mercoledì 22 giugno 2011

Diciamola in francese: queste merde hanno trasfigurato ogni singolo angolo di città


Siamo presso la metro San Paolo. A pochi metri da una delle Sette Basiliche... E' clamoroso che questi cartelloni siano lì e che al contempo sia lì, al suo posto, l'assessore al commercio che sulla cartellonistica ha la delega. O via loro o via lui. Delle due l'una. Tertium, non datur (ma tanto all'assessorato il latino non lo capiscono).
Non capiscono e ripetono come dei beoti: il probbblema c'è sempre stato.
Certo, c'è sempre stato. Ma quattro volte meno grave del punto in cui l'avete portato voi.
Volete vedere come era questa ex aiuola tre anni fa? Eccola: da 4 cartelloni a 1. Perché, come pure i bambini sanno, a Roma i cartelloni sono QUADRUPLICATI.
E cosa pensa IGP DECAUX che è rimasto dietro a tutti e che dunque non si vede? E' contento? Protesta? Tace e si fa dare qualcosa in cambio?

8 commenti:

  1. MUNNNNIZZA!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  2. Il decoro è un aspetto fondamentale della città.
    Di qualsiasi città.
    Attenzione: il fatto che la giunta comunale non consideri importante il decoro di Roma significa solo 2 cose:
    1_sono pagati per non vedere
    oppure
    2_non gliene frega niente del decoro e quindi della citta.
    Conclusione:
    non sono all'altezza del loro ruolo che gli compete; motivo per cui non dovranno essere rieletti al prossimo mandato.

    RispondiElimina
  3. non è da escludere che questi cialtroni non ne capiscano assolutamente nulla di decoro e arredo urbano, sono come quelli che pensano di arredare casa con un quadro e vanno direttamente all'IKEA

    RispondiElimina
  4. Magari l'arredo urbano di Roma avesse un livello da Ikea, almeno saremmo sopra la decenza.

    Invece Bordoni e Alemanno la decenza l'hanno già tirata giù dallo sciacquone del cesso. Tanto schifo da un ex ministro competente come Gianni Alemanno non me lo sarei mai aspettato. È peggio di Attila.

    RispondiElimina
  5. Ad essere chiari: non è che senza cartelloni Roma sia una città magnifica. Anzi, è una città piena di degrado comunque (graffiti, giardini non curati, monnezza, etc.).
    Ma i cartelloni, piazzati in questo modo, hanno reso l'arredamento urbano un qualcosa di tremendamente affollato, che forse neanche nelle baraccopoli di Calcutta.

    RispondiElimina
  6. Dai, ora arriverà il cartellonaro dell'altra volta a dire che sei di parte affermando che sei pagato da IGP Decaux!!!

    RispondiElimina
  7. L'ASSESSORATO AL COMMERCIO PUZZA DI MERDA !!!

    INTERVENGA LA MAGISTRATURA E LA GUARDIA DI FINANZA VERGOGNA !!!!

    RispondiElimina
  8. Roma è invasa dall'immondizia come Napoli. Solo che qui l'immondizia è nel Campidoglio e ha preso la forma di sindaco e assessori...

    RispondiElimina