giovedì 18 novembre 2010

Danneggiate chi danneggia Roma!














Chi non imbratta è cattivo, chi non imbratta è complice, chi non danneggia è colluso, chi non si dà da fare, ogni giorno, è amico della camorra cartellonara. Non date scampo. Non lasciatene neppure uno a fare il suo sporco mestiere. Basterebbero una dozzina di gruppi organizzati sul territorio, ma strutturati e organizzati veramente.
Avete idea di quanto possano essere fondamentali queste operazioni a livello di visibilità della nostra battaglia? Contano più di mille blog. Cartellopoli potrà avere i suoi 500 lettori al giorno, poco di più. Tanti perché tutti assai profilati, per carità, ma volete mettere le decine di migliaia di persone che raggiungiamo facendo così? Coraggio!

8 commenti:

  1. Legio XI claudia Pia Fidelis18 novembre 2010 08:42

    Purtroppo solo l'1% dei lettori di Cartellopoli è parte attiva contro l'invasione barbarica. Tutti gli altri se ne stanno in poltrona e ogni tanto abbaiano alla luna. Posso capire che non tutti possono essere impavidi combattenti della Resistenza, non tutti avranno l'ONORE di poter dire "io c'ero", ma è proprio a questi che mi rivolgo e chiedo di riscattarsi almeno partecipando alle sedute dei Consigli dei vari Municipi che si stanno tenendo in questi giorni per appoggiare la Delibera di Iniziativa Popolare contro cartellone selvaggio.

    -oggi alle ore 11 presso l'XI municipio
    -lunedì 22 presso il XVI municipio
    -martedì 23 presso il XV municipio.

    RispondiElimina
  2. Fenomenali.

    Novità in arrivo anche dall'altro capo della città.

    RispondiElimina
  3. Chi di cartello ferisce, di spray perisce !

    Mafie e corruzioni dietro i cartelloni

    RispondiElimina
  4. Legio Aurelia Invicta18 novembre 2010 14:37

    Noi riteniamo che questa forma di boicottaggio civile abbia una grossa importanza..gli inserzionisti devono capire che non possono foraggiare un'imprenditoria rapace che non si fa nessuno scrupolo a massacrare il paesaggio urbano, producendo un degrado vergognoso e indegno di una capitale europea.
    Le imprese, da anni, a chiacchiere, parlano di ETICITA' e qualcuna ormai inserisce nel proprio Bilancio annuale una parte dedicata a questo aspetto.
    Dov'è l'eticità nell'utilizzo di queste forme becere e degradanti di pubblicità?
    Non siamo vandali in cerca di sfogo..siamo cittadini indignati che ESIGONO rispetto per sè stessi e per la nostra incomparabile città.
    Lo sappiano coloro che hanno permesso il Grande Scempio..e che adesso si mostrano, per ora a parole, attenti al problema.
    Non siamo orientati partiticamente, ve lo garantiamo!!
    Che sorgano sempre più numerosi i nuclei di resistenza civica!!
    Benvenuto ResistEst..coordiniamoci!!

    RispondiElimina
  5. Ma ve lo immaginate un albero piantato ad un posto di ogni cartellone?

    RispondiElimina
  6. Ma ne hanno danneggiato pure uno di Clear Channel? Fanno violazioni pure loro? Non credo...

    RispondiElimina
  7. Danneggiato? Per un volantino appiccicato...mah!
    I mega-cartelloni della Clear Channel sono piazzati a pochi cm dalla sede stradale..non fanno violazioni?
    E' Roma ad essere stata violata..in ogni angolo e spazio disponibile..già..SPAZIO DISPONIBILE..
    CARTELLONIA DELENDA EST!!!

    RispondiElimina
  8. Roma: città disponibile.

    MA LA PACCHIA STA PER FINIRE

    RispondiElimina