martedì 12 ottobre 2010

Geniale










Avete solo che da scegliere il colore giusto, ma noi, giustamente, consigliamo il nero. Così non si sbaglia. Tenetelo sempre con voi, nel bauletto del motorino. E poi, appena potete, attaccate. Fatelo in maniera geniale come è stato fatto all'Aurelio da una delle decine di colonne di resistenti che si stanno moltiplicando sul territorio. Eliminare siti web, numeri civici, email e numeri di telefono. Rendere la pubblicità non più accattivante per gli inserzionisti. Fargli passare la voglia. Azzerare il numero di persone che arrivano grazie alle inserzioni outdoor. Aumentare i costi di manutenzione per le ditte. Rendere insensato e antieconomico l'investimento per tutti (le ditte dovranno acquisire personale manutentore, gli inserzionisti non avranno nuovi clienti). E' uno dei pochi modi che abbiamo per colpirli e fargli veramente male. E non fate quella faccia: non c'è niente di illegale, illegali sono loro. Il sindaco, tra l'altro, è con noi: fategli quello che volete basta che non vi fate del male, ci ha detto. E allora spruzzate, spruzzate e spruzzate ancora.

20 commenti:

  1. stanotte tornando dal pub qualcuno ha portato un attacco nei confronti di due mega cartelloni (del tipo della foto numero 6) con un piccone sul litorale di Ostia. gli ha fatto vari buchi. non so quanti soldi ci vorranno per ripararli.

    RispondiElimina
  2. Ci vorrebbe lo stesso lavoro per quel mega cartellone a pannelli rotanti che si vede nella stessa foto, all'angolo da Baldo degli Ubaldi e Valle Aurelia

    RispondiElimina
  3. Le vere rivoluzioni arrivano sempre dal basso, leggere post come questo mi fa ritrovare la speranza che le cose possano cambiare, e non parlo solo di cartelloni. Bravi, continuate cosi!

    Valter (Torino)

    RispondiElimina
  4. Bravissimo!
    Continua così...questi criminali hanno martoriato Roma! Rendiamogli pan per focaccia..esploda la collera popolare contro i distruttori di bellezza.
    C'è così tanto da fare per far tornare ROMA al suo antico ed eterno splendore!
    Via per sempre tutti i papponi, bancarellari abusivi, camion bar della nota dinastia, parcheggiatori abusivi e violenti, sfruttatori di prostitute minorenni, locandine sui pali, marciapiedi coperti di feci canine...
    Non è che l'inizio..si diceva molti anni fa..

    RispondiElimina
  5. Cancellate anche le FRECCE, spesso segnalare la direzione è l'unico motivo per cui si installa un cartellone.

    RispondiElimina
  6. oggi su Repubblica un articolo enorme sull'altro scandalo in corso, quello del taglio selvaggio di alberature secolari.Attività iniziata dal Comune subito prima di cartellone selvaggio.Di certo non un caso...Le due cose sono collegate, con gli alberi ci guadagnano le ditte che li segano e con lo spazio lasciato libero dagli alberi ci guadagnano i cartellonari.E le buste chi le intasca??? ecco il commento che ho lasciato, come sempre con l'indirizzo di questo SantoBlog:

    Il Comune taglia migliaia di alberi spesso piante secolari che caratterizzano il paesaggio della città e al posto delle piante lascia che siano installati decine di migliaia di cartelli pubblicitari orribili, di tutte le dimensioni che stanno sfigurando l'aspetto di strade marciapiedi, giardini e aiole trasformate in piantagione di cartelli invece che di alberi. Uno schifo ma cosa c'e' dietro queste attività??? chi fa il business??? di certo non i cittadini di Roma, sarebbe interessante saperlo...Come mai tutto questo attivismo nel segare alberi, farlo costa...chi paga??? Chi guadagna? si fa posto ai cartelli pubblicitari questo è certo..Solo un caso??? seguite lo scandalo delle affissioni abusive che muovono un mare di soldi: www.cartellopoli.com, ci vuole una rivolta popolare.Alberi NO cartelli.

    Inviato da carl61 il 12 ottobre 2010 alle 09:54

    RispondiElimina
  7. Quel che mi domando io.. ma tutti sti cacchio di writers che scrivono su ogni muro, ogni portone, mai che li vedessi fare gli alternativi e gli anticapitalisti con i cartelloni abusivi...
    Datevi una sveglia anche voi!

