domenica 10 luglio 2011

Bosi-segnala: non siamo proprio a 1,80 metri

Segnalazione inviata il 21 giugno 2011 a: polmunicipaleseg16@comune.roma.it; francesco.paciello@comune.roma.it; segnalazioniaffissioni@comune.roma.it; polmunicipaleseggssu@comune.roma.it; davide.bordoni@comune.roma.it; assessorato.ambiente@comune.roma.it

In data 28 aprile 2011 é pervenuta a questa associazione una segnalazione corredata dalle foto allegate (scattate il 26.4.2011), che fa presente un impianto pubblicitario bifacciale di mt. 1 x 1 circa (vedi foto allegate come “Piazzale Dunant fronte civ.13 su spartitraffico_01.jpg” e “Piazzale Dunant fronte civ.13 su spartitraffico_02.jpg”) installato sullo spartitraffico di Piazzale Dunant all’altezza del civico n. 13 (vedi planimetria allegata “Piazzale Dunant fronte civ.13 su spartitraffico_pianta.jpg”).

La foto allegata come "Piazzale Dunant fronte civ.13 su spartitraffico_2008.jpg” é tratta da Google Maps e mostra che nel 2008 l’impianto non era stato ancora installato.

La foto allegata come "Piazzale Dunant fronte civ.13 su spartitraffico_cimasa.jpg” mostra che l’impianto ha in alto al centro una cimasa con il nome della ditta “D.D.N.” S.r.l., mentre la foto allegata come "Piazzale Dunant fronte civ.13 su spartitraffico_targhetta.jpg” mostra una targhetta affissa sul fianco dell’impianto che riporta il numero di codice identificativo 0060/AV056/P e la scritta “PIAZZALE ENRICO DUNANT, SC FRONTE CIV 11/13 SU SPARTITRAFFICO”.

Nell’elenco delle ditte pubblicitarie censite nella nuova Banca Dati del Servizio Affissioni (aggiornato alla data del 20.5.2011) al codice 0060 corrisponde come denominazione la ditta “D.D.N. S.r.l.”: si chiede ad ogni modo di sapere se nella stessa Banca Dati risulti che il progressivo impianto AV 056 identifichi effettivamente – in ottemperanza anche al comma 1 bis dell’art. 12 del Regolamento delle Affissioni, approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 37/2009 – la tipologia e l'ubicazione di questo specifico cartellone e corrisponda al titolo autorizzativo rilasciato per  esso,  specificando - in caso affermativo - a che titolo, in che data e nell'ambito di quale procedimento sia stato rilasciato, precisando se si sia trattato di "autodenuncia" o "ricollocazione" o "accorpamento" e soprattutto se ci sia stata una preventiva istruttoria sulla legittimità della posizione dell'impianto.

La segnalazione e le foto allegate come “Piazzale Dunant fronte civ.13 su spartitraffico_01.jpg” e “Piazzale Dunant fronte civ.13 su spartitraffico_02.jpg” evidenziano comunque in modo chiaro che l'impianto risulta collocato sullo spartitraffico centrale di Piazzale Enrico Dunant .

Il 4° comma dell'art. 5 del vigente Regolamento delle Affissioni consente “di avvalersi, in deroga ...., della facoltà di autorizzare gli impianti pubblicitari sulle pertinenze di esercizio con larghezze superiori a metri 4, comprese fra carreggiate contigue. In tali situazioni, gli impianti andranno collocati in posizione parallela all’asse stradale con distanza dal limite della carreggiata non inferiore a metri 1,80”.

Come lasciano chiaramente vedere le foto allegate l'impianto risulta collocato perpendicolarmente al senso di marcia, su una pertinenza stradale compresa fra carreggiate contigue con larghezza sicuramente superiore ai 4 metri, ma ad una distanza che sembra ben inferiore a metri 1,80 dal limite della carreggiata.

L‘impianto risulta collocato per di più a ridosso della aiuola spartitraffico, in violazione della lettera h) del 1° comma dell’art. 18 del vigente Regolamento comunale approvato dal Consiglio Comunale con delibera n. 37/2009, ai sensi del quale “é vietata la collocazione di impianti e mezzi pubblicitari nei seguenti siti: …. h) aree in consegna al Servizio Giardini già attrezzate a verde”.

Si chiede pertanto di voler accertare la regolarità del suddetto impianto, provvedendo - in caso di constatata violazione - alla sua immediata rimozione.

Si resta in attesa di un cortese riscontro scritto, che anche se per via telematica si richiede ai sensi degli articoli 2, 3 e 9 della legge n. 241/1990.

Distinti saluti.

Dott. Arch. Rodolfo Bosi
- Responsabile del Circolo Territoriale di Roma della associazione Verdi Ambiente e Società (VAS) -

1 commento:

  1. CARTELLONI ABUSIVI PER PUBBLICIZZARE LE DITTE COMPRO ORO IN MANO AD ORGANIZZAZIONI CRIMINALI PER IL RICICLAGGIO DI DENARO SPORCO.

    INTERVENGA LA GUARDIA DI FINANZA, A ROMA SI SPARANO PER STRADA PER IL CONTROLLO DI QUESTO MERCATO.

    RispondiElimina