sabato 2 luglio 2011

La zona dei tribunali...


Pare di stare a Mogadiscio. Anzi Mogadiscio avrebbe più dignità. Chi ha svenduto la città rendendola irriconoscibile? Non è possibile, da un palazzo, guardare quello di fronte. A che servono questi ridicoli e inutili messaggi pubblicitari? Qualcuno li guarda? Qualcuno ne è influenzato? Vale di più un cartellone che distrugge l'estetica e la dignità di una città, che fa fare soldi alle mafie o una semplice mail promozionale o un banner su un sito web che non hanno la minima conseguenza sul territorio? Quale è il maggiore valore commerciale? Perché alcune aziende ancora investono in questo tipo di pubblicità che nessuno guarda, che la gente odia, che squalifica l'immagine delle aziende?

6 commenti:

  1. Sono una banda di scorreggioni.

    RispondiElimina
  2. ORMIA OGNI ANGOLO DI ROMA E' UNA RIDICOLA CARICATURA DELLO SCHIFO...
    Cmq sò tutti contenti...mica vivono qua, che je frega!

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  3. Non so se vi siete accorti che avete fotografato il famoso cartellone della SCI di Via Lepanto con tanto di ALBERO SEGATO...Ricordate a Luglio 2010 il casino che facemmo..addirittura si svegliò dal letargo Legambiente per poi rientrarci puntualmente..nel frattempo per non farlo sentire solo ne hanno piantato un altro..di cartellone ovviamente.
    Roma in mano alla malavita...gli inserzionisti lo sanno bene che la pubblicità fatta in questo modo è odiata e non la guarda più nessuno.. ma forse sono costretti..forse

    RispondiElimina
  4. Si, purtroppo i cartelli e cartelloni di ogni forma efoggia continuano a moltiplicarsi ogni giorno senza fine nè (ovviamente) alcun controllo.

    BORDONI E ALEMANNO HANNO DISTRUTTO ROMA!

    RispondiElimina
  5. non sia mai che un giudice metta il muso fuori e si renda conto di qualcosa, no è.....

    RispondiElimina
  6. Stavo cercando la data del concerto di Alex Britti, grazie

    Mc Daemon (quello vero)

    RispondiElimina