giovedì 21 ottobre 2010

Bordoni, ovvero come avere ancora il coraggio di scrivere comunicati stampa

AFFISSIONI, BORDONI: A NOVEMBRE IL PIANO PRESENTATO IN GIUNTA
Nel solo mese di settembre rimossi 1.260 impianti irregolari


“Il Piano Regolatore degli impianti pubblicitari è in dirittura d’arrivo: a novembre lo approveremo in Giunta e Roma avrà finalmente uno strumento di settore che doveva essere operativo da almeno venti anni”. Lo dichiara, in una nota, l’assessore alle Attività Produttive Davide Bordoni.

“Domani – continua Bordoni - presenteremo un’anteprima alle associazioni cittadine e ambientaliste che hanno tenuto aperto il dialogo con l’amministrazione sulle tematiche del decoro cittadino, presentando le loro proposte e ascoltando le strategie di intervento dell’amministrazione. La mancanza di un Piano Regolatore che doveva essere predisposto per legge negli anni Novanta ha, nel tempo, alimentato la confusione nel settore affissioni dove l’abusivismo ha avuto carta bianca. Con la Nuova Banca Dati abbiamo censito l’impiantistica pubblicitaria presente a Roma e dato il via alla redazione del Piano che, dopo la discussione e l’approvazione in Giunta passerà all’esame dei Municipi, della Commissione competente e del Consiglio Comunale. Continua inoltre l’azione congiunta dell’Ufficio Affissioni e del Gssu che hanno intensificato, in collaborazione con i gruppi territoriali di Polizia Municipale, le operazioni di sorveglianza e rimozione impianti abusivi. Nel solo mese di settembre sono stati rimossi 1.260 cartelloni irregolari”.


***

Bordonuccio nostro, sommessamente ti diciamo, quel che conta non è quanti ne hai rimossi (dilapidando un visibilio di soldi NOSTRI, temiamo senza gara), ma il saldo tra quelli che tu hai rimosso e quelli che nel mese di settembre (che è stato un mese micidiale come documentato TUTTI I GIORNI da Cartellopoli) sono stati montati. E questo saldo è qualcosa di micidiale. Tanto che, addirittura, come noi abbiamo documentato con foto, non con chiacchiere, i cartelloni rimossi sono stati rimontati dalle ditte LA NOTTE SUCCESSIVA alla rimozione. Ora, Bordonuccio, non era meglio con quei soldi farci qualche asilo nido visto che non sono serviti al decoro della città, non sono serviti a placare le ditte abusive, ma sono solo serviti ad ingrassare la società di rimozioni? Vuoi indicarci le strade dove sono avvenute le rimozioni, NEL DETTAGLIO, e andiamo noi con le nostre macchine fotografiche a vedere come è la situazione oggi? E vuoi vedere che dimostreremo che in quelle strade le rimozioni non sono state orizzontali, bensì selettive: due cartelloni entrambi in uno spartitraffico ove non si poteva installare? Quella ditta la rimuovo e quell'altra no. Perché?
Quello che conta, poi, sono le sanzioni che le ditte rimosse devono avere subito. 1.260 cartelloni irregolari, se non si fanno omissioni d'atti d'ufficio, significa 1.260 sanzioni. E le sanzioni secondo il tuo cazzo di regolamento devono essere seguite da un decadimento delle autorizzazioni per le ditte sanzionate. Se una ditta accumula più sanzioni, può arrivare a 100% delle autorizzazioni revocate. Lo hai letto il regolamento Bordonuccio nostro? Dunque chi ha preso le sanzioni? Quanto sanzioni ha accumulato ogni ditta? Vogliamo fare uno schemino in cui mettiamo sulle ascisse le 310 dittucce tue e sulle ordinate le sanzioni comminate a ciascuna e poi tracciamo una riga che indica quante autorizzazioni ogni ditta deve vedersi revocate?

Il Regolamento dovrà essere migliorato dalla Delibera di Iniziativa Popolare, ma nel frattempo perché non viene applicato?
-Cartellopoli

13 commenti:

  1. Sarò disfattista ma per me con questo tipo di personaggi è impossibile un dialogo.
    Spero tanto di essere smentito.

