martedì 9 novembre 2010

Ma che vuoi verificare?


Potete verificare se il cartello sorto di notte dal nulla all'incrocio tra Via Ugo De Carolis e Via della Balduina, all'altezza del civico 199 di Via De Carolis, è abusivo e va rimosso?
Grazie
Romamigliore

*Ma che verificare e verificare. Son tutti abusivi, parliamoci chiaro. Che è sta storia di verificare? Tu, piuttosto, se vuoi davvero una Roma migliore: imbratta. Un cartello simile, piazzato in Via Emanuele Filiberto, è stato imbrattato, ancora imbrattato, un'altra volta imbrattato. Dopodiché qualcuno (la ditta? Il Comune?) l'ha tolto e ora non c'è più. Coraggio, anche il sindaco c'ha detto che possiamo darci da fare...
-Cartellopoli

18 commenti:

  1. Chissà perchè da qualche giorno i commenti stanno diminuendo a vista d'occhio.
    Forse, visti gli ultimi sviluppi, molti si sono rassegnati all'invasione aspettando l'approvazione di un Piano regolatore che metterà fuori gioco la Delibera.
    Molti si sono rassegnati all'impossibilità di ottenere una significativa inversione di rotta.
    Molti si sono rassegnati sperando nel futuro Bando..
    Chissà..certo, è tutto molto triste.
    Ma non inspiegabile.
    Dividi et impera..

    RispondiElimina
  2. Io non mi rassegno.

    RispondiElimina
  3. Io neanche. Bisogna denunciare alla cittadinanza onesta e con spirito civico queste bande di cartellonari senza scrupoli.

    RispondiElimina
  4. Non è vero che i commenti sono diminuiti. Sono tantissimi soprattutto quando si tratta delle azioni dirette anti cartelloni.

    Il Comune vuole prendere tempo per uscire dall'angolo, ma non gli daremo tregua.

    Imbratta il cartellone, rendilo anti economico per chi lo installa e chi si annuncia!

    RispondiElimina
  5. Molti si sono rotti i coglioni delle discussioni interne ad il movimento contro i cartelloni. Invece di impiegare le energie a combattere in maniera operativa la situazione di Roma, si litiga su chi ha ragione, chi è stato il primo e cazzate del genere.
    Nel 2010 ancora non si è capito che l'unione fa la forza, ma cque continuo a fare ciò che facevo prima: esposti, denunce e azioni con anche l'associazione di quartiere che ho coinvolto nella lotta a questo schifo.

    P.s. per l'articolo di sopra prendi il num di targa del cartellone e segnalalo insieme all'ubicazione alla polizia municipale di zona.

    Mafie e corruzioni dietro i cartelloni

    RispondiElimina
  6. E' solo un impressione, highlander, in realtà c'è un sacco di gente che legge e non commenta, aspettando che la delibera d'iniziativa popolare venga discussa nei prossimi giorni.
    -
    Intanto se giri per Roma ti accorgerai che le azioni di imbrattamento sui cartelloni continuano ogni giorno, ieri ho visto le scritte "basta cartelloni" persino a San Giovanni!
    -
    Adesso i cartellonari stanno in paranoia, la pacchia è finita, il Comune sarà costretto ad approvare la delibera e incominciare subito le rimozioni e gli oscuramenti, entro dicembre. Se il Comune dovesse opporsi, la connivenza con i cartellonari sarebbe conclamata e la protesta salirebbe su tutti i giornali, sommergendo Alemanno e la sua giunta.

    RispondiElimina
  7. Intanto che il comune prende tempo, mi sembra corretta la tattica di rendere antieconomico il cartellone.

    Abbiamo visto che l'inserzione costa 100 euro al mese su quelli piccoli. Installarlo costerà alla ditta ipoteticamente 30-40 euro - diciamo 10 euro per il lavoro in nero di due persone, più 20 o 30 per la struttura che nella maggiorparte dei casi è fatta di materiale scadente epericoloso, raccattato dagli sfasciacarrozze. Naturalmente non pagano l'Iva nè la tassa comunale, quindi CON DIECI MINUTI DI LAVORO GUADAGNANO UNA RENDITA NETTA DI 100 EURO AL MESE.

    Ora, se i cartelloni vengono spesso imbrattati o coperti, diminuiranno i committenti: si troverà più difficilmente qualcuno che vorrà pagare 100 euri per un cartellone che dopo una settimana diventa inutile per le scritte. Inoltre, per intervenire tempestivamente, i cartellonari dovranno dotarsi di squadre di controllo che verifichino che i vari impianti siano a posto. Squadre che non hanno: finora i cartelloni erano intoccabili. Poi, dovranno pagare per ripulirli.

    Insomma, una serie di spese e preoccupazioni non indifferenti, che potrebbero spingere i cartellonari a TOGLIERE i cartelloni (come già accade con quelli più presi di mira). E soprattutto, si annullerebbe il meccanismo della rendita basato sull'evasione fiscale e sul saccheggio della città che tanti danni sta facendo a Roma.

    AGIAMO!

    RispondiElimina
  8. Sottoscrivo pienamente Flavio Gioia.

