mercoledì 1 settembre 2010

Verano Chronicles #1



Caro Comitato Cartellopoli, ti segnalo l'installazione di nuovi impianti ad opera della famigerata SCI. Stamattina, di ritorno al lavoro dopo un paio di settimane di ferie, ho notato la presenza di due nuovi (grossi) impianti pubblicitari a firma SCI, il primo su Piazzale del Verano, lato Università, ed il secondo in Viale Regina Elena, sempre lato Università e prossimo all'incrocio.
C'è di peggio, a pochi metri di distanza dall'impianto di Piazzale del Verano, era all'opera una squadra di SCI intenta a forare nuovamente il marciapiede, come se dovessero installare un terzo impianto. Oggi pomeriggio passo nuovamente in quella zona, provo a capire cosa sta accadendo e vi aggiorno.

Intanto un paio di foto, purtroppo non sono venute un granché, avendole dovute prendere in macchina al volo. Comunque confermo la presenza di due nuovi cartelloni e, a quanto pare, i lavori in corso per l'installazione di un terzo cartellone.

Prometeo

10 commenti:

  1. Be', ma che sono questi catafalchi allucinanti? E poi attaccato ad un micro spazio per l'albero, quasi a soffocarlo. Ma che razza di pazzie sta combinando questa Amministrazione? Ancora che permettono il continuare ad installare cartelloni su cartelloni, in pieno sfregio e disprezzo di ogni normativa?

    VERGOGNA! M'auguro che la Magistratura faccia chiarezza.

    RispondiElimina
  2. E' Chiaro che è in atto un attacco nei confronti di Roma, la magistratura dovrebbe intervenire.
    I presagi su agosto erano veri infatti stanno installando i cartelloni più grandi a ripetizione.

    ALEMANNO SEI UN INETTO!!!

    RispondiElimina
  3. Senza contare poi lo stato in cui hanno ridotto il marciapiede...

    RispondiElimina
  4. Amici, dite addio a Roma.

    Lo sfregio è ormai irrecuperabile.

    Spero solo che prima o poi i responsabili saranno chiamati a risponderne...cmq siamo puro terzo mondo!

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  5. Qui stiamo sul marciapiede che costeggia la prima università d'Europa per numero d'iscritti, in una capitale europea, sede di importanti Istituzioni internazionali, capitale della cristianità, culla della civiltà occidentale.

    Aggiungo altro?

    Ecco il DEGRADO che ci troviamo a combattere. E con un ringraziamento a costoro del Comune, che consentono che tutto questo avvenga.

    RispondiElimina
  6. BOSI scusa se ti chiamo in causa ma io non ho capito una cosa: l'amministrazione in caso di cartelloni illegali si muove solo su "denuncia" dei cittadini o è in grado di intervenire autonomamente? (grazie alla banca dati ema basterbbe non chiudersi gli occhi girando in città) Non credo che lo scempio della SCI lo vediamo solo noi.

    RispondiElimina
  7. Wanderobo ma sei nuovo da queste parti?
    Ma li hai letti un pò di post dei mesi precedenti? Il dott. Bosi ha presentato 58 denunce finora ma il Comune, nonostante la legge 241/90 (trasparenza degli atti amministrativi), non ha fatto nulla nè ha fatto sapere nulla.Prendono sistematicamente in giro i cittadini! Quest'estate hanno rimosso qualche decina di impianti ma ne sono stati installati centinaia, soprattutto dalla famigerata SCI, la "star" del momento! Addirittura il Comune stesso ha piazzato cartelloni alle Terme di Caracalla dove è stra-proibito dal Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio (art.153), dal Piano Territoriale Paesistico Regionale (delib. 556 del 25/06/2007 e 1025 del 21/12/2007,e ironia della sorte, addirittura dalla famigerata Delibera comunale 37/2009 art.20, comma1, lettera E.
    Tu credi che qualcuno in Campidoglio voglia davvero porre fine a questo scempio allucinante?
    Ma dai su..I cartellonari sono una lobby potente..ricordati i faccioni di Celori e altri esponenti del PdL che per mesi..MESI, ci hanno ossessionato da migliaia di cartelloni prima delle elezioni regionali..erano gli stessi tempi in cui lo stormo di avvoltoi famelici calava sul corpo di Roma per farne strazio.
    Sai qual'è il problema però? I cittadini romani assuefatti e rassegnati al peggio e anche le tante persone che scrivono qui criticando sterilmente chi sta lavorando veramente sul territorio o postando messaggi che dicono "fate", "denunciate","bosi in vacanza".. "bruciamoli","alemanno zingaro" e altri latrati alla luna simili.. ma poi non regalano un'ora del loro tempo per farsi PARTE ATTIVA del movimento.
    Sono mesi che il titolare del blog scrive ARRUOLATEVI..E' chiaro il messaggio o no?
    Stiamo per riprendere le azioni di boicottaggio civile ma non possiamo "coprire" tutta la città se siamo sempre le stesse persone...

    RispondiElimina
  8. Tanto per informazione davanti al Palazzetto dello Sport dove 15 giorni fa hanno rimosso dei cartelloni e rifatto i marciapiedi(tra cui quello nuovo APA più volte citato sul blog)stanno, come era immaginabile, ritornando gli impianti: prima il cartellone SCI fotografato la settimana scorsa, ora da pochi giorni un cartellone giallo Nuovi Spazi collocato barbaramente di traverso alla pista ciclabile, e un impianto più piccolo sempre della SCI; i due SCI con il dovuto cartellino comunale..per quanto riguarda l'"arruolamento", raccolgo il messaggio..

    RispondiElimina
  9. A wanderobo delle ore 17,10 del 1.9.2010 faccio presente che la natura illegale di un impianto pubblicitario può essere accertata non solo a seguito della denuncia di un cittadino o di una associazione, ma anche d'uffico, ad opera cioé dei Vigili del Municipio in cui ricade l'impianto, i quali redigono un Verbale di Accertata Violazione (in sigla V.A.V.)che trasmettono al Servizio Affissioni del Comune per il seguito di sua competenza, cioé per la predisposizione del proveddimento di rimozione, oltre che per l'eventuale preventivo oscuramento.
    Faccio notare quindi come la materiale rimozione degli impianti abusivi non compete al Corpo di Polizia Municipale, che viene quindi ingiustamente messo sotto accusa in diversi commenti di Cartellopoli ed a cui spetta invece di denunciare penalmente alla Procura della Repubblica il legale rappresentante della Ditta che si é resa responsabile della installazione abusiva.
    Metto altresì in evidenza che a Roma é stato decentrato tutto, tranne che la rimozione dei cartelloni pubbliicari abusivi, che rimanendo centralizzata comporta un ritardo non solo nei tempi della loro materiale esecuzione, ma anche del loro preventivo oscuramento.

    RispondiElimina
  10. Prometeo vai a fare di nuovo una passeggiata a Piazzale del Verano..c'è una piacevole sorpresa!
    Ma guarda bene..:-))

    RispondiElimina