giovedì 25 novembre 2010

Le sedi che giustificano i sospetti



Sarà una coincidenza che ha questo indirizzo corrisponde la sede della Nuovi Spazi Pubblicitari? Sarà suo l'alieno 6x3 (o di più?) abusivo? Non erano vietati i formati di questo tipo? Mah...

P.S. a quando una bella irruzione della Polizia in quel covo stile Antonio Iovine?
Ale77

8 commenti:

  1. facciamo un sit-in come gli studenti davanti alla sede. andiamo anche noi sopra i tetti!!!!

    RispondiElimina
  2. Anonimo delle 16.55
    sarebbe una buona idea..ma chi organizza?
    Ti ricordi come andò a finire la manifestazione di Piazza Mazzini?
    Io vedrei meglio un sit-in il giorno in cui verrà discussa in Campidoglio la Delibera di iniziativa popolare.
    Ma chi organizza?..il problema è sempre quello...

    RispondiElimina
  3. io ci passo lì di fronte 2 volte al giorno e non so se essere più indignato per il traffico (che si nota bene nella 2a foto) o per i manifesti: il muro (anche se ripulito durerà poco) è sempre stato infestato da cartelloni pubblicitari e da svariati anni (10?), da quando hanno recintato il terreno adiacente alla laurentina, da lì sino all'incrocio con via di tor pagnotta (quasi 1 km)è tutto un susseguirsi di manifesti assolutamente abusivi, che formano strati su strati e ogni volta che crollano il comune ripulisce ma tempo una settimana che già sono ricomparsi

    RispondiElimina
  4. È questa Roma Capitale?

    RispondiElimina
  5. no

    questo è Roma LADRONA

    RispondiElimina
  6. Chi non combatte in Municipio è colluso con la camorra cartellonara...non votatelo alle prossime elezioni!!!

    RispondiElimina
  7. Ho denunciato l'abuso senza ottenere risposta nè la rimozione dell'impianto; idem per i cartelloni su area vincolata a Tutela Paesaggistica all'ingresso del quartiere Fonte Laurentina; se volete proprio saperlo la stessa Fonte Laurentina è stata sepolta da un parcheggio sequestrato più volte e poi dato in custodia al proprietario che lo custodisce mettendolo a disposizione dei clienti del supermercato anch'esso costruito al posto delle fonti termali: l'abuso non è stato ad oggi demolito nonostante una precisa richiesta dell'Ufficio Vigilanza della Regione Lazio

    Silvio Talarico 3202928128

    RispondiElimina
  8. Oltre ai cartelloni ho denunciato altre installazioni su aree vincolate e persino sui marciapiedi pubblici ed in particolare le baracche di vendita delle varie immobiliari: anche in questo caso la Vigilanza Regionale ha espresso il parere che sono abusive ma le baracche non sono mai state rimosse e continuano a svolgere attività di ufficio vendita immobiliare aperto al pubblico essendo inoltre sprovviste di regolare abilitazione sanitaria da parte della ASL; così capita che una società paghi un affitto di migliaia di euro al mese per svolgere la stessa attività che questi nelle baracche svolgono senza pagare nulla; provate voi comuni mortali a piazzare una baracca su un marciapiede pubblico e mettetevi a vendere poi fateci sapere come va a finire grazie: Solidarietà e complimenti vivissimi ai gestori di questi sito: altri invece dovrebbero vergognarsi ma il denaro è più importante del decoro e della civiltà; mi vergogno di essere cittadino italiano e romano
    Silvio Talarico 320 2928128

    RispondiElimina