mercoledì 6 luglio 2011

La follia ciclabile, aggiornamento

Riguardo al post pubblicato ieri ci sono delle novità.
Ieri sera sono passato in zona ed ho fatto altre foto (notare che bel lavoretto di fino sul marciapiede appena rifatto):
 
Subito dopo mi è venuto in mente che questo stesso cartellone era stato già segnalato da VAS l'11 marzo 2011 con un messaggio di posta elettronica indirizzato a: francesco.paciello@comune.roma.it; davide.bordoni@comune.roma.it; polmunicipaleseg12@comune.roma.it; segnalazioniaffissioni@comune.roma.it; polmunicipaleseggssu@comune.roma.it.
Segnalazione che ancora aspetta risposta e che viene riportata qui di seguito:
In data 8 marzo 2011 é pervenuta a questa associazione una segnalazione corredata dalle foto allegate (scattate la mattina del 21.2.2011) , che fa presente un impianto pubblicitario bifacciale installato su Via Laurentina all’altezza del civico n. 675 (vedi planimetria allegata come "DDN_Via_Laurentina_675_pianta.jpg”).

La segnalazione dimostra che l’impianto é stato installato di recente e lo attesa con la foto allegata come "DDN Via Laurentina 675 21 02 2011_02.jpg”, che mostra il cemento ancora chiaro e la stecca di legno che vi é tuttora conficcata: la segnalazione mette in evidenza che m
olti nuovi impianti della “D.D.N.” installati sulla Laurentina sono ancora senza pubblicità, al contrario invece di questo che è spuntato già con la pubblicità, presumibilmente su commissione diretta del vicino MC DONALD'S di viale America.

La segnalazione assicura ad ogni modo che nel 2008 l’impianto non c’era e lo dimostra con la foto allegata come "DDN_Via_Laurentina_675_2008.jpg”.

La segnalazione e la foto allegata come “DDN_Via_Laurentina_675_21_02_2011_targhetta.jpg” evidenziano che l'impianto presenta sulla cimasa  il nome della ditta “D.D.N.” S.r.l. ed una targhetta affissa sul fianco che porta il numero di codice identificativo 0060/AV 180/P assegnato presumibilmente dal Servizio Affissioni del Comune di Roma e la scritta “VIA LAURENTINA 675A SU SPARTITRAFFICO”.

Nell’elenco delle ditte pubblicitarie censite nella nuova Banca Dati del Servizio Affissioni (aggiornato alla data del 15.2.2011) al codice 0060 corrisponde effettivamente come denominazione la ditta “D.D.N.”S.r.l.: si chiede comunque di sapere se nella stessa Banca Dati risulti che il progressivo impianto AV 180 identifichi effettivamente – in ottemperanza anche al comma 1 bis dell’art. 12 del Regolamento delle Affissioni, approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 37/2009 – la tipologia e l'ubicazione di questo specifico cartellone e corrisponda al titolo autorizzativo rilasciato per esso,  specificando - in caso affermativo - a che titolo, in che data e nell'ambito di quale procedimento sia stato rilasciato, precisando se si sia trattato di "autodenuncia" o "ricollocazione" o "accorpamento" o “rinnovo” di autorizzazione e soprattutto se ci sia stata una preventiva istruttoria sulla legittimità della posizione dell’impianto in quel luogo.

La segnalazione evidenzia comunque che l'impianto risulta collocato sullo spartitraffico di Via Laurentina.

Il 4° comma dell'art. 5 del vigente Regolamento delle Affissioni consente "di avvalersi, in deroga ...., della facoltà di autorizzare gli impianti pubblicitari sulle pertinenze di esercizio con larghezze superiori a metri 4, comprese fra carreggiate contigue. In tali situazioni, gli impianti andranno collocati in posizione parallela all’asse stradale con distanza dal limite della carreggiata non inferiore a metri 1,80. Nel caso in cui le dimensioni dello spartitraffico lo consentano, l’impianto potrà essere collocato anche perpendicolarmente all’asse stradale, nel rispetto comunque della distanza sopra indicata dal limite della carreggiata".

Come lascia chiaramente vedere la foto allegata come ““DDN_Via_Laurentina_675_21_02_2011_01.jpg”", l'impianto risulta collocato in maniera perpendicolare alla Via Laurentina, su una pertinenza stradale compresa fra carreggiate contigue con larghezza inferiore ai 4 metri, e ad una distanza che appare sicuramente inferiore a metri 1,80 dal limite di entrambe le carreggiate.

