mercoledì 28 settembre 2011

Ma che è diventata una moda?

 
 
 
 
Ma guardate cosa ci tocca pubblicare. Questa squallida moda di inserire messaggi di protesta va diffondendosi sempre di più. E' mai possibile, ripetiamo, che la mafia dei cartelloni non possa, in santa pace, umiliare e massacrare una delle più importanti città del mondo? Urge un intervento contro questi cittadini che pensano addirittura di poter difendere la propria città dal più micidiale e atroce sacco che abbia mai subito.

5 commenti:

  1. Lasciate stare i cartellonari, gente che segue le regole e installano impianti solo dove è consentito.
    Ringraziamo invece l'apparato burocratico, l'VIII dipartimento e il suo assessore Bordoni, che grazie al duro lavoro quotidiano, permettono a questo settore economico di diventare sempre più prolifico.

    MAFIE E CORRUZIONI DIETRO I CARTELLONI

    RispondiElimina
  2. meno male che sono così piccoli che non li nota nessuno...

    RispondiElimina
  3. MA DOVE SE PRENDONO ME NE SERVONO A MIGLIAIA!!!

    RispondiElimina
  4. Speriano che l'assessore Bordoni intervenga subito contro l'uso ignobile di questi adesivi che deturpano Roma e umiliano tutti i romani.

    RispondiElimina
  5. Che oltraggio! in qualità di cartellonaro, devo difendere il mio diritto Bordoniano/alemaniano di non avere i miei bei cartelloni 6X5 imbrattati da questi incivili adesivi!!!

    RispondiElimina