venerdì 12 novembre 2010

Orlando Corsetti: sui cartelloni nel Primo Municipio faccio da solo...


Un Orlando Corsetti assai intonato in questi giorni ci fa saltare sulla poltroncina dalla contentezza. Prima i blitz contro le paline abusive dei tour operator e degli open bus, ora contro i cartelloni abusivi. C'è una lunga lista di impianti regolarmente verbalizzati e sanzionati. Tutta roba oscena, tipo la selva di impianti (almeno quattro) che ha reso irriconocsibile Piazza Esedra, per dire. Questa lista di impianti, mentre vi scriviamo, sta subendo il trattamento-Corsetti.
Che poi significa, al motto di Chi Fa Da Se Fa Per Tre, rimuovere senza attendere i tempi artatamente infiniti del Dipartimento competente.

Il 26 ottobre il presidente del I Municipio Orlando Corsetti ha scritto a Bordoni: "il mio municipio è pieno di cartelli abusivi già contravvenzionati, ci sono pericoli per l'incolumità dei cittadini, la invito a provvedere con urgenza nelle rimozioni, nel caso sono a disposizione le strutture del nostro ufficio tecnico. Le do 10 giorni di tempo". Ovviamente da Bordoni e dai suoi nessuna risposta. Stamattina alle 10.30 in punto, a Piazza Esedra, sono iniziate le rimozioni. I cartelli più volte immortalati da Cartellopoli sono stati rimossi. Troupe di Cartellopoli erano lì e hanno documentato tutto con foto e video che saranno pubblicati lunedì. Non mancherà anche una video-intervista al presidente. E poi ci sarà la lista degli impianti sanzionati che stavano lì, a far ulteriormente guadagnare i coglioni che ancora vi comprano pubblicità. Alcuni verbali risalivano a marzo, a giugno, a maggio, a luglio. Leggerete tutta la lista, ma sappiate che c'era gente verbalizzata 7 mesi fa e che per 7 mesi ha potuto continuare a raccogliere pubblicità, ad incamerare incassi a volontà ed a deturpare la città. Zumpappà.

16 commenti:

  1. Beh, che dire? Avanti cosi!

    RispondiElimina
  2. Grande Corsetti !
    Fossero tutti cosi i Presidenti di Municipio....

    RispondiElimina
  3. Bisogna denunciare Bordoni e Paciello per omiss. atti di ufficio ( se non hanno i soldi per rimuovere i cartelloni, li devono almeno oscurare ).

    Mafie e corruzioni dietro i cartelloni.
    p.s. cerchiamo di attivare ogni Municipio

    RispondiElimina
  4. Corestti è un grande : pragmatico, diretto, coerente, competente!

    LO VORREI COME PROSSIMO CANDIDATO SINDACO!

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  5. IL MIO VOTO A CHI SPAZZA VIA TUTTA QUESTA FECCIA !!!

    10.000 applausi le auguro 10.000 voti !!!

    RispondiElimina
  6. Legione Monteverde12 novembre 2010 15:19

    CODICE PENALE - Art. 328 Rifiuto di atti d'ufficio. Omissione

    1. Il pubblico ufficiale o l'incaricato di un pubblico servizio, che indebitamente rifiuta un atto del suo ufficio che, per ragioni di giustizia o di sicurezza pubblica, o di ordine pubblico o di igiene e sanità, deve essere compiuto senza ritardo, è punito con la reclusione da sei mesi a due anni.

    2. Fuori dei casi previsti dal primo comma il pubblico ufficiale o l'incaricato di un pubblico servizio, che entro trenta giorni dalla richiesta di chi vi abbia interesse non compie l'atto del suo ufficio e non risponde per esporre le ragioni del ritardo, è punito con la reclusione fino ad un anno o con la multa fino a L. 2 milioni. Tale richiesta deve essere redatta in forma scritta ed il termine di trenta giorni decorre dalla ricezione della richiesta stessa.

    RispondiElimina
  7. PER NON PARLARE DI:

    CORRUZIONE - CONCUSSIONE - EVASIONE FISCALE - NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO - ASSOCIAZIONE A DELINQUERE - DANNO ERARIALE.

    Paciello,Bordoni toc toc ci siete ...famo a capisse!!!

    RispondiElimina
  8. scusate

    allora denunciate

    ci vogliono fatti e non parole

    RispondiElimina
  9. Tutti i presidenti di municipio devono fare come Corsetti!

    RispondiElimina
  10. Corsetti santo subito!!!

    RispondiElimina
  11. Il Comune di Roma, il sindaco e i suoi assessori, permettono lo scempio cartellonaro nel I Municipio, che oltre a rappresentare il cuore artistico, economico e sentimentale di Roma e dei romani è anche PATRIMONIO DELL'UMANITÀ stabilito dall'Unesco.

    E deve arrivare il presidente del Municipio a ripristinare non chissà che opera pubblica, ma semplicemente la LEGALITÀ.

    Chi tratta così il centro storico non merita di amministrare neanche un condominio: ALEMANNO E BORDONI A CASA SUBITO!

    RispondiElimina
  12. Grande Corsetti, avrai il mio voto e quello di tutta la mia famiglia alla prossima tornata elettorale!

    RispondiElimina
  13. Ottime azioni! :) :)

    RispondiElimina
  14. ...e quell'ominicchio da quattro soldi di bordoni, colluso con la mafia e timorato della stessa, ha dichiarato che , guarda caso, sarebbe intervenuto lunedì per le rimozioni. Quando si dice "il caso"!!

    RispondiElimina
  15. Peccato che lo faccia solo ora, Corsetti, come pubblicità per la sua campagna elettorale a segretario del Pd.. ben prima di lui, un anno fa circa, a rimuocre i cartelloni ci hanno pensato i cittadini e consiglieri come Athos De Luca, Alessandro Ricci, e via cantando. Corsetti ha solo capito, come quando fece rimuovere 2 tavolini in via della Vite (dove oggi ce ne sono altri 100), che l'importante è fare, ma meglio se ti riprende una troupe del Tg3..

    RispondiElimina
  16. Per chi ha voglia, si legga qs link:
    http://www.noiroma.it/index.php?option=com_content&view=article&id=1112:boulevard-de-noantri&catid=38:rassegna-stampa&Itemid=68

    RispondiElimina