mercoledì 24 novembre 2010

Ci manca pure pensilinopoli...




Questa volta il prima e dopo non lo facciamo con qualche cartellone, ma con una pensilina dell'Atac. Cheppoi è la stessa cosa perché anche questi sono considerabili impianti pubblicitari e sono gestiti da ditte di pubblicità.
A gestire le pensiline, come sapete, è Clear Channel. Per carità, le pensiline sono belle, ci piace che ne vengano montate parecchie, ci fa piacere che ultimamente molte siano state sbloccate (per far star buona Clear Channel, il cui mercato è stato massacrato dalla gestione bordoniana dell'ultimo anno e mezzo forse?), ci va bene tutto, ma come si fa a rivogersi a ditte che fanno un lavoro simile?
Siamo in Via di Castetta Mattei, ci sono altre pensiline montate anni addietro sempre da Clear Channel e perfettamente installate, siamo di fronte ad una scuola e cosa ti dobbiamo sopportare? Un marciapiede completamente crivellato? Zeppo di buche dove i bambini potrebbero inciampare e dar craniate contro la struttura (ma costa di più far lavori per benino o pagare cause milionarie?).
Cosa sta succedendo? Un semplice episodio o anche Clear Channel, come CBS che abbiamo notato nei giorni scorsi, ha mollato qualcosa sulla sua serietà? E si è messa a comportarsi da cartellonara?
Ci auguriamo, intanto, che la pensilina di Casetta Mattei venga sistemata quanto prima.

UPDATE 25/11/2010: Clear Channel ci ha contattato e ci ha spiegato quanto segue. Le pensiline, una volta deliberate, vengono immediatamente installate affinché possano essere fruibili per l'utenza. Solo quando il pavimento presenta delle caratteristiche particolari (mattonato, basaltina...) si procede ad una prima fase di installazione e, solo successivamente, ad un saecondo passaggio di rifinitura. Rifinitura già programmata anche per questa pensilina nei prossimi giorni.

8 commenti:

  1. In questi ultimi anni l'invasione di locandine di concerti e serate in discoteca, i cartelli delle agenzie immobiliari, gli adesivi dei traslocatori (e potrei continuare a lungo) sta colpendo molte città italiane. Nell'ultimo periodo il fenomeno è esploso. Ogni superficie è buona per attaccarci questa spazzatura. Questa forma di pubblicità è illegale, in quanto chi affigge non paga la tassa sulla pubblicità. Oltretutto crea inquinamento visivo, perché nasconde spesso la segnaletica e, comunque, distrae gli automobilisti non tanto per ciò che è scritto che spesso risulta illeggibile, ma per i colori delle grafiche. E poi diciamola tutta...sono davvero BRUTTI! Questo problema esiste anche in Europa, ma vi assicuro che è combattuto attraverso sanzioni amministrative e l'immediata rimozione da parte degli operatori ecologici. Stacchiamoli tutti! è l'invito che rivolgiamo a tutti coloro che sono stanchi di tollerare questo schifo e vogliono apportare il loro contributo nella lotta anti-degrado. Ognuno di noi può fare qualcosa nel suo piccolo...basta usare le mani!

    RispondiElimina
  2. 24-11-2010 - 15:23

    MUNICIPIO IV, RIMOSSI DAI VIGILI 25 PALI PUBBLICITARI

    (OMNIROMA) Roma, 24 nov - Oggi è stata portata a termine la rimozione di 25 pali impiantati nelle principali vie del IV Municipio che sarebbero stati utilizzati per l'esposizione di striscioni pubblicitari. Gli agenti del Reparto Affissioni e Pubblicità del IV Gruppo della Polizia Municipale, diretti dal comandante Renato Marra, avevano iniziato l'opera di rimozione 20 giorni fa, dopo che l'Amministrazione Comunale aveva revocato la concessione. Motivo della revoca, la difformità alle attuali disposizioni in materia di affissioni. In sostanza le nuove norme non prevedono più la possibilità di fare pubblicità sulla strada con questo sistema.

    RispondiElimina
  3. OTTIMA NOTIZIA.

    Mafie e corruzioni dietro i cartelloni

    RispondiElimina
  4. Cara Clear, ti prego, rimetti a posto quell'obbrobrio, quando l'ho visto (e prontamente fotografato) - letteralmente non credevo ai miei occhi - mai vista una pecionata simile.

    RispondiElimina
  5. AL MUNICIPIO IV:

    MA LE SANZIONI SONO STATE EMESSE?

    RispondiElimina
  6. Purtroppo la Clear Channel fa così con moltissime pensiline in tutta Roma, installate con lavori di pessima qualità rovinando la pavimentazione dei marciapiedi.
    In Francia e Inghilterra fanno lavori a regola d'arte, qui a Roma fanno schifo.

    RispondiElimina
  7. UPDATE 25/11/2010: Clear Channel ci ha contattato e ci ha spiegato quanto segue. Le pensiline, una volta deliberate, vengono immediatamente installate affinché possano essere fruibili per l'utenza. Solo quando il pavimento presenta delle caratteristiche particolari (mattonato, basaltina...) si procede ad una prima fase di installazione e, solo successivamente, ad un saecondo passaggio di rifinitura. Rifinitura già programmata anche per questa pensilina nei prossimi giorni.

    RispondiElimina
  8. Vedi che spesso corri troppo a pensare male? Mi sembrava strano...

    RispondiElimina