giovedì 30 giugno 2011

Il momento di combattere

Oggi dovrebbe e potrebbe passare definitivamente il bilancio del Comune di Roma. Il bilancio più terrificante della storia della città. Il combinato disposto tra i tagli dei trasferimenti, l'assurda eliminazione dell'Ici, l'incapacità dell'amministrazione cittadina e la necessità di "coprire" i costi dei mille scandali e delle mille ruberie divorerà la città.
Il comune prova a galleggiare facendo aumentare tutto. Dai cimiteri agli asili nido passando per i musei. Tutto costerà più caro. La bolletta della monnezza costerà enormemente di più e enormemente di più costerà aprire una attività commerciale.

Ci sarà solo una cosa che, salvo miracoli che tutti in queste ore ci dobbiamo impegnare a fare, diminuirà nettamente: il canone che le ditte della mafia dei cartelloni pagano al comune. Meno 16% netto. Uno sconto senza senso, una roba così plateale nell'essere un regalo alla criminalità organizzata che controlla assessorato e dipartimenti che la metà basta. Uno scandalo nello scandalo.

Quando i responsabili di questo sacco che Roma non aveva mai sperimentato fino ad ora saranno tutti a marcire in galera, perché questo succederà dovesse essere l'ultima cosa che facciamo, sarà nostro onere scrivere il film dell'orrore di questi mesi. Ora è solo il momento di combattere. Non vi rassegnate ad avere una amministrazione sotto scacco delle mafie. NON VI RASSEGNATE. FATE QUALCOSA.

4 commenti:

  1. Dalla cronaca di Roma del quotidiano "Il Messaggero" del 27 giugno 2011.
    "Aumenti per le affissioni pubblicitarie proporzionalmente alla grandezza. Tali incrementi erano stati previsti anche lo scorso anno ma poi congelati perchè entrati in vigore dopo i termini previsti dalla legge. In quell’occasione si preferì bloccarli per evitare ricorsi e quest’anno sono stati riproposti ma nei termini corretti."

    RispondiElimina
  2. e speriamo che li applichino, anche se faranno il solletico alle potenti e criminali imprese addette alla distruzione di Roma

    RispondiElimina
  3. Per non dimenticare
    http://www.youtube.com/watch?v=ov1ELjpXbu4

    RispondiElimina