mercoledì 27 luglio 2011

Sempre peggio

Breve storia dei vecchi 6x3 davanti alla Metro Eur Magliana...
Segnalazione inviata il 31 gennaio 2011 a: polmunicipaleseg12@comune.roma.it; francesco.paciello@comune.roma.it; davide.bordoni@comune.roma.it; segnalazioniaffissioni@comune.roma.it

In data 19.1.2011 é pervenuta a questa associazione una segnalazione corredata dalle foto che si rimettono in allegato: riguarda 2 megaimpianti pubblicitari affiancati che risultano installati in Viale Val Fiorita davanti alla fermata della Metro di EUR Magliana (vedi foto allegata "EurMagliana_pianta.jpg").

Le foto dell'impianto (allegate come "EurMagliana_01.jpg" ed "EuraMagliana_02.jpg") e la segnalazione stessa confermano il nome della ditta "MG" indicato sulla cimasa in alto, la quale ha assegnato i numeri 430-431-1046-1047 agli impianti affiancati, che sarebbero invece senza targhetta con il presumibile numero di codice identificativo assegnato dal Servizio Affissioni del Comune di Roma: le foto evidenziano anche e soprattutto in modo chiaro come si tratti di ruderi di 2 vecchi impianti di mt. 6 x 3 che non vengono da tempo utilizzati e che rischiano peraltro di cadere da un momento all'altro.

Si fa presente che ai sensi della lettera b) del 2° comma dell'art. 4 del Regolamento delle Affissioni, approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 37/2009, «sono vietati: ... b) gli impianti e i mezzi la cui superficie espositiva facciale superi i 12 metri quadrati».

Si chiede pertanto di volere accertare la natura illegale dei due suddetti impianti e di provvedere - in caso di constatata violazione - alla loro immediata rimozione.

Si resta in attesa di un cortese riscontro scritto, che anche se per via telematica si richiede ai sensi degli articoli 2, 3 e 9 della legge n. 241/1990.

Distinti saluti.

Dott. Arch. Rodolfo Bosi
- Responsabile del Circolo Territoriale di Roma della associazione Verdi Ambiente e Società (VAS) -

***********************************************************

Risposta [Polmunicipaleseg12] del 17 febbraio 2011:

I vecchi impianti pubblicitari da voi segnalati  sono da tempo sottoposti a sequestro perché oggetto di procedimento penale.
Cordiali saluti

***********************************************************

Ed ecco a cosa ha portato questo a dir poco lunghissimo sequestro penale, questo il lavoro fatto lo scorso fine settimana (23-24 luglio 2011):
Peccato che non rispettano assolutamente le distanze minime tra cartelloni e lo spartitraffico è sicuramente inferiore a 4 metri. Ricordiamo sempre che il 4° comma dell'art. 5 del vigente Regolamento delle Affissioni, approvato dal Consiglio Comunale con delibera n. 37/2009,  consente “di avvalersi, in deroga ...., della facoltà di autorizzare gli impianti pubblicitari sulle pertinenze di esercizio con larghezze superiori a metri 4, comprese fra carreggiate contigue. In tali situazioni, gli impianti andranno collocati in posizione parallela all’asse stradale con distanza dal limite della carreggiata non inferiore a metri 1,80. Nel caso in cui le dimensioni dello spartitraffico lo consentano, l’impianto potrà essere collocato anche perpendicolarmente all’asse stradale, nel rispetto comunque della distanza sopra indicata dal limite della carreggiata”.
Gli impianti al 25/07/2011 sono tutti senza targhetta identificativa NBD.
Chi ha autorizzato questa riconversione?
Come è possibile che accada tutto questo?
E soprattutto quando finirà?

PS. hanno pure lasciato il disco del frullino per terra...

Ale77

3 commenti:

  1. Ho già detto che la MG è come il maiale, non butta via niente
    Pertanto anche se sono 6 x 3 di 10 anni fa, tranquilli, tolto il 6 x 3 apparirà il 4 x 3, alcuni addirittura li hanno messi dove la vecchia giunta li aveva già rimossi, per esempio questo, in via silvestri, al centro della foto è la situazione 2008, adesso ovviamente c'è un bel MG nuovo di zecca (seguiranno foto)
    http://bit.ly/pxp2OR

    Marco1963

    RispondiElimina
  2. Tanto si sapeva che dal sequestro degli impianti 6x3 dell'MG sarebbe scaturito un affare per la stessa.
    Ma come è possibile che poi sia consentito rimpiazzarli in barba a tutti i regolamenti.
    Io le carte non le conosco però indagherei.
    C'era una sentenza? E' stata azzerata? Il dissequestro prevede anche il ripristino?
    Chi ha gestito questa pratica? Che cosa ha firmato?
    Saluti
    Anonimo pentito.

    RispondiElimina
  3. ma hanno sfasciato il marciapiede in un modo raccapricciante.
    ai tempi gli Unni fecero meno danni a Roma.
    mortacciloro ahò!

    RispondiElimina