venerdì 10 giugno 2011

Assolutamente da condannare...

Gentile redazione di Cartellopoli,

vogliamo portare a conoscenza voi e i vostri lettori del messaggio che abbiamo trovato su alcuni cartelloni abusivi che nei mesi scorsi sono comparsi nel territorio del III Municipio (nonostante lo stop alle istallazioni di cartelloni promesso dall'Amministrazione Comunale quasi un anno fa). Condannando fermamente l'atto vandalico contro la proprietà privata che offende la legalità e il decoro di Roma, vorrei specificare che i cartelloni in questione sono stati installati su strade della zona tra San Lorenzo e Piazza Bologna, riqualificate pochi anni fa con i soldi dei romani. L'arredo urbano rinnovato sarà quindi da rifare, sempre a spese dei romani. Inoltre, i cartelloni sono piazzati a pochi metri da semafori e incroci, all'interno di spartitraffico minori di 4 metri, a poca distanza da altri cartelloni. Infrangono dunque diverse norme del codice della strada, e ci stupiamo che Sindaco e Giunta comunale accettino una tale derisione della legge in vigore. Alcuni di essi infine oscurano la vista di insigni edifici razionalisti come l'Università la Sapienza e la sede del CNR, e rovinano la prospettiva della Basilica quasi bimillenaria di San Lorenzo fuori le mura e della piazza antistante.

Segnaliamo la posizione precisa dei cartelloni in oggetto, per chi volesse verificare personalmente l'entità del vile gesto:
QUOUSQUE: via dei Marrucini (altezza CNR)
TANDEM: piazzale Aldo Moro (lato viale delle Scienze)
ALEMANNO: viale Ippocrate
ABUTERE: viale Ippocrate (largo Ettore Marchiafava)
PATIENTIA: piazzale del Verano (alt. fermate bus)
NOSTRA: viale dello Scalo di San Lorenzo

Con stima,

ResistEst

9 commenti:

  1. Hanno deturpato un rarissimo esemplare di "arbor nevadarius", perfettamente integrato nel filare di viale Ippocrate! Oh no! Non c'è più religione!

    RispondiElimina
  2. ...Bella azione!

    Anche se scrivere "ABUSIVO" su tutti forse avrebbe fatto più effetto.

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  3. Legio Aurelia Invicta10 giugno 2011 16:12

    Resist Est
    siamo commossi!!!!

    RispondiElimina
  4. Resist Est sei un mito. Abiti dalle mia parte. Se di notte buttando l'okkio ti vedo a far danni.... scendo io con le mie bombolette e ne facciamo per due :-)

    RispondiElimina
  5. PER NON DIMENTICARE.

    RispondiElimina
  6. Questo e altri blog antidegrado non invitano a danneggiare gli impianti pubblicitari! Ricordiamolo sempre.
    L'azione riportata da Resistest è davvero simbolica. I romani non ne possono più e usano ogni mezzo per dimostrarlo. Il Comune cerchi di cogliere il grido di dolore che arriva da cittadini di destra e sinistra.

    Filippo

    RispondiElimina
  7. Giusto Filippo, hai colto in pieno lo spirito!

    Grazie a tutti per l'apprezzamento.

    Buona Resistenza a tutti!

    RispondiElimina
  8. Ma Alemanno saprà il latino?

    RispondiElimina
  9. Legione Monteverde11 giugno 2011 16:20

    Peccato questi cartelloni abusivi facevano schifo al cazzo si vero, ma almeno uno si ricordava di Gianni Alemanno alle prossime elezioni e di tutto il PDL.

    RispondiElimina