sabato 29 ottobre 2011

Clamoroso. Dopo due anni di lotta, la mafia romana dei cartelloni viene portata all'attenzione del Parlamento e del Governo


Un'interrogazione a risposta scritta è stata presentata dalla deputata del Pd Giovanna Melandri al ministro dei Beni culturali, Giancarlo Galan sulla questione dei cartelloni pubblicitari a Roma. "Negli ultimi anni -scrive Melandri- nella città di Roma, il settore delle affissioni e degli impianti pubblicitari ha visto l'esplodere di un grave fenomeno consistente nella esponenziale moltiplicazione su tutto il territorio cittadino di numerosissimi nuovi impianti pubblicitari di ogni foggia e dimensione".
Nell'interrogazione Melandri sottolinea che i cartelloni pubblicitari "vengono spesso collocati in luoghi e situazioni tali da ledere in maniera significativa all'immagine ed alla visione della città e dei suoi monumenti, inquinando gravemente il paesaggio urbano e compromettendo il decoro di Roma".
Inoltre, si legge ancora nell'interrogazione, "l'abusivismo si è acuito nel settore delle affissioni, tale per cui molti nuovi impianti vengono collocati senza autorizzazione, in spregio di ogni norma di tutela del patrimonio storico, culturale e monumentale".

Melandri denuncia anche l'amministrazione comunale di Roma, "che non riesce ad arginarne la dilagante illegittimità; prova ne sia l'episodio, denunciato dai cittadini romani, relativo alla campagna contro l'abbandono dei cani, la quale promossa ed attuata dal Comune di Roma come iniziativa istituzionale, ha visto manifesti della stessa amministrazione affissi su impianti abusivi, peraltro già sanzionati dagli organi municipali".

Amministrazione, rimarca la deputata del Pd, che nonostante le segnalazioni e le proteste, "non si è determinata ad agire in maniera incisiva per arginare la grave situazione creatasi". Sottolineando gli "enormi danni all'immagine turistica e monumentale della città" che tutto ciò comporterebbe, Melandri chiede a Galan se "abbia valutato di sollecitare l'intervento delle Soprintendenze competenti e se da queste sia stata segnalata la grave situazione".


*Non aggiungiamo nulla, lasciando a voi i commenti di un fatto di importanza cruciale per la nosta battaglia. Stiamo lavorando soltanto per scrivere una lettera a Giovanna Melandri, mettendo a sua disposizione tutto il nostro materiale. Il nostro sconfinato materiale. Il nostro abissale materiale. Il nostro materiale che basterebbe e avanzerebbe a sbattere in galera certe persone anche senza passare dal processo.
-Cartellopoli

7 commenti:

  1. in questo caso dire 'meglio tardi che mai' fa solo rabbia e anzi forse è già troppo tardi.
    eppure se non erro sti deputati e senatori spesso ci vivono o bazzicano per Roma, per cui guardando le strade e le piazze della città si sarebbero dovuti accorgere che qualcosina non stava andando e avrebbero dovuto sollevare molto molto prima la loro interrogazione.
    Esattamente come ce ne siamo accorti noi poveri e semplici cittadini comuni mortali.
    Loro vivranno di sicuro in posti più esclusivi e più 'in' ma questo non li giustifica in quanto abbiamo visto che questa mafia dei cartelloni ha installato robaccia in qualsiasi quartiere e zona storica di Roma (piazza della Repubblica compresa).
    Naturalmente quello che penso io è che abbiano lasciato fare questa situazione in modo da avere più in là un formidabile argomento di denuncia contro l'amministrazione Alemanno il quale incredibilmente ha annunciato di volersi ricandidare alle prossime elezioni comunali.
    è fenomenale la faccia tosta della gente ahò ma questo si ricandida!!!
    è da ammirare in fondo, perchè io personalmente credo che non avrei avuto il suo coraggio e la sua faccia di bronzo.
    comunque si continua a lottare e denunciare senza sosta in attesa che a partire dal 2013 si possa cominciare a togliere di mezzo tutta sta monnezza de cartelloni nell'arco di qualche anno.
    FORZA NOI!

    RispondiElimina
  2. Io dico grazie alla Melandri perchè fino ad ora è stata l'unica tra i politici di caratura nazionale - in un panorama desolante di benaltrismo - a sollevare la questione. Potremmo anche inviarle i nostri commenti positivi: una volta tanto che qualcuno ci ascolta.......!

    RispondiElimina
  3. Suggerisco di scrivere anche all'onorevole che presenterà altra interrogazione (settimana prossima)A Matteoli sui Cartelloni a proposito della SICUREZZA STRADALE DI ROMA COMPROMESSA.

    MI SEMBRA CHE ANCHE QUESTA INTERROGAZIONE SARA' PRESENTATA DAL PD (sempre Melandri ?)

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  4. http://trafficomatto.blogspot.com/2011/10/e-finita-come-temevamo.html


    commentate voi... questo pazzo furioso
    grazie

    RispondiElimina
  5. Roma ringrazia, spero che la risposta sia mandare in galera gli assessori che sono collusi con le organizzazioni criminali che speculano dietro i cartelloni pubblicitari.

    MAFIA E CORRUZIONE INTERVENGA LA MAGISTRATURA.

    RispondiElimina
  6. LA MELANDRI FU DESTINATARIA DI UNA DELLE CARTOLINE SPEDITE DAL COMITATO PROMOTORE, PROMISE CHE SE NE SAREBBE INTERESSATA. HA RISPETTATO LA PROMESSA, GLIENE DOBBIAMO DARE ATTO!

    RispondiElimina
  7. Grazie alla Melandri.

    RispondiElimina