martedì 31 maggio 2011

Istruzioni per l’uso (5): Cartelloni pubblicitari installati sullo spartitraffico centrale

Abbiamo già detto che la “carreggiata” è la parte della strada destinata allo scorrimento dei veicoli: essa è composta da una o più corsie di marcia, che talora sono separate tra loro dallo “spartitraffico”, vale a dire da quella parte longitudinale non carrabile della strada destinata alla separazione delle correnti veicolari.
Per comprendere bene i termini che vengono utilizzati dal Codice della Strada, emanato con Decreto Legislativo (in sigla D.Lgs.) n. 285 del 30 aprile 1992, occorre sapere anzitutto che ai sensi dell’art. 24 sono “pertinenze delle strade” le parti della strada destinate in modo permanente al servizio o all'arredo funzionale di essa: si distinguono in “pertinenze di esercizio” e “pertinenze di servizio”.
Sono “pertinenze di esercizio” quelle che costituiscono parte integrante della strada o ineriscono permanentemente alla sede stradale: fra queste rientra lo spartitraffico centrale di una strada.
Anche gli spartitraffico portano a porgersi spontaneamente la seguente domanda: vi possono essere installati dei cartelloni pubblicitari?
La risposta al quesito la dà sempre l’art. 51 del Regolamento di attuazione ed esecuzione del Codice della Strada, che è stato emanato con il Decreto del Presidente della Repubblica (in sigla D.P.R.) n. 495 del 16 dicembre 1992.
Fuori dai centri abitati e dai tratti di strade extraurbane per i quali è imposto un limite di velocità non superiore a 50 km/h è comunque vietato il posizionamento di cartelli pubblicitari sulle pertinenze di esercizio delle strade che risultano comprese tra carreggiate contigue, vale a dire anche sullo spartitraffico centrale [lettera a) del 3° comma].
Lo stesso divieto vale entro i centri abitati ed entro i tratti di strade extraurbane per i quali è imposto un limite di velocità non superiore a 50 km/h
[4° comma].
Il suddetto 4° comma dell’art. 51 del D.P.R. n. 495/1992 fa salva però la possibilità di deroga concessa ai Comuni dal 6° comma dell’art. 23 del Codice della Strada.
il 4° comma dell'art. 4 del vigente Regolamento delle Affissioni del Comune di Roma approvato con la delibera n. 37/2009 si avvale della facoltà di deroga a quanto previsto dal richiamato art. 51, comma 3, lett. a).
Si avvale così, testualmente, della “facoltà di autorizzare gli impianti pubblicitari sulle pertinenze di esercizio con larghezze superiori a metri 4, comprese fra carreggiate contigue. In tali situazioni, gli impianti andranno collocati in posizione parallela all’asse stradale con distanza dal limite della carreggiata non inferiore a metri 1,80. Nel caso in cui le dimensioni dello spartitraffico lo consentano, l’impianto potrà essere collocato anche perpendicolarmente all’asse stradale, nel rispetto comunque della distanza sopra indicata dal limite della carreggiata.

Traduzione in estrema sintesi per i meno esperti.
Possono essere installati cartelloni pubblicitari solo sugli spartitraffico centrali delle strade che abbiano larghezze superiori a 4 metri ed a condizione che i rispettivi montanti siano sempre e comunque collocati ad una distanza uguale o superiore a metri 1,80 dal limite della carreggiata ed in posizione parallela all’asse stradale: possono essere collocati in posizione anche perpendicolare all’asse stradale, ma solo quando lo consentono le dimensioni dello spartitraffico, vale a dire quando la superficie espositiva del cartellone non invade la carreggiata.


Istruzione per l’uso, stavolta per tutti: invitiamo tutti i lettori di buona volontà a segnalare a vas.roma@alice.it tutti gli impianti che non rispettino oggettivamente le suddette distanze minime.                

P.S. – A titolo esemplificativo si riportano le sottostanti foto che sono relative ad alcuni impianti segnalati da VAS e che sono significativi di tutta la casistica possibile riguardo al possibile posizionamento dei cartelloni sullo spartitraffico centrale.

Impianto pubblicitario bifacciale di mt. 3 x 4 installato in via Laurentina all'altezza dell'incrocio con Viale Africa, segnalato da VAS con messaggio di posta elettronica trasmesso alle ore 19,30 del 17 febbraio 2011. L’impianto è in posizione parallela agli assi stradali, ma è installato su uno spartitraffico di larghezza nettamente inferiore a 4 metri e posizionato ad una distanza dal limite della carreggiata del tutto inferiore a metri 1,80

Impianto pubblicitario bifacciale di mt. 1,50 x 1 circa installato in via Laurentina tra via di Vigna Murata e via del Serafico, segnalato da VAS con messaggio di posta elettronica trasmesso alle ore 16,43 del 16 aprile 2011. L’impianto è in posizione perpendicolare agli assi stradali, senza invadere le carreggiate contigue, ma è installato su uno spartitraffico di larghezza nettamente inferiore a 4 metri e posizionato ad una distanza dal limite di entrambe le carreggiate del tutto inferiore a metri 1,80


Impianto pubblicitario bifacciale di mt. 2 x 1 circa installato in via dei Monti Tiburtini all'altezza del civico n. 419, segnalato da VAS con messaggio di posta elettronica trasmesso alle ore 17,15 del 16 aprile 2011. L’impianto è in posizione obliqua agli assi stradali e risulta installato su uno spartitraffico di larghezza nettamente inferiore a 4 metri e posizionato ad una distanza dal limite di entrambe le carreggiate del tutto inferiore a metri 1,80

Dott. Arch. Rodolfo Bosi

Per scaricare questo testo in pdf, stamparlo e studiarlo con la dovuta calma cliccare qui

1 commento:

  1. Nell'ultima foto è da segnalare la sfortuna dei Vigili Urbani di Roma e la fortuna dell'arch.Bosi...oh li pesca in fragrante sempre lui. Ma come fa a fotografare le Smart sugli spartitraffico un mistero.
    Poracci i vigili urbani sempre a lavoro ed in giro per fare le multe ma niente oh non beccano nessuno in fragrante...a parte er cornetto dentro al bar quello er Vigile di Roma lo becca sempre fragrante.

    IL PIZZARDONE CON LA MANCETTA CHIUDE SEMPRE UN OCCHIO!!!

    RispondiElimina