giovedì 15 settembre 2011

Di questo passo arriviamo a mille...

Ormai il Dipartimento competente non riesce neppure più a stare dietro alla Banca Dati delle ditte autorizzate a affiggere e piantare cartelloni in giro per la città. L'ultimo aggiornamento, che praticamente fotografa soltanto il mese di Agosto essendo quello precedente uscito l'8/8, ci racconta di 44 ditte in più. "Ma sono negozi, farmacie, concessionarie che pagano per mettere l'insegna" dicono loro. "Vero" diciamo noi "ma in mezzo a queste continuano ad aumentare gli operatori pubblicitari, veri e propri raider secondo le ditte storiche, ormai definitivamente disperate (almeno quelle che non hanno approfittato della macelleria messicana degli ultimi due anni), avventurieri che giungono a Roma da tutto il paese come gli avvoltoi si materializzano su una carogna in decomposizione".

Peraltro la lista, come potete vedere nel link, presenta tutta una serie di falle che la dicono lunga sulla gestione informatico-gestionale del comparto. Sarebbe divertente capire perché si salta da 433 a 440 e perchè manca la 447, ad esempio. Ma questo è niente, davvero niente, rispetto alle falle (anzi, alle voragini) che senza alcun dubbio ci saranno nei meandri della NBD, la famosa, anzi la famigerata Nuova Banca Dati. Se solo ci lasciassero consultarla. Se solo pubblicassero anche quei dati, non solo la lista delle ditte, ci vorrebbe un attimo a mettere spalle al muro l'attuale gestione della partita. Non disperiamo e nel frattempo consigliamo alla magistratura di dare una occhiatina. A disposizione...

3 commenti:

  1. 0454: SORCI (sì, SORCI !!!!) Patrizia, ahahahahah

    Marco1963

    RispondiElimina
  2. Nell'aprile 2010 le ditte erano 127

    http://www.comune.roma.it/PCR/resources/cms/documents/DittePubblicitariePresentiBD_Aprile10.pdf

    Ora sono tre volte di più.

    Come si può notare in quell'elenco sono presenti quasi tutte società ed alla fine si salta da 176 a 290.
    Quel buco ora è stato riempito da una miriade di nomi di singole persone, poi dal 290 riprendono le società tranne qualche eccezione.
    Misteri...

    RispondiElimina
  3. e che scusa sarebbe che si tratta solo di negozi o farmacie che pagano per mettere l'insegna?
    qui praticamente ogni nuovo negozio che apre decide di piantare in giro 7-8 cartelli, rigorosamente abusivi, per pubblicizzarsi.
    ultimo caso il comprooro di Via Appia Nuova 41. lungo Via Appia Nuova, piazza re di roma, via britannia ecc. ecc. ne ha piazzati parecchi di nuovi cartelli dentro i parcheggi dello spartitraffico centrale dei suoi cartelli gialloneri osui pamrciapiedi

    RispondiElimina