    RispondiElimina
  8. BORDONI OGGI
    "Gli interventi di oggi dimostrano quanto sia efficace il confronto fra cittadini e istituzioni - dichiara l'assessore Davide Bordoni - gli impianti eliminati in mattinata sono stati segnalati dai residenti che hanno fatto scattare il controllo dell'amministrazione ed evitato, così, che l'abuso venisse compiuto. A tal proposito mi preme sottolineare che il tavolo di confronto istituito presso l'assessorato con le associazioni cittadine e ambientaliste non è stato affatto chiuso. Al contrario: è praticamente pronto il Piano Regolatore degli Impianti Pubblicitari che sarà oggetto di discussione con gli stessi cittadini".
    SESSORIUM hai capito come crede di infinocchiarci il PIZZICAGNOLO? ma non puoi fare un comunicato stampa e chiedere a BORONI PERCHé A piazza vittorio è stato oscurato subito e gli altri n-mila che vengono segnalati quotidianamente stanno al loro posto?

    RispondiElimina
  9. In effetti la dichiarazione dell'On. Bordoni è agghiacciante. Significherebbe che io sono un cittadino di serie B, dato che le mie segnalazioni invece non hanno mai avuto riscontro.

    RispondiElimina
  10. Evvai, indirizzi cancellati, danni economici assicurati...cartellonari abusivi, vi verrà reso pan per focaccia.

    RispondiElimina
  11. PER UN COMMERCIANTE, RIVOLGERSI AI CARTELLONARI DIVENTERÀ ANTIECONOMICO

    RispondiElimina
  12. Bravi, questo è il vero danno da arrecare a questi infami. Con le scritte e gli indirizzi cancellati non si serviranno più delle paline 1 x 1.

    CARTELLONARO HAI I GIORNI CONTATI LA PROTESTA CRESCE L'ONDA TI TRAVOLGERA'

    RispondiElimina
  13. Le paline 1x1 sono devastanti, sono ovunque, anche nei quartieri dove non si sognerebbero mai di mettere un 4x3. È una vera invasione da parte della cricca criminale che si è impossessata di Roma.

    Non importa: più ne mettono, più si trasformeranno in lavagne per esprimere il nostro sdegno.

    RispondiElimina
  14. Invito giornalisti e anche politici di sinistra che stanno cercando consenso in questa storia di fermare questo delirio diffamatorio (per usare le parole di Fini), ci possono essere persone deboli che non sono in grado di riconoscere la realtà dall'immaginazione. Un utente ha detto che ad ostia hanno usato un piccone.....vi rendete conto ? A quando la pistola ?
    Valter di torino non ti far confondere e chiediti perchè report sta molto lontano da questa storia....

    RispondiElimina
  15. Valter le rivoluzioni vengono dal basso....ma sei cosi sicuro che questi stanno in basso ? Chiediti che lavoro fanno, se hanno i soldi , e ti pare che la stampa appoggia una rivoluzione !

    RispondiElimina
  16. La televisione l'ho spenta da tempo e di quel che dice o non dice m'importa poco, qui vedo gente che porta avanti una battaglia che condivido, e poi un po' di vernice nera non ha mai ammazzato nessuno.

    Valter

    RispondiElimina
  17. purtroppo sono pessimista,ricordo il titolo di un articolo di poco tempo fa "sempre in attesa del morto, che arriverà ben presto".
    Ma spero che hai ragione tu....

    RispondiElimina
  18. Scrotino
    è più forte di te eh? Non ce la fai a smetterla di diffamare e calunniare.
    Lo sanno tutti che siamo armati solamente di tanta indignazione civile.
    I mafiosi che hanno spolpato Roma invece dovresti saperlo bene chi sono e di cosa sono capaci.
    Di fronte a un tale movimento impetuoso anche un personaggio velenoso e sinistro come te dovrebbe aver capito che si tratta di "movimento spontaneo popolare"..tu guardi la punta del dito e non VUOI vedere la luna.
    Vedrai tra pochi giorni cosa succede...

    RispondiElimina
  19. niente, finisce che sono io il diffamatore...!
    Piuttosto speravo che anche alcuni di voi (che in tantissimi siete onesti) cominciassero a prendere le distanze da certe parole.
    Vedrò cosa succede nei prossimi giorni....qualsiasi cosa sia io avrò la coscienza apposto !

    RispondiElimina
  20. Vernice, vernice e vernice. Non rimarrà un solo cartellone leggibile.

    RispondiElimina