martedì 20 settembre 2011

Lutto cittadino

 
 
 
 
 
A quanto pare qualcuno si sta veramente ma veramente arrabbiando. Questi adesivi potrebbero essere assai geniali, che ne pensate? Peccato però che rappresentino un volgare vandalismo inaccettabile. Non si riesce a capire, infatti, come sia possibile che un povero, onesto, impeccabile cartellonaro, che non ha colpe, che voleva solo umilmente e semplicemente installare la sua immondizia di resina e metallo di fronte ai più importanti monumenti della città, venga bersagliato in tale modo. Ma guardate un po' che vandalismo becero che cresce in città. Ora va a finire che neppure si può distruggere l'immagine, la dignità e la storia di Roma in santa pace aho...

9 commenti:

  1. ehi un momento ma questi adesivi sono semplicemente stupendi. li voglio. li vooooglio

    RispondiElimina
  2. poveri cartellonari che vitaccia che fanno!

    Alemanno gli ha regalato Roma e c'è pure qualcuno che protesta!

    A S S U R D O

    RispondiElimina
  3. SIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII

    RispondiElimina
  4. E' veramente un lutto vedere lo scempio dei cartelloni a Roma! Ci vorrebbe un funerale di stato per la città ridotta così!

    RispondiElimina
  5. andrebbe solo fatta una piccola correzione per dare una informazione completa a chi li legge questi adesivi.. invasione cartellone abusivi la parola "abusivi" va sottolineata

    RispondiElimina
  6. no! non va messa né sottolineata, perché i cartelloni non sono abusivi ma regolari, ancorché illegali.

    RispondiElimina
  7. Davanti al Colosseo quadrato... il Duce li avrebbe impiccati per le palle, altro che Alemagno

    RispondiElimina
  8. Debbo anzitutto far presente a wanderobo delle ore 12,43 che la "regolarità" amministrativa, vale a dire la registrazione nella Nuova Banca Dati perché si é comunque pagato magari la indennità pari al CIP per impianti installati abusivamente, ma autodenunciati,non significa anche una "regolarità" tecnica e giuridica(che spesso, per non dire quasi sempre, non viene verificata) e comunque una "legittimità" dei medesimi impianti.
    A conferma di questo gli metto in risalto in secondo luiogo che ai sensi dell'ultimo periodo del 2° comma dell'art. 1 del vigente Regolamento "le iniziative pubblicitarie svolte con qualunque mezzo nel territorio del Comune
    di Roma in difetto o in violazione della prescritta autorizzazione, ovvero comunque
    non contemplate nel presente Regolamento, o non autorizzate da altri Enti ai sensi
    dell’art. 23 comma 4 del Codice della strada, sono da considerarsi abusive a tutti gli
    effetti".
    Ne deriva come giusta espressisone una affermazione un pò diversa da quella usata da wanderobo, vale a dire che in tutti i casi suddetti gli impianti sono a tutti gli effetti "abusivi", ancorché regolarmente inseriti nella Nuova Banca Dati.

    RispondiElimina