venerdì 29 aprile 2011

Bosi-segnala: lungomuro di Ostia

 
 

In data 6 aprile 2011 é pervenuta a questa associazione una segnalazione corredata dalle foto allegate (scattate il 26.3.2011), che fa presente un impianto pubblicitario bifacciale di mt. 2,00 x 1,50 circa (vedi foto allegata come “Lungomare Paolo Toscanelli altezza Piazza dei Ravennati_26032011.jpg”) installato sul  Lungomare Paolo Toscanelli all’altezza dell’incrocio con Piazza dei Ravennati (vedi planimetria allegata come "Lungomare Paolo Toscanelli altezza Piazza dei Ravennati_Pianta.jpg).

La segnalazione fa presente che l’impianto non era presente nel 2008 (vedi foto allegata come “Lungomare Paolo Toscanelli altezza Piazza dei Ravennati_2008.jpg”): non ha cimasa con il nome della ditta, ma ha affissa una targhetta con  il numero di codice identificativo 0112/BP434/P con la la scritta “LUNGOMARE PAOLO TOSCANELLI 98/100 SU SPARTITRAFFICO” (vedi allegata foto
"Lungomare Paolo Toscanelli altezza Piazza dei Ravennati_26032011_targhetta.jpg").

Nell’elenco delle ditte pubblicitarie censite nella nuova Banca Dati del Servizio Affissioni (aggiornato alla data del 15.2.2011) al codice 0112 corrisponde come denominazione la ditta “Studio Zeta Pubblicità: si chiede comunque di sapere se nella stessa Banca Dati risulti che il progressivo impianto BP 434 identifichi effettivamente – in ottemperanza anche al comma 1 bis dell’art. 12 del Regolamento delle Affissioni, approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 37/2009 – la tipologia e l'ubicazione di questo specifico cartellone e corrisponda al titolo autorizzativo rilasciato per esso,  specificando - in caso affermativo - a che titolo, in che data e nell'ambito di quale procedimento sia stato rilasciato, precisando se si sia trattato di "autodenuncia" o "ricollocazione" o "accorpamento" o “rinnovo” di autorizzazione e soprattutto se ci sia stata una preventiva istruttoria sulla legittimità della posizione dell’impianto in quel luogo.

La segnalazione e la foto allegata evidenziano comunque in modo chiaro che l'impianto risulta collocato sullo spartitraffico del Lungomare Paolo Toscanelli ed all’altezza dell’incrocio con Piazza dei Ravennati

Il 4° comma dell'art. 5 del vigente Regolamento delle Affissioni, approvato dal Consiglio Comunale con delibera n. 37/2009, consente "di avvalersi, in deroga ...., della facoltà di autorizzare gli impianti pubblicitari sulle pertinenze di esercizio con larghezze superiori a metri 4, comprese fra carreggiate contigue. In tali situazioni, gli impianti andranno collocati in posizione parallela all’asse stradale con distanza dal limite della carreggiata non inferiore a metri 1,80. Nel caso in cui le dimensioni dello spartitraffico lo consentano, l’impianto potrà essere collocato anche perpendicolarmente all’asse stradale, nel rispetto comunque della distanza sopra indicata dal limite della carreggiata".

Come lascia chiaramente vedere la foto allegata , l'impianto risulta collocato in posizione perpendicolare al Lungomare Paolo Toscanelli, su una pertinenza stradale compresa fra carreggiate contigue con larghezza inferiore ai 4 metri, e ad una distanza che appare sicuramente inferiore a metri 1,80 dal limite di entrambe le carreggiate.

A tale riguardo si fa presente che il XII Gruppo di Polizia Municipale ha già sanzionato ai sensi dell’art. 23 del Codice della Strada diversi impianti installati allo stesso modo sullo spartitraffico centrale di Via Laurentina.

Si chiede pertanto di voler accertare la regolarità del suddetto impianto, provvedendo - in caso di constatata violazione - alla sua immediata rimozione.


Si resta in attesa di un cortese riscontro scritto, che anche se per via telematica si richiede ai sensi degli articoli 2, 3 e 9 della legge n. 241/1990.



Distinti saluti.



Dott. Arch. Rodolfo Bosi

- Responsabile del Circolo Territoriale di Roma della associazione Verdi Ambiente e Società (VAS) -

10 commenti:

  1. Si preparano per l'estate...

    RispondiElimina
  2. La stessa ditta dell'impianto al Palatino.
    Sta distruggendo Roma ed ora si trasferisce al mare.

    RispondiElimina
  3. capirai, in base a queste norme ne andrebbero tolti a migliaia, se la norma vale domani vado a fare le foto a una trentina di cartelloni piantati uno attaccato all'altro su uno spartitraffico largo un metro, poi procedo con la denuncia

    RispondiElimina
  4. a Ostia c'e la nuova agenzia MESSAGE che ne ha piazzati circa 70 ovunque a Marzo.

    RispondiElimina
  5. A conferma che la norma vale, faccio presente all'anonimo delle ore 1,29 di oggi che i Vigili del 12° Gruppo di Polizia Municipale hanno redatto il Verbale di Accertata Violazione (in sigla VAV) a molti cartelloni installati sullo spartitraffico centrale di Via Laurentina, di cui ho segnalato la stessa identica violazione.
    Lo invito pertanto a procedere con la denuncia, seguendo le istruzioni che ho predisposto e che sono pubblicate in questo blog.

    RispondiElimina
  6. E cosa cazzo dobbiamo fare per avere un enorme reportage fotografico? Riconoscerti una cifra? E andiamo no!!! L'unica arma che abbiamo è sputtanarli e sputtanare l'amministrazione che con queste camorre è collusa e da queste camorre è corrotta. Almeno questa arma utilizziamola, no? Finché non ci fanno chiudere di nuovo...

    RispondiElimina
  7. X Rodolfo Bosi ore 10,56 - Icartelloni sono quelli posizionati prima del semaforo di Via Acquacetosa Ostiense, fronte Ama? Grazie

    RispondiElimina
  8. Sono stato ad Ostia una settimana fa ed è in pieno corso un'invasione di merda cartellonara.

    Ma Bordoni non aveva detto che le istallazioni erano finite più di un anno fa?

    Ormai questa giunta di buffoni mi ha davvero stancato.

    RispondiElimina
  9. In base al vigente Regolamento nei centri abitati sono consentiti 120 mq. per ogni mille abitanti come limite complessivo alla esposizione pubblicitaria.
    Il PRIP nell'ambito territoriale n. 7, relativo al XIII Municipio (Ostia), arriva a sfondare questo tetto ed a consentire 129,54 mq. per ogni mille abitanti.
    Sembra che ad Ostia si voglia mantenere fin d'ora questa media, senza aspettare l'approvazione defintiva del PRIP.

    RispondiElimina
  10. Cutrufo parla della riqualificazione di Ostia:

    "Il brand che vogliamo creare è la città dei giovani, tra acqua e dune, nuova viabilità e grandi parchi verdi attrezzati. [...] Tra i progetti del fronte mare ci sarà [...] LA NUOVA PASSEGGIATA A MARE.

    Il centro di Ostia – ha aggiunto il vice sindaco della Capitale – sarà oggetto di interventi, sia nell’area della stazione bombardata, sia nel centro storico, nel lungomare urbano fino al pontile."

    Tra gli interventi del lungomare urbano, ci sarà anche la rimozione dei cartelloni abusivi, illegali e deturpanti?

    RispondiElimina