martedì 30 novembre 2010

La riqualificazione del waterfront di Ostia. Vol. 2









Ma i cittadini di Ostia cosa aspettano a coalizzarsi e ad intervenire con adeguate azioni di resistenza?

5 commenti:

  1. Grillo parlante30 novembre 2010 08:22

    Quelli che..spaccamo, bruciamo, sfonnamo e poi non fanno niente
    Quelli che..il Piano Regolatore risolverà tutto..
    Quelli che..abbiamo rimosso 1243,7 cartelloni..
    Quelli che "c'è spazio per tutti" e adesso nel silenzio assordante di una stampa complice continuano a lasciare campo libero ai massacratori..
    Quelli che..trattare, mediare, sopire, narcotizzare il movimento..

    RispondiElimina
  2. Ovviamente poi, un cartellone diverso dall'altro, in una confusione e oggettivo DEGRADO che neanche a Ouagadougu nel Burkina Fasu.

    RispondiElimina
  3. Ostia è come tutti i quartieri di Roma, piena di scritte sui muri, cartelloni abusivi e bancarelle di quart'ordine.
    TERZO MONDO!

    RispondiElimina
  4. Basta offendere l'Africa paragonandola a Roma!
    Li il degrado è provocato dalla povertà
    Qui dalla presenza di banditi mafiosi e da una classe politica che è solo un comitato d'affari.

    RispondiElimina