mercoledì 27 ottobre 2010

Roma Cialtrona (ormai anche su Abitare a Roma hanno capito dove stanno i problemi)

Roma cialtrona, sporca e vilipesa, stuprata dalla mafia cartellonara che, con la legittimazione del Campidoglio, prima di centrosinistra ora di centrodestra, ha impacchettato la città con centinaia di migliaia di cartelloni pubblicitari abusivi, condonati, inopportuni.

Una città stressata dall’incuria con migliaia di scritte sui muri e sui marciapiedi e attacchinaggio abusivo anche da parte dei partiti di chi si è candidato a governare Roma e addirittura l’Italia. Centri sociali che inneggiano alla rivolta contro amministratori scialbi e affaristi e imbrattano la nostra città facendoci vivere nel sudiciume.

Questa è la Roma dei ministeri, della Chiesa e delle borgate, “La corona di spine che cinge la città di Dio” (P. P. Pasolini), della solitudine dei migranti, dei scafisti della città, della metro traboccante e sudata, del percorso di guerra nello scambio metro della stazione Termini, di un popolo romano generoso e tollerante, nostalgico figlio di Roma caput mundi, già capitale del mondo noto.

Arriveranno da altri pianeti, ritorneranno i netturbini con carrelli e scope, annaffieranno le piante e le strade, lasceranno quel gradevole odore di asfalto bagnato, spariranno i cartelloni, ci sarà più aria e più luce e i muri ritorneranno puliti.

E sarà bello passeggiare in una città meno guastata, con un popolo in libertà, sorridente e inneggiante sotto il sole di Roma al Circo Massimo.

Angelo Tantaro
http://www.abitarearoma.net/index.php?doc=articolo&id_articolo=19646

4 commenti:

  1. Si può fare qualcosa per fermare i parassiti che ti si accodano in metro quando timbri il biglietto ai tornelli. E' successo anche oggi, avrei voluto dirne 4 al tipo che mi si è accodato quasi spingendomi oltre il tornello non appena ho timbrato, ma visti i tempi ho desistito 8anche perché aveva una faccia tutt'altro che raccomandabile). Ma i responsabili della metro che fanno? I vigilantes che fanno? Nessuno controlla e tutti possono passare impunemente? E quelli come me il biglietto che lo pagano a fare? Per far passare a sbafo tutti questi parassiti che ti si accodano?

    RispondiElimina
  2. Splendido articolo.

    RispondiElimina
  3. Sei un privileggiato, devi sorridere quel biglietto ti distingue perchè se paghi il biglietto vuol dire che non sei un

    NEGRO, UN ROM, O UN CASERTANO CHE VENDE CALZINI !!!

    RispondiElimina
  4. Quanto avete sborsato per questo??? fate ridere

    RispondiElimina