lunedì 9 maggio 2011

Bosi-segnala: Piazza Cavour


Segnalazione inviata il 4 maggio 2011 a: polmunicipaleseg17@comune.roma.it; davide.bordoni@comune.roma.it; francesco.paciello@comune.roma.it; segnalazioniaffissioni@comune.roma.it; polmunicipaleseggssu@comune.roma.it

In data 3 maggio 2011 é pervenuta a questa associazione una segnalazione corredata dalle foto allegate, che fa presente un impianto pubblicitario bifacciale di mt. 1 x 1 installato in piazza Cavour sul lato destro guardando il cinema Adriano (verso Via Giovanni Pierluigi da Palestrina) (vedi foto allegata come “Impianto in piazza Cavour.jpg”).



La segnalazione fa presente che l’impianto reca in alto al centro una cimasa che porta il nome della ditta “Pubbli Roma” S.r.l. ed ha affissa sul fianco una targhetta che riporta lo stesso nome della ditta ma non ha nessun numero di codice identificativo (vedi foto allegata come “targhetta impianto in piazza Cavour.jpg”): la circostanza denota la natura presumibilmente abusiva dell’impianto, che risulta comunque installato in violazione delle norme vigenti in materia.



A tal ultimo riguardo va evidenziato infatti che l’impianto risulta collocato ai bordi di piazza Cavour, che é destinata a parco pubblico, e risulta conseguentemente in violazione del divieto prescritto dal  vigente Regolamento comunale, approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 37/2009,  che al 1° comma dell'articolo 18 dispone che <<é vietata la collocazione di impianti e mezzi pubblicitari nei seguenti siti....: ... c) parchi pubblici e ville storiche nonché le vie che delimitano il perimetro di queste>>.

La conferma ad ogni modo del divieto di affissione pubblicitaria sull’intera piazza Cavour viene
dallo stesso Piano Regolatore degli Impianti e dei Mezzi Pubblicitari (PRIP) che é stato adottato lo scorso 2 febbraio dalla Giunta Capitolina e che alla tavola di zonizzazione e tipi stradali 1.07 destina piazza Cavour interamente a zona A, dove ai sensi del paragrafo 3.2 dello schema normativo del PRIP <<é vietata l'istallazione di impianti pubblicitari pubblici o privati>> con la precisazione che <<IL DIVIETO E' ESTESO ANCHE ALLE AREE DI PERTINENZA DELLE STRADE, DELLE PIAZZE E DEI LARGHI CHE SEGNANO IL CONFINE DELLA PREDETTA ZONA>>.

In occasione della presentazione alla stampa del PRIP l’Assessore alle Attività Produttive On. Davide Bordoni ha rilasciato la seguente dichiarazione: <<Ad ogni modo, fin d'ora, l'approvazione della Giunta, spiega Bordoni, "consente di intervenire nelle aree tutelate">> (dal sito www.ilcorrierelaziale.it di mercoledì 2 febbraio 2011).

Si chiede all’On. Davide Bordoni di essere pienamente coerente con quanto da lui dichiarato e di voler far disporre l’immediata rimozione a cura del Direttore del Servizio Affissioni e Pubblicità dell’impianto di cui all'oggetto.

Si resta in attesa di un cortese riscontro scritto, che anche se per via telematica si richiede ai sensi degli articoli 2, 3 e 9 della legge n. 241/1990.



Distinti saluti.



Dott. Arch. Rodolfo Bosi
- Responsabile del Circolo Territoriale di Roma della associazione Verdi Ambiente e Società (VAS) -

3 commenti:

  1. GRAZIE 1000 ARCH. BOSI, IL SUO LAVORO E' SEMPLICEMENTE COLOSSALE!!!!

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  2. ...ma Bordoni è coerente : sta continuando a distruggere Roma senza pietà ormai da più di due anni...

    RispondiElimina
  3. Una cascata di schifo su Roma.

    Rimediare sarà faticoso come la quinta fatica di Ercole: RIPULIRE LO STERCO DALLE STALLE DI AUGIA.

    Ma non ci tiriamo certo indietro.

    RispondiElimina