domenica 1 maggio 2011

Bosi-segnala: il megaimpianto illecito ed intoccabile

Questo impianto è stato denunciato nel 2009, ne è stata accertata la natura illecita ma purtroppo l'11 marzo 2011 dobbiamo ancora trovarcelo davanti.
Non so se ad oggi è presente (fatecelo sapere) ma ogni tanto compare e ricompare come per magia.

E' una storia lunga ma vale la pena di essere letta, cominciate dalla fine del post.
Ale77

-----------------------------------------------------------------------------------------------


SEGNALAZIONE DELL' 11 APRILE 2011

Con il sottostante messaggio di posta elettronica trasmesso alle ore 17,31 del 31.1.2011 questa associazione ha segnalato la natura abusiva del megaimpianto, che il Comando del XII Gruppo di Polizia Municipale aveva provveduto a sanzionare già in data 15.1.2011 (come attesta il messaggio sottostante con cui l’ha comunicato) .

Lo scorso 12 marzo la stessa fonte che aveva segnalato il megaimpianto a questa associazione ha trasmesso le allegate foto scattate in data 11 marzo 2011 che testimoniano che il megaimpianto non soltanto è ancora lì, ma ha anche cambiato pubblicità e non ha mai smesso di funzionare, dal momento che a quella data pubblicizzava il marchio Ovs Industry (oviesse).

Se il 25 gennaio scorso l’impianto era stato “sanzionato” dal XII Gruppo di Polizia Municipale, in pari data (o il giorno dopo) dovrebbe essere stato trasmesso il Verbale di Accertata Violazione (VAV) all’Ufficio del Servizio Affissioni che cura le rimozioni ed al GSSU che cura la notifica della contravvenzione alla ditta titolare dell’impianto, con invito a rimuoverlo a sua cura e spese: calcolando che il VAV sia arrivato al GSSU alla fine dello scorso mese di gennaio e che il GSSU deve fare la notifica entro 90 giorni, ne deriva che il termine ultimo per la materiale notifica scade all’incirca alla fine del corrente mese di aprile.

L’Ufficio addetto alla rimozione degli impianti abusivi dovrebbe a sua volta aver trasmesso alla ditta titolare dell’impianto una lettera-diffida a rimuoverlo a sua cura e spese, stavolta senza diritto a nessuna “ricollocazione”, con l’avviso che in caso di inottemperanza si procederà alla rimozione forzata del megaimpianto: anche ipotizzando che sia stato già fatto tutto questo, c’é da aspettare il tempo dovuto non solo per sapere se la ditta abbia ottemperato o meno alla diffida, ma per mettersi in condizione di rimuovere forzatamente l’impianto in caso di inerzia della ditta, per dare cioè l’incarico ufficiale della materiale rimozione alla ditta incaricata magari a seguito di apposito appalto.

Per il caso in questione c’é anche da considerare che si tratta di intervenire in proprietà privata, con probabili ulteriori intralci burocratici.

Tutto questo discorso può però valere in generale per ogni impianto abusivo da rimuovere che risulti denunciato per la prima volta: per il caso in questione bisogna tener conto del fatto che il megaimpianto sta lì dal 2008 e la “contravvenzione” dello corso 25 gennaio dovrebbe costituire solo l’ultimo di una serie di provvedimenti presi ma rimasti per ora sulla carta.




In considerazione di questo precedente non secondario, si torna a sollecitare la immediata rimozione dell’impianto o quanto meno un suo preventivo oscuramento.

Si resta in attesa di un cortese riscontro scritto, che anche se per via telematica si richiede ai sensi degli articoli 2, 3 e 9 della legge n. 241/1990.

Distinti saluti.

Dott. Arch. Rodolfo Bosi
- Responsabile del Circolo Territoriale di Roma della associazione Verdi Ambiente e Società (VAS) - 

-----------------------------------------------------------------------------------------------

SEGRETERIA POLIZIA MUNICIPALE XII° RISPONDE IL 17 FEBBRAIO 2011
[Polmunicipaleseg12]
L’impianto segnalato si trova in area privata destinata alla vendita e noleggio di auto e personale dell’ufficio affissioni e pubblicità del nostro comando già in data 25/01/2011 ne accertava la presenza e provvedeva a sanzionarlo. Contestualmente inviava segnalazione agli uffici competenti per i successivi atti

-----------------------------------------------------------------------------------------------

 
 
 

SEGNALAZIONE DEL 31/01/2011

In data 26.1.2011 é pervenuta a questa associazione una segnalazione corredata dalle foto scattate lo scorso 25 gennaio che si rimettono in allegato: riguarda un megaimpianto pubblicitario di almeno mt. 10 x 6 (vedi allegata foto "20110125634.jpg") che risulta installato ai bordi di Viale dell'Oceano Pacifico, all'altezza dell'incrocio con Viale Cristoforo Colombo (vedi foto allegata come "Megaimpianto_pianta.jpg").

