lunedì 4 luglio 2011

Inserzionisti di qualità

Gli impianti in città fanno pena ma anche gli inserzionisti non scherzano, in questo caso: il funerale a rate.
Io vorrei conoscere qualla persona che quando gli viene a mancare un caro per il servizio funebre si mette a guardare i 4x3, oppure dite che uno se lo segna prima tipo non si sa mai... Mah.
Ale77

7 commenti:

  1. "LA RISORA NELLA RISORSA!"

    Grazie bordoni!

    RispondiElimina
  2. I prati sono fatti per mettere cartelloni, SOLO A ROMA.

    RispondiElimina
  3. E vi perdete la flaminia da terni a spoleto, una decina di cartelli 3 x 2 (della famigerata ap italia) per i meravigliosi panini casarecci di zengoni, roba che al confronto le pubblicità delle partite di champions (sony, carte di credito, automobili) sono cose da provinciali, ahah
    Marco1963

    RispondiElimina
  4. Leggo bene o si tratta di un impianto di Clear Channel?

    Povero mercato pubblicitario romano...

    RispondiElimina
  5. Lettore attento4 luglio 2011 19:04

    Si...la "ditta seria", quella dei vasoni/cartelloni:
    http://bastacartelloni.blogspot.com/2011/04/dopo-quello-di-natale-di-roma.html

    E quell'inserzionista si autopromuove con cartelli 1 x 1 "fatti in casa" privi di targhetta piantati al posto degli alberi:

    http://bastacartelloni.blogspot.com/2011/05/il-comitato-segnala-rivogliamo-lalbero.html

    RispondiElimina
  6. Stanno alla frutta, se debbono affittare un 4 x 3 alle pompe funebri (la gente immagino che vedendo una cosa del genere prima si gratta i coglioni o tocca qualunque parte metallica e poi si gira dall'altra parte)
    Questa invasione non potrà durare all'infinito, ormai l'offerta è veramente troppa, prima o poi il fenomeno cartellonaro dovrà "autocontrarsi", sono le leggi dell'economia, non si scappa
    Marco1963

    RispondiElimina
  7. si sta già contraendo, i cartelloni "disponibili" aumentano sempre di più, solo che ora c'è la gara ad accaparrarsi i posti migliori (quelli più vietati),cioè gli svincoli e gli incroci.

    Le solite vittime: Roma e la legalità.

    RispondiElimina