mercoledì 20 ottobre 2010

Ha vinto Bordoni. La manifestazione anti-cartelloni non c'è più

Nonostante la presentazione del Piano Regolatore il giorno prima della manifestazione si configuri come una ennesima provocazione, una cattiveria, una astuzia politica di serie c, una prepotenza; nonostante anche un ipotetica e utopistica presentazione di un piano regolatore perfetto, la manifestazione sarebbe valida lo stesso; nonostante l'organizzazione sia molto avanti nel suo sviluppo con centinaia di persone già mobilitate; nonostante già i giornali -come abbiamo visto ieri su Il Messaggero- ne avevano diffusamente parlato, la Manifestazione anti-cartelloni indetta per Sabato 23 a Piazza Mazzini è stata sospesa come apprendiamo dal sito dei Residenti di Campo Marzio, parte del Comitato Promotore della Delibera di Iniziativa Popolare anti-cartelloni che della manifestazione era organizzatore.

Una scelta che, ancora una volta, ci lascia esterrefatti. Venerdì mattina, in assesorato, con ogni probabilità ci si ritroverà con in mano un documento irricevibile e con tutto l'impianto della protesta disinnescato. Il Comitato Promotore (dopo essersi divertito per mesi ad impallinare la proposta di bando internazionale, l'unica valida tanto e vero che è quella utilizzata in tutte le città del mondo che hanno sistemato il settore affissioni e ovviamente presa a modello dai Municipi che hanno organizzato l'incontro pubblico del 27 ottobre prossimo) fa abortire la voglia genuina di urlare in piazza tutta la rabbia contro il Sacco di Roma. La reazione contro i mostri che attualmente umiliano Viale e Piazza Mazzini non vale più solo perché l'assessore al Commercio ha convocato una riunione? Perché la presentazione del Piano Regolatore (che non regolerà alcunché) dovrebbe essere incompatibile con una manifestazione che è stato anche laborioso farsi autorizzare?

Il Comitato Promotore parla a nome di 10mila persone che hanno firmato le sue istanze, siamo certi che queste 10mila persone condividano questi continui non-sense strategici? Naturalmente ci auguriamo di sbagliarci di grosso e che le scelte strategiche del Comitato Promotore portino alla soluzione del problema ed allo sbugiardamento di una amministrazione connivente e collusa.

9 commenti:

  1. Ma davvero questi sperano in Bordoni?
    Ma dove vivono?
    Ma che razza di scelta è annullare una sacrosanta manifestazione che anche se il piano regolatore preveda di togliere tutti i cartelloni (un sogno) sarebbe stata comunque un modo per farsi vedere e sentire contro lo schifo che ci circonda. Uno schifo che di questo passo si subiranno anche i nostri nipoti.
    Io sinceramente non so più cosa pensare ed a questo punto fare.

    RispondiElimina
  2. Ennesima cazzata, se si è anunciato di fare la manifestazione, va fatta.
    I patti con chi sta deturpando Roma, autorizzando e legalizzando il degrado, non vanno fatti.
    Lo scempio è sotto gli occhi di tutti, il Comitato non può avere un approccio morbido coi barbari.

    Mafie e corruzioni dietro i cartelloni.

    RispondiElimina
  3. Io sto lavorando alla manifestazione e quindi potete capire come la penso, per me è sbagliato non farla.
    Però.
    Non disperate, il movimento contro cartellone selvaggio è più vivo che mai, solo che molti di noi litigano per antipatie personali.
    CONTINUATE A SEGUIRE I BLOG ANTIDEGRADO E NON PERDETE LA SPERANZA.
    Il comitato della delibera andrà da Bordoni che gli presenterà un Piano Regolatore scritto in fretta e furia per bloccare la delibera e lasciare le 310 ditte che hanno rovinato Roma al loro posto.
    Sono fiducioso che il comitato non si farà ingannare da Bordoni.
    CORAGGIO, LA BATTAGLIA CONTINUA!

    RispondiElimina
  4. secondo me la manifestazione è più giusto farla dopo la presentazione del piano regolatore, così si avranno ulteriori elementi per lo sputtamento del PORCO, il quale ovviamente ha dimostrato, casomai ce ne fosse bisogno, la sua malafede nonché i sotterfugi a cui ricorre per mistificare la realtà. Mi viene un dubbio, da quanot tempo è pronto questo piano regolatore? secondo me da settimane, mesi, ma solo adesso esce fuori, in anticipo rispetto alle dichiarazioni ufficiali.

    RispondiElimina
  5. Sono deluso da questa decisione di annullare la manifestazione.
    Spero che Cartellopoli continui la sua battaglia in modo sempre più forte, organizzando presto un'altra propria manifestazione con tanto di giornali.
    Grazie

    RispondiElimina
  6. Ma guarda che la manifestazione SAREBBE stata dopo!!!

    RispondiElimina
  7. Scusami che c'entra Bordoni ? Credo vada sottolineato che è stato il comitato promotore a sospendere questa manifestazione. La cosa è un pò diversa , non credi ? In sostanza è una bocciatura della tua posizione...

    RispondiElimina
  8. Bhe, su questo non posso darti torto. Il comitato promotore ormai è lì per bocciare questa o quella istanza più che per sconfiggere i cartellonari. E' un fatto.

    RispondiElimina
  9. Spero solo che il comitato promotore, che rappresenta 10.000 cittadini incavolati, non si faccia comprare da bordoni & co.

    RispondiElimina