venerdì 26 novembre 2010

La Resistenza ad Est è sempre più forte





Stimati anticartellonari,

alleghiamo qui la documentazione fotografica del nostro ultimo blitz nella zona del Parco di Centocelle (ma sarebbe meglio chiamarlo dei Cento Cartelloni), lato via Casilina. Tutti gli impianti colpiti sono stati installati negli ultimi cinque mesi, continuando lo sfregio di un'area potenzialmente molto attrattiva. Purtroppo, qui come altrove, gli spazi pubblici e il panorama sono stati lasciati preda dei più biechi e bassi istinti speculativi privati grazie alla complice incapacità della Giunta comunale. E così ogni marciapiedi e ogni spartitraffico si è trasformato in uno "sparticartelloni", che compromette il panorama di alberi, rovine ed edifici del quartiere. Questa la nostra risposta.

ResistEst - resistest@hotmail.com

*Scrivete a questi signori, arruolatevi, dimostrate impegno verso la vostra città. Abitate a Roma Est o Sud? Unitevi a questo ennesimo nuovo gruppo di resistenza alla 'Ndrangheta dei Cartelloni... E' del tutto evidente come queste azioni pongano all'evidenza delle masse il problema. Pongano all'evidenza degli inserzionisti il problema. Non ci deve essere un solo impianto pubblicitario libero della rappresentazione evidente e palese della collera dei cittadini romani contro chi ha regalato la città alla malavita.

12 commenti:

  1. Legio Aurelia Invicta26 novembre 2010 08:22

    Ave ResistEst!
    estendiamo la rivolta civile contro il nuovo Sacco di Roma.
    Cacciamo i nuovi barbari e chi gli ha permesso l'immondo saccheggio..
    BRAVISSIMI

    RispondiElimina
  2. COMPLIMENTI ai nuovi resistenti.
    Speriamo l'esempio ne convinca altri: Roma è ridotta male, l'hanno lasciata ai cartellonari, bancarellari e speculatori immobiliari.
    Dobbiamo rivioltarci contro questo scempio !

    Mafie e corruzioni dietro i cartelloni.

    RispondiElimina
  3. 80.000 cartelloni stimati a Roma Est (e ne nascono decine di nuovi a settimana).

    80.000 lavagne per esprimere il nostro sdegno nei confronti di chi l'ha compiuto e di chi l'ha permesso.

    RispondiElimina
  4. Guarda, se ti fai una passeggiata in zona Aurelio - Monteverde noterai una devastazione assoluta: cartelloni ovunque. E dico veramente OVUNQUE.

    Questo scempio senza fine causato da queste bande di cartellonari senza scrupolo che si arricchiscono alle spalle della popolazione si Roma deve TERMINARE.

    Se ne deve parlare anche all'estero, come già stanno facendo: si veda l'articolo recente del Times sulle devastazioni dei graffiti e tags in ogni dove. Allora vedremo cosa si inventeranno questi nell'assemblea capitolina, quali scuse, quali favori, quali soldi gireranno sottobanco...

    RispondiElimina
  5. Legione Monteverde28 novembre 2010 12:35

    Grandi MONTEVERDE è con Voi.

    RispondiElimina
  6. Bisogna continuare su tuti i fronti accerchiamento a tenaglia!!!

    DETURPA,IMBRATTA,STRAPPA,DANNEGGIA,DENUNCIA..

    RispondiElimina
  7. L'altra sera ho insultato un RUMENO DEL CAZZO che ripuliva le scritte abusivo mi ha detto:

    "DOBBIAMO LAVORARE TUTTI".... COME TUA SORELLA SULLA SALARIA!! gli ho detto ... merda !!!

    RispondiElimina
  8. Hanno ripulito anche tutte le scritte ABUSIVO in area Scalo San Lorenzo. Vanno rifatte quanto prima, non gli diamo tregua.NON GLI DIAMO TREGUA.

    RispondiElimina
  9. A dimostrazione del fatto che GLI ABUSIVI leggono anche loro questo ed altri blog, segnalo che il lenzuolo di via ramazzini è sparito dal catafalco giallo già il giorno successivo.

    RispondiElimina
  10. Legio Aurelia Invicta29 novembre 2010 16:59

    La campagna d'inverno sta per cominciare.
    Rinnovate le cartucciere, preparate gli striscioni, cancellate i numeri di telefono dei cartelloni "spazio disponibile", smontate gli 1x1..etc..etc..TUTTI DEVONO ARRUOLARSI!!
    Le chiacchiere di Bordoni e Paciello non incantano nessuno..ecco i risultati della "tregua"..i delinquenti sono di nuovo scatenati e impuniti!

    RispondiElimina
  11. Legio Aurelia Invicta29 novembre 2010 17:00

    le cartucciere di bombolette, ovviamente..

    RispondiElimina