A tale riguardo si fa presente che il XII Gruppo di Polizia Municipale ha sanzionato ai sensi dell’art. 23 del Codice della Strada un impianto installato proprio dalla ditta “D.D.N. S.r.l.” sempre sullo spartitraffico centrale di Via Laurentina, in prossimità del civico n. 797.

Si chiede pertanto di voler accertare la regolarità del suddetto impianto, provvedendo - in caso di constatata violazione - alla sua immediata rimozione.

Si resta in attesa di un cortese riscontro scritto, che anche se per via telematica si richiede ai sensi degli articoli 2, 3 e 9 della legge n. 241/1990.

Distinti saluti.

Dott. Arch. Rodolfo Bosi
- Responsabile del Circolo Territoriale di Roma della associazione Verdi Ambiente e Società (VAS) - 


----------------------------------------------------------------

Praticamente siccome nello spartitraffico centrale stanno facendo i lavori per il corridoio della mobilità sulla Laurentina presumibilmente la ditta ha pensato bene di toglierlo dallo spartitraffico (inferiore di 4 metri quindi irregolare) e piazzarlo alla stessa altezza della Via Laurentina in mezzo alla futura ciclabile.
Ai nostri amici ciclisti diciamo che se tutti gli impianti ora presenti sullo spartitraffico centrale della Laurentina finiscono sulla ciclabile preparatevi a delle stupende manche di slalom speciale...
Ale77

4 commenti:

  1. Possiamo affermare che, almeno in questo caso, il sistema (insieme di leggi, forze dell'ordine, magistratura, ecc.) ha clamorosamente fallito.
    Mi chiedo quando verrà tolto il cartello e chi pagherà il costo del rifacimento del manto della pista (sempre che venga riasfaltata).

    RispondiElimina
  2. Io intanto mando una mail a McDonald non volgare, ma nemmeno troppo gentile. Queste multinazionali sono molto attente all'immagine, chissà che non possa venire una inaspettata mano da loro invece che dalle autorità (magistratura compresa, salve giudici in lettura, ancora troppa fatica indagare su questo schifo eh... è una vitaccia lo so...)

    RispondiElimina
  3. Vorrei inoltre aggiungere che l'intero corridoio è una presa in giro nei confronti dei residenti, soprattutto di fonte laurentina e di trigoria: era previsto infatti il prolungamento della metro sino al campus biomedico, ma Caltagirone non poteva aspettare a costruire ( oltretutto ha versato il 15% dei costi dell'opera calcolati su una prima stima di 23mln di €, mentre ora il costo stimato è 163 mln di €; inoltre può edificare anche a mezzocammino, perchè il corridoio dell'immobilità dovrebbe raggiungere anche quel quartiere.). Il corridoio, a causa delle pressioni dei commercianti di via laurentina non permetterà il passaggio del filobus in sede protetta fino a via laurentina, ma si fermerà all'altezza di viale umanesimo, permettendo alle maghine di parcheggiare sui marciapiedi di fronte i loro negozi senza ritegno, ovviamente sotto l'occhio attento dei vigili e , sempre ovviamente, come scusa ufficiale hanno usato "proteggere gli alberi dello spartitraffico centrale" ( quando sarebbe bastato restringere i larghi marciapiedi per creare la preferenziale). inutile dire che i lavori sono partiti con 9 mesi di ritardo e che questo cartellone abusivissimo è l'ultima fregatura rifilata ai cittadini della zona...

    Riccardo

    RispondiElimina
  4. Risposta dell'azienda McDonald:

    Gentile Signor Esposito,
    la ringraziamo per la sua segnalazione a testimonianza del suo interesse per la nostra azienda.
    Le comunichiamo che ci siamo subito attivati per risolvere la criticità da lei evidenziata e stiamo provvedendo a rimuovere i cartelli nelle piste ciclabili.
    Ci scusiamo per il disagio che questa situazione le ha arrecato e ci auguriamo che quando accaduto non intacchi la fiducia che ha riposto nei nostri confronti.

    Voglia gradire i nostri più cordiali saluti.

    Servizio Clienti
    McDonald's Development Italy, Inc
    www.mcdonalds.it

    ******

    Fatemi sapere come evolve la faccenda dei cartelli a marchio McDonald, grazie :)

    RispondiElimina