La segnalazione evidenzia che l'impianto campeggia vicino al centro commerciale di EUR Roma 2 ed é stato installato su un rimorchio, di cui riporta la targa (vedi foto allegata "20110125633.jpg"), precisando che é olandese, dal momento che di fianco c'é la sigla NL: la segnalazione precisa altresì che iI rimorchio si trova all'interno della proprietà di un rivenditore/noleggiatore di auto denominato "Cris-Colombo" con sede in via dell'Oceano Pacifico n. 9 (vedi allegata foto "20110125632.jpg").

La segnalazione riporta inoltre la storia di questo impianto, che sarebbe stato installato addirittura il 28 marzo 2008, ed illustra come prima di tale data non fosse stato ancora collocato dove tuttora appare (vedi allegata foto "MegaImpianto_prima.jpg"): evidenzia anche che il 9 febbraio 2009 é stato denunciato dal Vicepresidente della Commisisone Commercio del Comune di Roma.

Si fa presente che ai sensi della lettera b) del 2° comma dell'art. 4 del Regolamento delle Affissioni, approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 37/2009, "sono vietati: ... b) gli impianti e i mezzi la cui superficie espositiva facciale superi i 12 metri quadrati": dal momento che l'impianto sarebbe stato collocato il 28.3.2008, si evidenzia che a quell'epoca era ad ogni modo vigente il Regolamento delle Affissioni approvato dal Consiglio Comunale con delibera n. 100/2006, la cui lettera b) del 2° comma dell'art. 4 prescriveva che "sono vietati: ... b) gli impianti e i mezzi del formato di metri 6 x 3 e, comunque, la cui superficie espositiva facciale superi i metri quadrati".

Come di può ben vedere dalle foto allegate, l'impianto supera abbondantemente la superficie massima consentita (tanto ieri quanto oggi) di 12 mq., che dovrebbe valere anche per la pubblicità effettuata con veicoli: secondo la denuncia del Vicepresidente della Commisisone Commercio del Comune di Roma la superficie espositiva complessiva sarebbe addiritura di mq. 100.

Si fa altresì presente che il 5° comma del medesimo art. 4 del Regolamento delle Affissioni dispone che "le distanze minime per il posizionamento dei cartelli e degli altri mezzi pubblicitari, entro il centro abitato, limitatamente alle strade E), strade urbane di quartiere, ed F), strade locali, per i cartelli di dimensioni non superiori a mt. 1,20 x 1,80 sono così derogate: - distanza minima .... dalle intersezioni: strade urbane di quartiere: mt. 25 prima .... delle intersezioni ... e metri 15 dopo ... le intersezioni".

L'impianto pubblicitario di cui all'oggetto risulta installato in presumibile violazione anche del suddetto disposto normativo per il mancato rispetto delle distanze minime dalla intersezione di Viale dell'Oceano Indiano con Viale Cristoforo Colombo, oltre che per le dimensisoni superiori al formato massimo di mt. 1,20 x 1,80..

Si chiede pertanto di voler accertare la natura illegale del suddetto impianto, provvedendo - in caso di constatata violazione - alla sua immediata rimozione.

Si resta in attesa di un cortese riscontro scritto, che anche se per via telematica si richiede ai sensi degli articoli 2, 3 e 9 della legge n. 241/1990.

Distinti saluti.

Dott. Arch. Rodolfo Bosi
- Responsabile del Circolo Territoriale di Roma della associazione Verdi Ambiente e Società (VAS) -

-----------------------------------------------------------------------------------------------

Articolo pubblicato su romanotizie.it il 9 febbraio 2009

Roma Notizie 09/02/2009

-----------------------------------------------------------------------------------------------

Articolo pubblicato su romatoday.it il 9 febbraio 2009

Roma Today 09/02/2009

-----------------------------------------------------------------------------------------------

5 commenti:

  1. Che pagliacci. PS Per i magistrati e cartellonari in lettura. Sì, ho scritto pagliacci.

    RispondiElimina
  2. questa città ormai è persa. grazie a tutti coloro che hanno contribuito : alemanno,bordoni,paciello e cartellonari del crimine organizzato in primis. siete entrati nella storia ( però a marcia indietro).

    RispondiElimina
  3. Come funziona la gerarchia della magistratura? Se per la città il poliziotto più alto in grado è il questore, per la magistratura chi è? C'è qualcuno con cui prendere appuntamento per esporre molto garbatamente la loro inefficienza? Voglio proprio vedere che cosa mi rispondono, la merda è sotto gli occhi di TUTTI

    RispondiElimina
  4. Devi andare dal pretore.

    RispondiElimina
  5. ma quegli altri cartelli posti sul marciapiede sono regolari?

    RispondiElimina