lunedì 29 agosto 2011

Le rimozioni provocate dalle segnalazioni di VAS

Con una segnalazione trasmessa lo scorso 8 giugno ho segnalato il sottostante megaimpianto pubblicitario di mt. 8 x 3 installato lungo la ferrovia all’altezza del ponte che scavalca via Tuscolana.
A distanza di poco più di un mese la sig.ra Livia ci ha fatto sapere che é stato rimosso non solo il megaimpianto segnalato, ma anche il megastriscione pubblicitario installato con tanto di illuminazione
notturna sulla testata del ponte che sovrasta via Tuscolana, nonché l’impianto di mt. 4 x 3 installato sul pilone sinistro del ponte: lo attesta la foto sottostante.
La foto suddetta lascia capire che ad essere rimossi sono stati per ora gli impianti pubblicitari installati sicuramente su aree di proprietà ferroviaria: dal momento che la segnalazione é stata trasmessa anche alla Direzione Commerciale della S.p.A. Rete Ferroviaria Italiana (RFI), in considerazione della insolita rapidità con cui é stato dato immediato seguito alla segnalazione di VAS, sarebbe interessante sapere se la rimozione anche degli impianti vicini sia dovuta esclusivamente ad RFI, in forza dell’articolo unico della legge n. 132 del 18 marzo 1959 ai sensi del quale “è riservato allo Stato il diritto di esercitare la pubblicità sui beni demaniali e patrimoniali affidati all'Amministrazione delle ferrovie dello Stato anche quando la pubblicità stessa sia visibile o percettibile da aree o strade comunali, provinciali e statali nonché sui veicoli di proprietà privata circolanti sulle linee”.

In recepimento del suddetto disposto normativo, il 5° comma dell’art. 23 del D.Lgs. n. 285/1992 (con cui é stato emanato il nuovo Codice della Strada) stabilisce che “i cartelli e gli altri mezzi pubblicitari posti lungo le sedi ferroviarie, quando siano visibili dalla strada, sono soggetti alle disposizioni del presente articolo e la loro collocazione viene autorizzata dalle Ferrovie dello Stato, previo nulla osta dell'ente proprietario della strada”.

Di certo appare che ultimamente le segnalazioni di VAS vengono portate a diretta conoscenza anche delle ditte titolari degli impianti pubblicitari fatti oggetto delle segnalazioni: quel che non é dato al momento di sapere se questo avvenga ufficialmente perché l’Ufficio Rimozioni del Servizio Affissioni e Pubblicità trasmette alla ditta titolare dell’impianto installato abusivamente dell’impianto la diffida a rimuoverlo entro 10 giorni a sua cura e spese oppure avvenga invece perché in modo non ufficiale, attraverso chissà quali strade segrete comunque sconosciute, la ditta che si é resa responsabile della installazione abusiva viene messa a conoscenza della segnalazione di VAS che la riguarda.

Oltre al caso sopra richiamato, lo attesta un’altra rimozione di cui la sig.ra Livia ha voluto portarci a conoscenza e che riguarda uno solo dei 2 impianti pubblicitari installati in piazza Ragusa e segnalati da VAS con messaggio di posta elettronica trasmesso il 7 giugno scorso: si tratta dell’impianto che la ditta “NEVADA” (ora “NUOVI SPAZI”) aveva installato a ridosso delle strisce pedonali ed alla sinistra di un vicino impianto pubblicitario, come attesta la foto sottostante.

Mentre l’altro impianto installato dalla S.r.l. “PES” non é stato rimosso, così come non risultano rimossi nemmeno tutti gli altri impianti pubblicitari installati in piazza Ragusa, l’impianto ancora con la cimasa della ditta “NEVADA” é stato rimosso ma reinstallato a pochi metri di distanza, alla destra del vicino impianto pubblicitario, come lascia ben vedere la foto sottostante.
L’ipotesi che l’impianto sia stato rimosso ad opera della stessa ditta “NEVADA” (o “NUOVI SPAZI” che dir si voglia)  non tanto perché diffidata ufficialmente dall’Ufficio Rimozioni del Servizio Affissioni e Pubblicità, quanto perché “avvertita” segretamente della segnalazione di VAS, é avvalorata dalla considerazione che la nuova collocazione risulta in violazione delle stesse distanze minime prescritte dal Codice della Strada e dal suo Regolamento di attuazione, nonché dal vigente Regolamento comunale di Pubblicità, e non può quindi essere stata consentita a conclusione di una regolare “istruttoria” svolta dall’Ufficio Ricollocazione del Servizio Affissioni e Pubblicità.

L’ipotesi suddetta, se confermata, attesterebbe il grado di spadroneggiamento a cui sono arrivate ormai le ditte pubblicitarie, che viene consentito in modo proporzionale al grado di inerzia dei diversi uffici del Servizio Affissioni e Pubblicità competenti al “controllo” ed alla dovuta repressione di tutti gli impianti installati illecitamente.

Comunque sia, della reinstallazione in piazza Ragusa verranno fatti presenti tutti i vizi di legittimità con una nuova apposita segnalazione di VAS.


Dott. Arch. Rodolfo Bosi
- Responsabile del Circolo Territoriale di Roma della associazione Verdi Ambiente e Società (VAS) - 

6 commenti:

  1. Visto il successo ottenuto, mi chiedo se un'analoga fotosegnalazione del megastriscione sotto il ponte su via Ettore Rolli (Trastevere) direzione via degli Orti di Cesare con pubblicità della Kocca sortirebbe lo stesso effetto. Non ho mai la fotocamera quando ci passo, quindi invito qualche volonteroso a farlo.
    E notare come il Nevada ricollocato a piazza Ragusa sponsorizzasse la campagna pro-cani...

    RispondiElimina
  2. Davvero molto interessante...Cominciano a manifestarsi alcuni meccanismi "occulti".

    Ancora una volta un Grazie enorme all'Arch. Bosi.

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  3. Vi consiglio di guardare dall'altro lato del ponte ferroviario di Via Tuscolana, se non hanno già provveduto a rimuoverlo, troverete due 4,00x3,00 sovrapposti con due targhette diverse da formare un unico 4,00x6,00

    RispondiElimina
  4. Dici sul lato sinistro sopra il Todis? Fino all'ultima volta che ci sono passata, erano ben 3 sovrapposti... e sono rientrati in una Bosi-segnalazione di giugno.

    RispondiElimina
  5. per favore chi abita in zona e può segnalare subito la cosa all'arch. Bosi?
    Piazza dell'alberone su Via Appia Nuova: l'hanno rifatto! c'è un nuovo cartellone davanti "l'alberone" che pubblicizza un centro per le analisi mediche (tra l'altro di viale Liegi o giù di lì). altro cartello identico quasi di fronte sull'altro lato della strada(davanti la porta d'ingresso della sede del P.D. per intenderci).
    grazie a chi farà prima!

    RispondiElimina
  6. CON ALEMANNO ROMA CAMBIA...grazie sindaco alle prossime elezioni pagherete tutto!!!

    RispondiElimina