mercoledì 4 maggio 2011

Bosi-segnala: 3 su 3!







Impianto 01

Segnalazione inviata il 03/02/2011:

In data odierna é pervenuta a questa associazione una segnalazione corredata dalle foto allegate, che fa presente un impianto pubblicitario bifacciale di mt. 2 x 1,50 installato sulla aiuola spartitraffico di Via Laurentina all'altezza del Mercato Laurentino (vedi punto 01 della pianta allegata "Via Laurentina altezza mercato Laurentino.JPG").

La segnalazione evidenzia che l'impianto é stato installato presumibilmente lo scorso mese di settembre e dimostra ad ogni modo come sullo stesso luogo prima  esistesse solo un impianto di mt. 2 x 3, con il numero 5441 (vedi foto allegata "DDN_01_prima.jpg").

Una foto dell'impianto (allegata come "DDN_01_dopo.jpg") e la segnalazione stessa confermano il nome della ditta "D.D.N." S.r.l. indicato tanto sulla cimasa in alto al centro quanto sull'impianto stesso non ancora utilizzato da alcun manifesto pubblicitario.

La segnalazione mette in risalto che l'impianto presenta una prima targhetta affissa sul fianco che porta il numero di codice identificativo 0060/AV165/P assegnato presumibilmente dal Servizio Affissioni del Comune di Roma (vedi foto allegata come "DDN_01_targhetta1.jpg") ed una seconda targhetta affissa sul montante il cui testo fa riferimento invece alla procedura di riordino (prot. n. 000215) e specifica che l'impianto fa parte della scheda "E" n. 23 IPI (vedi foto allegata come "DDN_01_targhetta2.jpg") relativa alla località Via Laurentina 853 mt. 15 spartitraffico.

Nell'ambito della cosiddetta procedura di riordino é stata approntata dal Comune una particolare modulistica in relazione alle diverse tipologie, mediante la quale le ditte dovevano dichiarare la propria posizione: i modelli "E" servivano per la segnalazione delle istanze per nuovi impianti presentate negli anni precedenti.

Ai sensi del comma 5 bis dell'art. 34 del vigente Regolamento delle Affissioni, approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 37/2009, "l’esame delle domande di riordino ancora in fase istruttoria è sospeso e sarà effettuato sulla base dei criteri introdotti dai Piani di cui al precedente articolo 19. .... Con apposito provvedimento gli impianti già rimossi a seguito del rigetto della domanda di riordino, nelle more della definizione del giudizio amministrativo pendente, potranno essere ricollocati nella posizione originaria, ove possibile, fino all’adozione dei predetti Piani, a condizione che:

a) il titolare formuli apposita istanza entro il 30 giugno 2009;

b) gli impianti siano conformi alle prescrizioni del Codice della Strada e sue eventuali deroghe vigenti e del presente Regolamento;

c) il titolare provveda al pagamento anticipato degli importi dovuti per gli impianti da ricollocarsi e sia in regola con i pagamenti dovuti per altri impianti>.



Si chiede di sapere se il suddetto impianto fosse stato già installato senza aspettare l'esito della domanda di riordino e rimosso a seguito del rigetto della domanda e se, in caso affermativo, per la sua ricollocazione sia stata formulata apposita istanza entro il 30 giugno 2009: sempre nell'ipotesi di caso affermativo, si chiede in particolare di conoscere le ragioni tanto del rigetto della domanda di riordino quanto della "autorizzazione" alla sua ricollocazione.



In caso invece negativo, si chiede si far conoscere per quali ragioni sia stato possibile "autorizzare" un impianto facente parte di una procedura di riordino che deve rimanere sospesa fino alla approvazione del relativo Piano di Localizzazione.

La segnalazione e le foto allegate evidenziano comunque in modo chiaro che l'impianto risulta collocato su una aiuola spartitraffico di Via Laurentina.


