lunedì 18 ottobre 2010

Ancora una volta: aspettando il morto...


Qualche tempo fa, dopo avere percorso tutta via delle Capannelle mi sono ritrovato all’incrocio con Via Tuscolana e Via di Torre Spaccata, li mi è venuto in mente un articolo pubblicato sul Tempo.it (leggi qui) e ripreso anche dalla rassegna stampa del Comune di Roma (leggi qui) il quale riportava “Secondo uno studio del Campidoglio l'incrocio più pericoloso è quello tra via Tuscolana con via Torre Spaccata che in un anno ha registrato 71 feriti”.
Mentre attendevo che il rosso diventasse verde, ho cercato di trovare una risposta alla pericolosità di quell’incrocio, mi è bastato alzare lo sguardo per dare una risposta ai miei interrogativi.
Cosa ho visto? Beh guardate le foto, ben 17 cartelloni (almeno 11 sono 4*3)
Quello che mi chiedo è come sia possibile che il Campidoglio commissioni uno studio nel quale emerge la pericolosità di un incrocio, ripeto ben 71 incidenti, e non si prende la briga di andare a rimuoverli.
Caro comune vogliamo intervenire per dare meno “distrazioni” a chi si trova in prossimità di incroci!!
Le ricordo che a meno di 50 m da quell’incrocio c’è l’entrata di Cinecittà una volta vanto della città, oramai sfondo al colossal dei cartelloni abusivi.

Francesco Visconti


Non che in questo incrocio i vergognosi cartelli, da rimuovere TUTTI, mancassero anche prima dell'arrivo al governo della città degli amici dei mafiosi. Tuttavia laddove c'erano 9 impianti, oggi ce n'è 17. Capita la proporzione?
-La Redazione

2 commenti:

  1. Legione Monteverde18 ottobre 2010 12:15

    Cartellonaro...li mortacci tua....ti aspetterò dovessi odiare queste mura!!!

    ALEMANNO PRINCIPE DEI ROM !!!

    RispondiElimina
  2. Guardando questa foto mi vien da paragonare i cartelloni alle tag...prima ne compare una, due, tre...e più passa il tempo più ne aumentano fino a coprire tutto lo spazio....mi auguro che si possa fermare questo schifo...

    RispondiElimina