mercoledì 15 giugno 2011

Alemanno 2.0x100.000 uguale 200.000 cartelloni

Ho seguito il consiglio di Carterpillar (grazie!) che in un commeto ci diceva:

Alemanno continua imperterrito nella sua torre d'avorio.
http://duepuntozero.alemanno.it/

L'immagine di apertura la taroccherei con tutti cartelloni... Qualcuno bravo con Photoshop?

Anche se non sono bravo con Photoshop, questo è il risultato:


Vi piace?
Guardate bene c'è la nuovi spazi ops nevada, il cartellorologio, il vasocartellone, il parapedonale, la ddn, madava oliva, pitran, studio zeta, apa, l'agenzia funebre... Insomma chi si è distinto in questi anni per aver abbellito così bene la Città Eterna (grazie a tutti), secondo voi ho dimenticato qualcuno?
Ale77

6 commenti:

  1. L'ultimo imperatore:

    http://affaritaliani.libero.it/roma/roma_ultimo_imperatore_in_campidoglio_alemanno150611.html

    Certo ora ce la prendiamo con Alemanno, ma siamo sicuri che la rete affarista e clientelare non riguardasse pure la precedente amministrazione ?

    La verità è che la politica in Italia è il più grande affare, muove lobby, interessi economici enormi, genera buchi di bilancio inimmaginabili, questo per arrivare al potere e spartirsi la torta. Ne paga le conseguenze chi avanza per meriti, chi non può evadere, insomma chi non si comporta da furbo. Così non si va da nessuna parte.

    MAFIE E CORRUZIONI DIETRO I CARTELLONI

    RispondiElimina
  2. Il palazzo a sinistra non è rivestito da nessun cartellone della ESOTAS: questa nudità è intollerabile!
    E chi ha staccato i trasloadesivi e le cocandine di Guetta dal colonnato?
    A parte gli scherzi, complimenti Ale :)

    RispondiElimina
  3. Grande Ale..potresti inviargliene una copia...

    RispondiElimina
  4. Gianni Alemanno15 giugno 2011 19:35

    ROMA E I CARTELLONI SONO LA STESSA COSA

    Dopo l’intervista rilasciata a Paola Di Caro sul Corriere della Sera, approfondiamo sul blog un ragionamento che riguarda Roma in particolare e che reputo fondamentale per poter effettuare un cambiamento nella società. No alle provocazioni legalitarie a Roma, difenderemo il nostro ruolo di Capitale dei cartelloni fino in fondo e difenderemo Roma e i cartelloni, perché sono la stessa cosa. Questa è la mia promessa da sindaco.

    http://duepuntozero.alemanno.it/2011/06/15/roma-e-litalia-sono-la-stessa-cosa.html

    RispondiElimina
  5. Sì, purtroppo ti sei dimenticato le altre 332 ditte o titolari di esercizio autorizzati a installare cartelloni in questa povera città.

    SOLO A ROMA!

    RispondiElimina
  6. Ahah grande non avevo visto questo post

    RispondiElimina