mercoledì 25 maggio 2011

Ci mancava pure questa

Foto: repubblica.it
Visto che a roma (volutamente minuscolo) non ci facciamo mancare nulla, sono arrivati anche i cartelloni sull'asfalto. Avete capito proprio bene: sull'asfalto della sede stradale.
Ennesima prova, ma non c'è n’era alcun bisogno, che in questa città ormai ognuno fa semplicemente come cazzo gli pare sapendo benissimo che nessuno gli farà niente e sti cazzi se qualche motociclista, ciclista, pedone, automobilista che invece di guardare la strada si mette a vedere la pubblicità si ammazza.
Leggete questo articolo di Repubblica ma state tranquilli che l’assessore al Commercio Davide Bordoni  in merito dice: «Come qualsiasi altra pubblicità, chi la fa dovrebbe pagare il pagamento dell’imposta e l’occupazione suolo pubblico - dichiara - Ho dato mandato ai miei uffici e ai vigili urbani di effettuare i controlli del caso».
Allora stamo a posto...

Ale77

8 commenti:

  1. Pare si chiami 'guerrilla marketing'. Ma che guerrilla....? Questa è mer...da sull'asfalto

    RispondiElimina
  2. merdilla marketing

    RispondiElimina
  3. Questi individui sono zozzi come la merda. Roma colera, fogna dell'Europa intera. ZOZZI COME LA MERDA!

    RispondiElimina
  4. Beh ma questo è SCANDALOSO, prima di tutto per la sicurezza stradale!!! Ma che roba è sta cosa? In caso di frenata, la sicurezza? Il disturbo visivo della linea di stop? E mille altri motivi.

    MA CHE STA SUCCEDENDO A ROMA????????? MAGISTRATURA!!!!!!

    RispondiElimina
  5. Giusto il commento di sopra. Se qualcuno si fa male per colpa di quello che abbiamo visto, chi paga?

    RispondiElimina
  6. Codice della Strada, art.51 comma 9

    I segni orizzontali reclamistici sono ammessi unicamente:

    a) all'interno di aree ad uso pubblico di pertinenza di complessi industriali o commerciali;

    b) lungo il percorso di manifestazioni sportive o su aree delimitate, destinate allo svolgimento di manifestazioni di vario genere, limitatamente al periodo di svolgimento delle stesse ed alle ventiquattro ore precedenti e successive. Per essi non si applica il comma 3 e le distanze di cui ai commi 2 e 4 si applicano unicamente rispetto ai segnali stradali orizzontali.

    Distanza minima dai segnali stradali: 25 metri (art.4 comma 5 Regolamento Comunale Affissioni)

    RispondiElimina
  7. Dipingiamo una bella cacca sulla schiena dell'assessore Bordoni che permette tutto questo.

    BORDONI NEMICO DI ROMA, PEGGIO DI ATTILA

    RispondiElimina
  8. E' quello che ho sempre sostenuto: fintanto che questa amministrazione occuperà gli scranni del Comune, non ci sarà speranza per Roma.
    Stiamo morendo soffocati dall'illegalità, ma questi hanno una faccia di bronzo storica.
    La cosa incredibile è che questo sindaco ha osato pure candidare Roma per le Olimpiadi...
    Ah bè certo considerando le voci che si sentono circa i "criteri" di scelta del CIO...

    RispondiElimina