lunedì 11 ottobre 2010

Italia Nostra, finalmente


Comunicato lucido, tagliente, affilato. Finalmente Italia Nostra "si sveglia". E si sveglia bene. Toccando tutti i punti che ci stanno a cuore. La delibera di inizitaiva popolare, firmata in pochisismi giorni da 10mila cittadini esasperati e che il Comune pretende di ignorare. Le rimozioni farsa di Bordoni e dei suoi. La chiamata in causa del sindaco. La domanda che noi abbiamo fatto anche stamani: chi protegge questi criminali? E soprattutto: perché? E poi il riferimento alla Magistratura, il Codice della Strada, quello dei Beni Culturali. Insomma tutto, davvero tutto quello che è sul piatto lercio e grondante crimine a cui mangiano i cartellonari e le loro sponde istituzionali. Una Italia Nostra in stile Cartellopoli, alla quale non possiamo fare altro che un enorme plauso.
-Cartellopoli




BASTA CON LO SCEMPIO
DEI CARTELLONI PUBBLICITARI A ROMA.
IL SINDACO INTERVENGA FINALMENTE A BLOCCARE UNA SITUAZIONE CHE OGNI GIORNO SI FA SEMPRE PIU’ VERGOGNOSA



La notizia di oggi che riguarda la rivolta dei cittadini per la vicenda del cartellone pubblicitario (installato tra venerdì e sabato) dalla ditta Nuovi Spazi s.r.l. addosso ad uno degli ingressi dei giardini di Piazza Vittorio è la dimostrazione che continua, nonostante la delibera di iniziativa popolare firmata da più di 10 mila cittadini, lo scempio dei cartelloni in tutti i quartieri di Roma.

Decine di cartelloni, ogni giorno, vengono installati in contrasto con le norme del Codice della strada e dei vincoli dei beni culturali e ambientali.
Anche se vengono rimossi, dopo le segnalazioni di cittadini e associazioni sempre più inferociti, il giorno dopo si riposizionano poco lontano dimostrando arroganza e totale dispregio per le numerose normative esistenti.

Perché sono così sicuri di farla franca nonostante le proteste ?
La città non può più tollerare questa vergognosa situazione.

Il Sindaco intervenga immediatamente a bloccare ogni ulteriore nuovo cartellone e proceda a denunciare alla Magistratura le ditte che nonostante le rimozioni continuano a non rispettare le leggi vigenti.


Per Italia Nostra Roma
Mirella Belvisi 338.1137155
roma@italianostra.org

10 commenti:

  1. Lotta continua e serrata contro questi delinquenti.

    INTERVENGA LA MAGISTRATURA IN GALERA DAVIDE BORDONI E TUTTA LA CAMORRA DEI CARTELLONI PUBBLICITARI.

    RispondiElimina
  2. Conosci il nemico:

    http://www.nuovispazipubblicitari.com/

    Resistiamo.

    RispondiElimina
  3. Un applauso al risveglio...ma dopo un lungo, lunghissimo, imbarazzantissimo SONNO LETARGICO.

    Se si svegliassero anche gli altri 4 milioni di Romani IGNAVI, certe forme di banditismo commerciale avrebbero le ore contate...e invece

    RispondiElimina
  4. ORA NON MOLLIAMO PIU' ITALIA NOSTRA!

    UNITI SI VINCE QUESTA GUERRA VERA E PROPRIA.

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  5. Il sito della Nuovi Spazi deve essere vietato ai minori...

    E' come visitare il museo degli orrori.

    E' un vomito di oscenità orripilanti.. dovrebbero essere denunciati per apologia di reato, oltre che per tutto il resto.

    RispondiElimina
  6. Estratto puro di banditismo:

    ...il nuovo originale formato 3X2 a fondo giallo semaforo, impossibile non distrarsi a guardarlo anche sulle consolari...dove gli altri non arrivano.

    Marescià, Marescià
    che stamo ad aspettà,
    'ste manette le famo tintinnà?

    RispondiElimina
  7. visitato il sito della nuovi spazi. Che dire? si vantano e mostrano le foto delle loro collocazioni fuori legge! in pratica è come se si autoaccusassero producendo loro stessi la documentazione accusatoria! no vabbè basterebbe la loro pubblicità per proibirgli di lavorare! ma intasargli le caselle mail?

    RispondiElimina
  8. meglio il fax... faxiamogli un rotolone Regina... tanto ce n'hanno de merda...

    RispondiElimina
  9. OPPOURE SEMPLICEMENTE SEGNALARE IL SITO ALLA MAGISTRATURA: un 'indagine più facile di così è impossibile!

    RispondiElimina
  10. HIP HIP HURRA' per Mirella Belvisi!!
    Continuate così!

    RispondiElimina