venerdì 8 luglio 2011

Dio c'è, ma Lorenzo è Live!

Buonasera, volevo segnalare un prima/dopo estremamente fastidioso per un cartellone abusivo installato a P.zza di Villa Fiorelli incrocio con Via Terni.
In allegato prima, dopo e targhetta identificativa.
Grazie

Ale

12 commenti:

  1. Schifosi, in una delle piazze più belle di Roma...

    Le istituzioni che peggio di Ponzio Pilato stanno permettendo questo scempio pagheranno l'offesa continua che recano alla città di Roma.

    RispondiElimina
  2. QUESTO TIPO DI CARTELLONI E' QUELLO CHE PIU' DI TUTTI STA DETURPANDO/OFFENDENDO/STRAVOLGENDO GLI ANGOLI PIU' BELLI DI ROMA, IN CENTRO, A S.GIOVANNI, ALL'EUR, DAPPERTUTTO. STRAMALEDETTI BANDITI BASTARDI!

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  3. Questi impianti appartengono al circuito cultura e spettacolo.
    Questo è il livello di cultura a roma...

    RispondiElimina
  4. Parlo proprio del tipo di impianto: in metallo nero , a cornice, con le zampette. Sono tra quelli che più di tutti sono spuntati in aree ex - di pregio.

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  5. Mc Daemon appunto questo tipo di impianto appartiene al circuito cultura e spettacolo, facci caso pubblicizzano tutti eventi.

    RispondiElimina
  6. Sì è vero, pubblicizzano quasi sempre eventi.

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  7. Perchè, non li possono pubblicizzare in siti regolari? Ma i diretti interessati, spesso romani, che aspettano a dissociarsi da ciò che disintegra la bellezza della loro città?
    E poi: Spesso non si mettono pensiline dell'atac facendo riferimento alle dimensioni del marciapiede. Lì l'applicazione delle regole, per una cosa che è interesse della collettività (e che, tra l'altro, favorirebbe l'atac con incassi leciti!), è RIGIDISSIMA. Non vedrete mai una pensilina dove il marciapiede è considerato incongruo. Magari, però, sarà condonato, NELLO STESSO PUNTO, un cartellone che quelle regole le viola palesemente...
    Ste

    RispondiElimina
  8. La ODP, proprietaria degli impianti, tutti irregolari per la totale difformità delle targhette da quanto dovuto (nome ditta, indirizzo, etc.), si rende sistematicamente responsabile ANCHE di violazioni al codice della strada.
    I loro obbrobbri sono SEMPRE collocati laddove la visibilità è (illeggittimamente) garantita, vale a dire dove il codice della strada prescrive divieti, ovvero vicinissimo a semafori, passaggi pedonali, curve e quant'altro.
    Siamo o non siamo di fronte ad associazione per delinquere?
    Possibile che nessun magistrato legga questo ed altri blog antidegrado?

    RispondiElimina
  9. Non sono praticante nè credente di alcun culto, ma volevo sottolineare quello che rende questo abuso ancora più schifoso e cioè che viene offesa la vista di un luogo di culto.
    Nemmeno la Chiesa riesce perlomeno a far rispettare minimamente i propri luoghi sacri?
    Oppure neanche loro se ne sono accorti o non gliene può fregare di meno?
    Scandaloso

    RispondiElimina
  10. Ci sono stato oltre al cartellone anche un concerto di merda!

    RispondiElimina
  11. Confermo un gran concerto di merda!

    RispondiElimina
  12. Dopo due canzoni era senza voce, un concerto degno del cartellone che lo pubblicizzava...

    RispondiElimina