    RispondiElimina
  2. non è che "l'abusivismo ha avuto carta bianca", ma tu BORDONI gli hai dato carta bianca, concedendo autorizzazioni a pioggia senza alcuna istruttoria preventiva (ti ricordo che tutti gli impianti hanno la targhetta del comune), a noi la frittata non ce la puoi girare.

    RispondiElimina
  3. Questo individuo cerca di farsi passare come colui che si sta dando da fare per risolvere il problema, IMMANE, a Roma dei cartelloni pubblicitari. Quando invece costui è tra i PRINCIPALI ARTEFICI DEL DEGRADO ASSOLUTO che regna a Roma.

    Ora sta alla magistratura indagare e scoprire le ragioni del perchè si è concesso carta bianca alle centinaia di ditte nel massacrare il territorio romano. Sospetti di forti interessi in gioco, promesse mantenute, presunti prevedibili aiuti futuri, agganci con con settori economici che si sono "dovuti" far entrare in gioco, nel lucroso campo della pubblicità outdoor romana...

    RispondiElimina
  4. Sul tratto di Viale Marconi interessato dalle rimozioni e Via Calzecchi Onesti, sono rispuntati i cartelloni con le targhette scritte a pennarello.
    -
    BORDONI SEI SENZA VERGOGNA!

    RispondiElimina
  5. 1260*12=15120 cartelloni l'anno.
    15120*10=151200
    ragazzi fra DIECI ANNI Bordoni ci avrà liberato di tutti i cartelloni abusivi piazzati in città!!!
    Non è fantastico??? SOLTANTO DIECI ANNI!
    perchè invece ho come l'impressione che con questo tizio in giro ne piazzeranno altri 100.000 nei prossimi 2 anni?

    RispondiElimina
  6. Perchè i fatti contano. E i fatti sono questi, sotto gli occhi di tutti. ROMA E' INVASA DAI CARTELLONI PUBBLICITARI.

    Vergogna!

    RispondiElimina
  7. Poco fa sul TGR due servizi sui cartelloni: uno con le rimozioni-farsa di Bordoni e l'altro con un sondaggio commissionato da Athos De Luca sull'impatto negativo dei cartelloni a Roma.
    -
    Il capogruppo del PD al Comune ha parlato esplicitamente di una gara pubblica per la gestione dei cartelloni.

    RispondiElimina
  8. Bordoni ha perso ogni barlume di credibilità!

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  9. Ammesso e non concesso che all'improvviso si ricordino di applicare la normativa GIA'ESISTENTE e, a seconda dei casi (vedi ascisse e ordinate) rimuovano il 5%, il 20% o addirittura TUTTI i cartelloni di una ditta resasi responsabile di più abusi (Nuovi Spazi..tanto per non fare nomi)..chi pagherà l'enorme costo?
    Il contribuente romano già vessato e spremuto in cambio di servizi pessimi o inesistenti (pulizia, manutenzione strade e trasporti pubblici per esempio)?
    Sarebbe molto ma molto interessante INDAGARE sulle procedure con cui vengono scelte le ditte o le società per le rimozioni e ancora più interessante una visura presso la Camera di Commercio per sapere chi sono i loro soci e chi sono gli amministratori..Sono certo che ne vedremmo delle belle!
    BORDONI DIMISSIONI! NESSUNO CREDE ALLE TUE BUGIE VERGOGNOSE!!

    RispondiElimina
  10. Queste cose deve farle la magistratura inquirente: perchè tutto tace? Lavora in silenzio o il problema è IGNORATO....?

    RispondiElimina
  11. Stasera in via Prenestina angolo Tor de Schiavi è comparso un nuovo 1x1 (MOA CASA: boicottiamoli!).

    Proprio di fronte a una nuova isola pedonale ancora da inaugurare e naturalmente col marciapiedi già sfondato da quest'obbrobrio.

    Il tutto a 1 m dall'incrocio.

    Grazie BORDONI E ALEMANNO.

    RispondiElimina
  12. Ma che ha letto quell'ebete ignorante di Bordoni sa legge solo no scontrino dar pizzicarolo.

    L'ASSESSORE DAVIDE BORDONI HA PORTATO LA CAMORRA ALL'INTERNO DEL COMUNE DI ROMA.

    RispondiElimina
  13. Class action subito !

    Mafie e corruzioni dietro i cartelloni

    RispondiElimina