    Qua nessuno se ne è anadato dal campo di guerra!

    Mc Daemon presente!

    RispondiElimina
  9. Prima di entrare nel palazzo della Prefettura, il premier è stato accolto da un gruppo di diverse centinaia di persone, tra studenti e precari della ricerca e cittadini, che lo hanno contestato gridando "mafioso" e "dimissioni''. Il gruppo e' stato contenuto dalle forze dell'ordine schierate in tenuta anti sommossa. Nei cori citato anche il "Bunga Bunga". Attimi di tensione poi quando, in un momento di forte concitazione, dalla folla e' partito il lancio di un fumogeno esplosivo che ha creato alcuni momenti di confusione.

    RispondiElimina
  10. sopa sulla finisra si vede una signora

    ahhaahha

    mi sa che gli butta il brodo caldo

    iiiiiiiiiiiiiiiiii

    RispondiElimina
  11. Flavio Gioia,
    condivido il tuo ragionamento,

    ma quelli che pubblicizzano 100 € al mese sono i più disperati e squallidi

    i banditi organizzati e collusi, la maggioranza, rastrella dal pizzo su suolo pubblico anche fino a 5000 € esentasse per catafalco,e tutti netti , vista l'assenza di regole e manodopera qualificata.

    Il pizzo sulla città può ulteriormente lievitare se riesce ad offendere e devastare luoghi frequentati, come parchi , piazze storiche, spartitraffico di via di grande scorrimento...

    l'affare è molto più grande e lo schifo è proporzionale

    RispondiElimina
  12. Certo, parlavo di azioni alla portata di tutti: una persona sola con uno spray o un cacciavite può già rendere la vita impossibile ai cartelloni piccoli.

    Per quelli grandi essere da soli non basta.

    RispondiElimina
  13. Per Highlander (Dividi et impera)

    Il movimento si è diviso da solo. Quali e quanti sono i soggetti del movimento anticartellonaro? Quelli attivi realmente sono meno di una decina di persone in tutto. Gli altri sono solo oche che starnazzano da qualche blog. Utili anche loro, sicuramente, ma solo a parole.
    Di questa decina di persone ci sono tre filoni di pensiero od azione principali. Di questi tre filoni due sono riconducibili ad un singolo individuo ciascuno e un'altro a un manipolo di persone.
    Meno di dieci persone che hanno fatto tutto stò casino....
    Meno di dieci persone che hanno fatto tanto casino da non riuscire a fare fronte comune!
    Qualcuno non si riconosce nei continui insulti urlati, qualcuno non si riconosce nella tattica dello scontro infinito a suon di leggi, qualcuno non si riconosce nella tattica del voler essere "dentro al processo" e del colloquio ad oltranza. Ed ecco che ognuno va per conto suo. E con loro anche i lettori dei blog.
    Quindi è normale che i commenti diminuiscano, che ci sia della disillusione.
    Trovo normale anche che qualcuno di quella "sporca decina" possa decidere di chiudere baracca e burattini se voltandosi si ritrova da solo o se non condivide più qualcosa.

    RispondiElimina
  14. Sporca decina? Se non sbaglio ho letto che la proposta della Delibera è stata firmata da 10.000 persone..se non sbaglio ci sono vari esponenti politici di tutte le forze che sostengono questo movimento..forse la decina di cui parli sono le "menti"..ma secondo me il consenso intorno alle loro idee è enorme (vedi il sondaggio commissionato da De Luca e postato qualche giorno fa anche qui..).
    Forse qualcuno si è rotto i coglioni delle diatribe feroci che spesso sono apparse anche qui, ma questo non sminuisce la GRAVITA' STORICA
    del Grande Scempio e le RESPONSABILITA' DI CHI NON E' RIUSCITO A FERMARLO...e invece, magari tra un pò di tempo, riceverà un premio come difensore del decoro urbano.

    RispondiElimina
  15. E' chiaro che l'appellativo "sporca decina" scimmieggia bonariamente il titolo di un famoso film in cui pochi uomini hanno fatto un gran casino. Alla fine erano tutti ridotti maluccio ma hanno raggiunto lo scopo.
    Certo che il consenso è enorme, ma quando c'è da sgambettare sono sempre gli stessi. Quindi non parlerei solo di "menti" ma anche di braccia e di gambe. Infatti, come dice un mio amico ... "ma tu vuoi continuare a lottare contro i cartelloni abusivi tutta la vita?" La risposta è si...finchè ci saranno cartelloni abusivi e vernice nella bomboletta.

    RispondiElimina
  16. Legione Monteverde10 novembre 2010 09:27

    Nessuna tregua continuiamo ad imbtattare e danneggiare tutte le paline 1 x 1 e tutti i cartelloni con la scitta ABUSIVO

    RispondiElimina
  17. Resistenza Attiva10 novembre 2010 14:57

    Ecco...Bravo... continua te da quelli in via leone XIII, via colli portuensi ,via Agnelli e via Ramazzini... Continua te che io me riposo un pò....

    RispondiElimina
  18. Approfittando di uno squarcio di sole mi sto riposando anche io..aspettiamo il cambio fiduciosi..e documentate le vostre "attività"..

    RispondiElimina