per le ditte che ottemperano alla diffida.
    Per il caso in questione sembra trattarsi di una rimozione forzosa eseguita da parte del Comune: le 4 persone presenti oltre agli operai della ditta incaricata della rimozione dovrebbero essere sicuramente Vigili del XV° Municipio, se non altro perché hanno redatto il Verbale di Accertata Violazione (V.A.V.) e funzionari del Servizio Affissioni che debbono controllare sul posto l'avvenuta rimozione degli impianti, redigendo anche il relativo verbale che attesti l'applicazione della Determinazione Dirigenziale firmata dal Dott. Francesco Paciello.
    Quanto all'impianto sempre della Media 2000 segnalato da Marco 1963 come "scomparso" in fondo a via di Casetta Mattei,in assenza di foto che lascino vedere quando e da chi sia stato effettivamente rimosso, é anche presumibile che la stessa Ditta in tal caso abbia obbedito alla lettera-diffida che le é stata notificata.
    L'eventuale mancata pronuncia da parte del Dott. Francesco Paciello di decadenza delle autorizzazioni in misura percentuale alle violazioni accertate (cioé di impianti installati abusivamente anche se non ancora materialmente rimossi) dovrebbe configurare gli estremi della omissione di atti dovuti d'ufficio.

    RispondiElimina
  17. x me siete tutti pazzi pensate come arrivare a fine mese invece di martellarvi il cervello x i cartelloni e per la società media duemila

    RispondiElimina
  18. x me siete pazzi voi cartellonari a pensare che i romani avrebbero mandato giù senza fiatare lo stupro selvaggio e continuato della città.
    Il danno che avete arrecato alla bellezza e alla vivibilità di Roma è ENORME e per me dovreste essere CANCELLATI tutti!
    A proposito...chissà perchè la Media2000 è stata cancellata e invece la Nuovi Spazi sanzionata già molte volte con multe per abusi vergognosi continua a installare cartelloni addirittura senza targhetta o con targhette scritte a pennarello??
    Chissà perchè le denunce fatte alla Procura della Repubblica ancora non sortiscono effetti..
    DOMANDE INTERESSANTI..Ci sarà qualche giornalista coraggioso che voglia fare un'inchiesta? Come mai dopo le rimozioni spot (costate 663.000 ai contribuenti romani..tranquilli a Marzo il governo "meno tasse per tutti" alzerà l'addizionale IRPEF nel Lazio) nelle stesse strade ricompaiono cartelloni già dotati di targhetta?
    Corte dei Conti????? Prontooooo????

    RispondiElimina