mercoledì 18 maggio 2011

Miracolo a viale Eritrea

Scena fotografata stamattina, all'altezza del civico 72.
Forse i risultati di Milano stanno facendo venire un po' di "pippaculo" a qualcuno?
Certo, per uno che ne hanno tolto ne rimangono un centinaio....
Ciao,
Cla.

11 commenti:

  1. E' davvero un miracolo e bisognerebbe sapere chi ha deciso di rimuovere questo cartello? Hai notato se sul camion c'èera il logo del Comune? Poco tempo fa qui su cartellopoli usci' un reportage fotografico che avevo scattato proprio a viale Libia/Viale Eritrea. E se qualcuno (marco visconti?) si fosse dato una mossa?

    RispondiElimina
  2. Piatelanderculo zozzo cartellonaro 'nfame!

    RispondiElimina
  3. SI MA CHI CAZZO LO PAGA STO CARRATTREZZI? ALECAZZO? BORDOGNI? IL CARTELLONARO? OPPURE NOI?

    RispondiElimina
  4. ROMA come Milano,Bologna,Torino.
    FUORI I CAMORRISTI DAL COMUNE!!!

    RispondiElimina
  5. Filippo, il camion sembrerebbe un mezzo "ufficiale" del Comune (dietro c'è scritto "automezzo adibito alla rimozione di cartellonistica abusiva").
    Inoltre era accompagnato dalla Polizia Municipale...

    Insomma temo che la rimozione la paghiamo noi!

    Bisognerà anche vedere per quanto tempo rimarrà libero quello spazio. Ho il timore che presto sorgerà un nuovo cartellone al suo posto, o nelle immediate vicinanze. Lo terrò d'occhio comunque, abito proprio a due passi da lì.

    RispondiElimina
  6. notare che questo piccolo miracolo è circondato da:
    mille altri cartelloni
    adesivi dei traslochi ovunque
    graffiti
    cartacce e sporcizia per terra
    macchine parcheggiate sullo spartitraffico e sulla corsia preferenziale.

    non sembrerebbe di stare su viale eritrea, ma direttamente in eritrea (senza offesa per gli eritrei)!

    RispondiElimina
  7. Posso fare una proposta forse utopistica che spero venga comunque sposata dal blog...? (così nessuno potrà accusarci di essere solo distruttivi e non costruttivi...?)
    Vorrei che fosse proposta una legge conunale che dica: Visto che INTANTO paghiamo noi, i cittadini, in caso di rimozione per motivi di abusivismo, danneggiamento, eccetera, i cartelloni che vengono rimossi vengano fusi (e non ricollocati)per costruire le pensiline dell'ATAC che servono per coprire le mancanze sul territorio di Roma. Il conto, poi, comprensivo del ripristino della zona danneggiata, venga presentato a chi ha piantato i cartelloni rimossi.
    Fix

    RispondiElimina
  8. Questa intervista di Alemanno merita di essere letta e meditata, come prova dell'inadeguatezza del personaggio a dirigere una città come Roma:

    http://www.alemanno.it/public/files/2011%2005%2012%20secolo%20d%27italia.pdf

    RispondiElimina
  9. @ Anonimo delle 13:13:

    Hai ragione su tutto, tranne che le auto sullo spartitraffico sono in sosta regolare: ci sono le strisce blu.

    Che poi la strada sia ridotta una schifezza ignobile è fuori discussione, purtroppo.

    RispondiElimina
  10. Non vi illudete.
    Vedrete che sarà ricollocato. Sono una risorsa per la città..quindi nulla va sprecato.
    Se volete un reportage preciso sulle false rimozioni PAGATE DAI CONTRIBUENTI ROMANI andate a vedere le foto delle rimozioni farlocche alla stazione Metro Battistini su www.bastacartelloni.blogspot.com
    E voi continuate a pagare con la vostra IRPEF comunale (si parlò di 663.000 euro per le rimozioni autunnali..rimozioni temporanee, quasi sempre!!)..sappiatelo, mentre i banditi cartellonari incassano milioni di euro e chissà quanti ne dichiarano.
    ROMA=GOMORRA. Comandano le lobby criminali.

    RispondiElimina
  11. quanto vorrei essere io a guidare quel camion per estirparli TUTTI....

    RispondiElimina