mercoledì 30 novembre 2011

Cartelloni e lapidi: un paesaggio urbano cui ci dovremo abituare

Fin'ora sono stati fortunati: solo morti stranieri... Ma quando si schianterà contro un cartellone il figlio di un notaio, di un avvocato, di un professionista? Cosa succederà?

7 commenti:

  1. GRAZIE AL SINDACO GIANNI ALEMANNO.

    RispondiElimina
  2. Ecco il pdl a milano... adesso tocca a Bordoni:

    http://milano.repubblica.it/cronaca/2011/11/30/news/traffico_illegale_di_rifiuti_coivolti_politici_e_imprenditori-25825370/?ref=HRER1-1

    RispondiElimina
  3. ma ci siamo gia abituati da un pezzo!!!!
    Solo a Roma infatti ho visto le lapidi sulle strade ovunque: cartelloni, guarda rail alberi...

    RispondiElimina
  4. Ma di questa moda delle lapidi-fiori ovunque ne vogliamo parlare? Ma quando mai s'è visto che ognuno si senta il diritto d'installare lapidi sulle pubbliche strade?

    RispondiElimina
  5. Detto ciò, RIP a quella poveraccia se è morta per via di quel cartellone schifoso.

    RispondiElimina
  6. Faccio notare che tutti questi cartelloni sono di una ditta annullata a luglio 2011.
    Col cavolo li rimuoveranno mai

    RispondiElimina
  7. E' colpa di quell'idiota con la 600, che colpa ne aveva il cartello se questi ha deciso di andarci addosso ???

    Marco1963

    RispondiElimina