giovedì 19 maggio 2011

Parco di veio: il “prima” ed il “dopo” ma in senso contrario

Facciamo seguito al post di ieri sul miracolo a Viale Eritrea, dando inizio ad una serie nuova di post che speriamo di pubblicare spesso.
Fino ad oggi questo blog si è distinto per la denuncia di cartelloni installati di recente, dimostrando che prima non c’erano sullo stesso posto, grazie a Street View di Google Maps o a foto scattate comunque in precedenza.
Da oggi invertiamo la rotta, pubblicando quali e quanti cartelloni c’erano “prima” su un certo posto e dimostrando con foto che non ci sono più “dopo” sullo steso posto.
Iniziamo dal Parco di Veio, dove il Dott. Arch. Rodolfo Bosi ha fatto il monitoraggio dei 102 impianti che è riuscito a far rimuovere dopo circa un anno e che vi rimettiamo in allegato nel sottostante link. 

Impianti fatti rimuovere dall'Ente Parco di Veio.pdf 

E' un pò pesantino ma ne vale la pena.

3 commenti:

  1. applausi e osanna per l'arch. bosi!!!

    quando si candida a sindaco, che lo si va a votare in massa?

    PS
    la prossima volta però, qualcuno gli spieghi come ridurre il formato delle foto prima di inserirle nel file word..

    RispondiElimina
  2. Complimenti a Bosi per i risultati ottenuti.
    Ma un dubbio mi assale: sono stati rimossi e basta o ricollocati in qualche altro parco o periferia disastrata lontano dagli occhi di Bosi??
    E a spese di chi? E quelle violazioni sono state usate (o possono esserlo) per le revoche delle licenze delle varie ditte?

    P.S. non sono riuscito ad aprire il file...

    RispondiElimina
  3. Anonimo del 19 maggio 2011 11:35 se mi spieghi come alleggerirlo ci penso io.
    Grazie.

    RispondiElimina