martedì 23 novembre 2010

Orrore all'Eur, precisazioni sul post precedente








Eccomi qua. Allora, di nuovo, alcune foto riguardano l'ultimo nato in Piazzale Vita Finzi all'EUR, l'area dello square centrale, con bella erba verde ed un pregiato pino, era stata bonificata solo alcuni mesi fa da due impianti installati l'anno scorso, sembrava un miracolo, forse perchè vincolata dal codice della strada (l'incrocio e trafficatissimo da auto e pedoni) o dall'ente Eur (?), ora è sfregiata di nuovo, per il momento da un solo impianto, ma ci aspettiamo di tutto...
Il cartellone giallo è uno di quelli oggetto di bonifica dell'area sopra menzionata e ricollocato a pochi metri su Viale Oceano Atlantico lato fuori Roma sfondando ed ostruendo il marciapiede: ora è impossibile passare per un disabile, ad esempio.
Le altre foto si riferiscono ad un'altro impianto montato un paio di mesi fa sempre su piazzale Vita Finzi al confine con Viale Oceano Atlantico, non al centro ma sul perimetro del piazzale, ed ostruisce la visuale di altra area verde.
In questi pochi metri, tre anni fa non c'era nulla. L'anno scorso ne sono comparsi due, poi bonificati. Ora (per adesso) sono tre. Chiediamo a Bordoni se sa fare le operazioni di algebra?
Flavio Santucci

4 commenti:

  1. Legio Aurelia Invicta23 novembre 2010 09:35

    Se ancora ce ne fosse bisogno queste foto dimostrano che tutte le promesse fatte da chi ha permesso e permette il Grande Scempio sono state una tattica molto scontata per prendere tempo e tentare di salvare la faccia.
    Può ripristinare la legalità chi ha permesso che fosse calpestata e stracciata nel modo che sappiamo, riducendo la città ad un palcoscenico surreale e squallido dove c'è ancora "spazio per tutti"?
    Con la ragione concordiamo con coloro che tenacemente si appellano alle Istituzioni e chiedono il rispetto della legge ma con l'esperienza delle cose romane e con il cuore di cittadini indignati e furibondi per lo SFREGIO a Roma continueremo con le azioni di resistenza civile.
    Che nascano 100 gruppi di resistenza!
    Convinciamo gli inserzionisti che stanno buttando i loro soldi per oltraggiare la città e finanziando un'imprenditoria d'accatto capace solo di lucrare sul suolo pubblico senza alcuna capacità progettuale e rispetto per chicchessia.

    RispondiElimina
  2. forza ragazzi !!!

    all'attacco di questo scempio


    bisogna liberare Roma da questo cancro

    RispondiElimina
  3. @ Flavio Santucci: stiamo coordinando le segnalazioni ai vari uffici competenti in zona Eur, se interessa possiamo unire le forze

    RispondiElimina
  4. qui ce scappa er morto

    RispondiElimina