Il 4° comma dell'art. 5 del vigente Regolamente delle Affissioni consente "di avvalersi, in deroga ...., della facoltà di autorizzare gli impianti pubblicitari sulle pertinenze di esercizio con larghezze superiori a metri 4, comprese fra carreggiate contigue. In tali situazioni, gli impianti andranno collocati in posizione parallela all’asse stradale con distanza dal limite della carreggiata non inferiore a metri 1,80. Nel caso in cui le dimensioni dello spartitraffico lo consentano, l’impianto potrà essere collocato anche perpendicolarmente all’asse stradale, nel rispetto comunque della distanza sopra indicata dal limite della carreggiata".

Come lascia chiaramente vedere la foto allegata come "DDN_01_dopo.jpg", l'impianto risulta collocato perpendicolarmente alla Via Laurentina e ad una distanza che sembra inferiore a metri 1,80 dal limite della carreggiata.

Si chiede pertanto di voler accertare la regolarità del suddetto impianto, provvedendo - in caso di constatata violazione - alla sua immediata rimozione.


Si resta in attesa di un cortese riscontro scritto, che anche se per via telematica si richiede ai sensi degli articoli 2, 3 e 9 della legge n. 241/1990.



Distinti saluti.



Dott. Arch. Rodolfo Bosi

- Responsabile del Circolo Territoriale di Roma della associazione Verdi Ambiente e Società (VAS) -



Risposta ricevuta il 21/03/2011:

In merito a quanto segnalato si comunica che personale dell’Ufficio AA.PP. di questo Comando a seguito di sopralluogo accertava la presenza dell’impianto descritto e provvedeva a contravvenzionarlo ai sensi dell’art.23 Cds e contestualmente provvedeva ad  inoltrare segnalazione agli uffici competenti per i successivi atti.



Cordiali saluti

La Segreteria della U.O. XII P.M.

----------------------------------------------------------------------------------------

Impianto 02

Segnalazione inviata il 03/02/2011:
 
In data 2 febbraio 2011 é pervenuta a questa associazione una segnalazione corredata dalle foto allegate, che fa presente un impianto pubblicitario bifacciale installato su Via Laurentina all'altezza del Mercato Laurentino (vedi punto 02 della pianta allegata "Via Laurentina altezza mercato Laurentino.JPG").

La segnalazione evidenzia che l'impianto é stato installato presumibilmente lo scorso mese di settembre e dimostra ad ogni modo come sullo stesso luogo non esistesse prima alcun impianto (vedi foto allegata "DDN_02_prima.jpg").

Una foto dell'impianto (allegata come "DDN_02_dopo.jpg") e la segnalazione stessa confermano il nome della ditta "D.D.N." S.r.l. indicato tanto sulla cimasa in alto al centro quanto sull'impianto stesso non ancora utilizzato da alcun manifesto pubblicitario.

La segnalazione mostra che l'impianto presenta una targhetta affissa sul fianco che porta il numero di codice identificativo 0060/AV164/P assegnato presumibilmente dal Servizio Affissioni del Comune di Roma (vedi foto allegata come "DDN_02_targhetta.JPG") e la scritta "VIA LAURENTINA 797 20 MT. PRIMA".

La segnalazione e le foto allegate evidenziano comunque in modo chiaro che l'impianto risulta collocato sullo spartitraffico di Via Laurentina.


Il 4° comma dell'art. 5 del vigente Regolamente delle Affissioni consente "di avvalersi, in deroga ...., della facoltà di autorizzare gli impianti pubblicitari sulle pertinenze di esercizio con larghezze superiori a metri 4, comprese fra carreggiate contigue. In tali situazioni, gli impianti andranno collocati in posizione parallela all’asse stradale con distanza dal limite della carreggiata non inferiore a metri 1,80. Nel caso in cui le dimensioni dello spartitraffico lo consentano, l’impianto potrà essere collocato anche perpendicolarmente all’asse stradale, nel rispetto comunque della distanza sopra indicata dal limite della carreggiata".

