venerdì 19 novembre 2010

La marcia trionfale della Delibera

Ancora non hanno capito che la differenza tra la destra e la sinistra la fanno solo i fatti, non le ideologie, ma pazienza. Nell'XI Municipio la Delibera di Iniziativa Popolare non ha potuto avere l'unanimità solo perché, pur essendo favorevoli alla stessa, i rappresentanti del PDL hanno preferito astenersi piuttosto che votare insieme all'altra parte politica, meccanismi che la politica fa guardandosi il proprio ombelico poiché non c'è l'ombra di un solo cittadino disposto a comprendere, a legittimare, a giustificare manfrine di quart'ordine come queste. Il Risiko degli sfigati. I giochi strategici dei consiglieri municipali, che contano meno di un amministratore di condominio ma che si occupano come parlamentari europei o delegati all'Consiglio dell'Onu
Uno scempio, quando sul piatto ci sono i cartelloni e la mafia che li gestisce. Uno scempio che i cittadini dell'XI Municipio dovranno ricordarsi andando a votare. Uno scempio anche sentir dire che qualcuno vede le tante associazioni che si sono create contro la cartellopoli romana come realtà strumentalizzate dal presidente del XI Municipio Andrea Catarci. Ma come si fa a dire una roba del genere? Ad ogni modo godiamoci l'ennesimo municipio in cui la delibera è passata e leggiamoci il comunicato stampa di Catarci stesso.


Sulla lotta ai Cartelloni pubblicitari il PDL si astiene!

"Il Consiglio del Municipio Roma XI, convocato in forma aperta a contributi esterni, ha approvato la proposta di Delibera di iniziativa popolare per la rivisitazione dell’attuale regolamento sulle affissioni pubblicitarie. Al pieno sostegno della maggioranza locale di centro sinistra ha fatto da contraltare l’astensione del centro destra, che continua a tollerare e incoraggiare lo scempio quotidiano di cartelloni pubblicitari che invadono strade, parchi e quartieri della nostra città. Il PDL municipale sostiene inverosimilmente che siccome la sinistra strumentalizza i comitati non si può essere favorevoli ad una delibera sostenuta con migliaia di firme. In realtà il centro destra sa bene di aver dato impulso alla devastazione dei nostri quartieri con la Deliberazione 37/2009 ed è in grande difficoltà ad ammettere che è necessaria una radicale inversione di tendenza.”
"Infatti, E’ più urgente che mai porre uno stop definitivo al dilagare dei cartelloni, applicando le sanzioni previste per quelli abusivi, dall’oscuramento dei messaggi pubblicitari alla rimozione, alla revoca delle autorizzazioni, con l’obiettivo di bonificare Roma da quegli impianti che per l’Assessorato comunale al Commercio sono meno di 33.000 e che il blog Cartellopoli stima invece in 150.000. E’ necessario, poi, adottare quel Piano Regolatore Impianti Pubblicitari (PRIP) di cui l’Assessore Bordoni ha presentato le linee guida, raccogliendo le indicazioni della proposta popolare, per stabilire regole che, nel tempo, garantiscano la tutela della città e di tutti i cittadini."

3 commenti:

  1. E' doveroso dire che nel II municipio il centrosinistra ha fatto la stessa cosa: si è astenuto al momento della votazione perché la maggioranza è del PDL.

    RispondiElimina
  2. Alle urne.. si ricorderanno anche i poveri profughi afgani?

    http://www.wikio.it/article/afgani-ostienze-rissa-spaccio-droga-187197147#news187197147

    PIERO IANNELLI

    — Segretario XI Municipio. “ La Destra ”
    –“Resp. Per le aree tutelate e vincolate”–
    — pieroiannelli@gmail.com — N”.Cell. : 339’8513962

    RispondiElimina
  3. Errore!Les si sbaglia. Nel II Municipio il centrosinistra ha votato a favore ed è stato promotore e relatore.

    RispondiElimina