Come lascia chiaramente vedere la foto allegata come "DDN_02_dopo.jpg", l'impianto risulta collocato perpendicolarmente alla Via Laurentina, su una pertinenza stadale compresa fra carreggiate contigue con larghezza inferiore ai 4 metri, e ad una distanza che sembra inferiore a metri 1,80 quanto meno da un limite della carreggiata.

Si chiede pertanto di voler accertare la regolarità del suddetto impianto, provvedendo - in caso di constatata violazione - alla sua immediata rimozione.


Si resta in attesa di un cortese riscontro scritto, che anche se per via telematica si richiede ai sensi degli articoli 2, 3 e 9 della legge n. 241/1990.



Distinti saluti.



Dott. Arch. Rodolfo Bosi

- Responsabile del Circolo Territoriale di Roma della associazione Verdi Ambiente e Società (VAS) -




Risposta ricevuta il 17/02/2011:

Il nostro ufficio affissioni e pubblicità in data 7/2/2011 ha provveduto a contravvenzionare ai sensi del codice della strada l’impianto da voi segnalato. È stata inoltre inviata segnalazione agli uffici competenti

----------------------------------------------------------------------------------------

Impianto 03

Segnalazione inviata il 03/02/2011:
 
In data 2 febbraio 2011 é pervenuta a questa associazione una segnalazione corredata dalle foto allegate, che fa presente un impianto pubblicitario bifacciale di mt. 2 x 1,50 installato su Via Laurentina all'altezza del Mercato Laurentino (vedi punto 03 della pianta allegata "Via Laurentina altezza mercato Laurentino.JPG").

La segnalazione evidenzia che l'impianto é stato installato presumibilmente lo scorso mese di settembre e dimostra ad ogni modo come sullo stesso luogo non esistesse prima alcun impianto (vedi foto allegata "DDN_03_prima.jpg").

Una foto dell'impianto (allegata come "DDN_03_dopo.jpg") e la segnalazione stessa confermano il nome della ditta "D.D.N." S.r.l. indicato tanto sulla cimasa in alto al centro quanto sull'impianto stesso non ancora utilizzato da alcun manifesto pubblicitario.

La segnalazione mostra che l'impianto presenta una targhetta affissa sul fianco che porta il numero di codice identificativo 0060/AV171/P assegnato presumibilmente dal Servizio Affissioni del Comune di Roma (vedi foto allegata come "DDN_03_targhetta.JPG") e la scritta "VIA LAURENTINA, 775 LATO OPPOSTO".

La segnalazione e le foto allegate evidenziano comunque in modo chiaro che l'impianto risulta collocato a ridosso della Via Laurentina.

Benché nell’elenco delle ditte pubblicitarie censite nella nuova Banca Dati del Servizio Affissioni al codice 0060 corrisponde effettivamente come denominazione la “D.D.N. S.r.l.”, si chiede di sapere se nella stessa Banca Dati risulti che il progressivo impianto AV171 identifichi effettivamente – in ottemperanza anche al comma 1 bis dell’art. 12 del Regolamento delle Affissioni, approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 37/2009 – la tipologia e l'ubicazione di questo specifico cartellone e corrisponda al titolo autorizzativo rilasciato per esso, precisando le ragioni per cui sia stato “autorizzato”: si chiede in particolare di sapere se l'assegnazione del numero di codice identificativo sia avvenuta a conclusione di una preventiva ed obbligatoria istruttoria.

A tal ultimo riguardo si mette in evidenza che, per ammissione dello stesso Direttore del Servizio Affissioni e Pubblicità, dott. Francesco Paciello, le “autorizzazioni” rilasciate lo scorso anno a seguito di una regolare istruttoria sono meno di 100, ma ciò nonostante si continua a registrare l’installazione di un numero ben superiore alle 100 unità di nuovi impianti con affissa contestualmente la targhetta con il numero di codice identificativo assegnato dal Servizio Affissioni.

Dal momento che l’assegnazione di un numero di codice identificativo può avvenire solo e soltanto dopo l’avvenuto pagamento del Canone Iniziative Pubblicitarie (CIP), a cui è subordinato il rilascio stesso della “autorizzazione” ai sensi del 2° comma dell’art. 1 del citato Regolamento delle Affissioni, si chiede comunque di sapere a che “titolo” esatto sia stato pagato il CIP per il suddetto impianto e conseguentemente "permessa" di fatto la sua installazione.

Si chiede in conclusione di voler accertare la regolarità del suddetto impianto, provvedendo - in caso di constatata violazione - alla sua immediata rimozione.


Si resta in attesa di un cortese riscontro scritto, che anche se per via telematica si richiede ai sensi degli articoli 2, 3 e 9 della legge n. 241/1990.



Distinti saluti.



Dott. Arch. Rodolfo Bosi

- Responsabile del Circolo Territoriale di Roma della associazione Verdi Ambiente e Società (VAS) -



Risposta ricevuta il 25/02/2011:

In riferimento alla segnalazione pervenutaci Le comunichiamo che, personale dell’Ufficio Affissioni e Pubblicità di questo Comando di Gruppo ha effettuato sopralluogo in via Laurentina in prossimità del civico 797, accertando la presenza dell’impianto pubblicitario posizionato sullo spartitraffico centrale. Il medesimo personale provvedeva a sanzionarlo ai sensi dell’art. 23 Cds e contestualmente ad inoltrare segnalazione agli uffici competenti per i successivi atti.



La Segreteria del XII Gruppo Polizia Municipale

----------------------------------------------------------------------------------------

Su Via Laurentina sono stati denunciati da VAS un totale di 39 impianti tutti presenti nello spartitraffico centrale di larghezza inferiore a 4 metri quindi, si presume, tutti da sanzionare e magari prima del 2035 tutti da rimuovere. 

7 commenti:

  1. MAH..CH STRANO CHE TUTTE LE SEGNALAZIONI DELLA POLIZIA MUNICIPALE VENGONO INOLTRATE "AGLI UFFICI COMPETENTI" E LI' MUOIONO...

    ALL TOGHETHER NOW :"IL PESCE PUZZA DENTRO L' VIII DIPARTIMENTOOOOOO"

    RispondiElimina
  2. Demoralizzato4 maggio 2011 21:45

    Mi piacerebbe sapere 2 cosette:
    1- per quanti degli impianti sanzionati il comune ha intascato la multa.
    2- quanti degli impianti sanzionati e multati sono stati oscurati o rimossi.

    Se, come temo, le risposte positive sono pochissime, mi chiedo che senso abbia continuare su questa falsa riga di "vittorie di Pirro"

    RispondiElimina
  3. NON COMPRATE IL PESCE DALL'VIIII DIPARTIMENTO, PERCHE' PUZZA ASSAI ...MA ASSAI ASSAI...

    RispondiElimina
  4. http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=147984&sez=HOME_ROMA&ssez=CITTA

    RispondiElimina
  5. QUESTI DEL PDL HANNO LA FACCIA COME IL CULO : SCANDALO ALLA PROVINCIA E NEANCHE UNA PAROLA PER LA DEVASTAZIONE TOTALE DI ROMA DA AVVALLATA DAL LORO SINDACHETTO E COMPAGNUCCI. Oppure hanno capito ch sul campidoglio sta per arrivare una tegola grande quanto una casa e fanno "campagna" in senso contrario. CHE VERGOGNA!

    RispondiElimina
  6. Si preoccupano del decoro delle strade provinciali!! Che animo sensibile i consiglieri del PDL. Peccato che si girino dall'altra parte percorrendo le vie di Roma devastate dagli impianti pubblicitari permessi dal Sindaco Alemanno

    Filippo

    RispondiElimina
  7. Bosi for president!

    RispondiElimina